Dīmītrios Salachas

vescovo cattolico greco
(Reindirizzamento da Dimitrios Salachas)
Dīmītrios Salachas
vescovo della Chiesa cattolica
Mgr Dimitrios Salachas.JPG
Template-Bishop (eastern rites).png
 
TitoloGrazianopoli
Incarichi attuali
Incarichi ricoperti
 
Nato7 giugno 1939 (81 anni) ad Atene
Ordinato presbitero9 febbraio 1964
Nominato vescovo23 aprile 2008 da papa Benedetto XVI
Consacrato vescovo24 maggio 2008 dall'eparca Mihai Cătălin Frățilă
 

Dīmītrios Salachas (in greco Δημήτριος Σαλαχας; Atene, 7 giugno 1939) è un vescovo cattolico greco, esarca apostolico di Grecia dal 2008 al 2016.

BiografiaModifica

Monsignor Dīmītrios Salachas è nato ad Atene il 7 giugno 1939.

Formazione e ministero sacerdotaleModifica

È entrato nel seminario minore dei padri assunzionisti e poi è passato al seminario minore dell'esarcato apostolico di Grecia.

Ha compiuto gli studi di filosofia alla Pontificia Università Urbaniana e quelli di teologia alla Pontificia Università Gregoriana. Successivamente ha studiato nel seminario di Sant'Anna a Gerusalemme.

Il 9 febbraio 1964 è stato ordinato presbitero per l'esarcato apostolico di Grecia a Gerusalemme. Si è laureato in utroque iure presso l'Università di Atene. Nel 1971 è stato nominato professore presso l'Istituto ecumenico di Bari e successivamente ha insegnato diritto canonico orientale anche al Pontificio istituto orientale, in varie università romane e all'Institut catholique di Parigi.

È stato membro della commissione teologica per il dialogo ecumenico con le Chiese ortodosse fin dalla sua creazione, consultore della Congregazione per le Chiese orientali, del Pontificio consiglio per la promozione dell'unità dei cristiani e del Pontificio consiglio per i testi legislativi. È stato inoltre referendario del Supremo tribunale della Segnatura apostolica e membro della commissione speciale per la trattazione delle cause di scioglimento di matrimonio in favorem fidei.

Ha pubblicato numerosi libri ed articoli di diritto canonico orientale. Nel 2006 è stato nominato cappellano di Sua Santità.

Ministero episcopaleModifica

Il 23 aprile 2008 papa Benedetto XVI lo ha nominato esarca apostolico di Grecia e vescovo titolare di Carcabia. Ha ricevuto l'ordinazione episcopale il 24 maggio successivo dal vescovo ausiliare di Făgăraș e Alba Iulia Mihai Cătălin Frățilă, coconsacranti il vescovo di Sira e Milo Franghískos Papamanólis e il vescovo ausiliare di Kiev Hlib (Borys Sviatoslav) Lonchyna.

Il 14 maggio 2012 è stato trasferito alla sede titolare di Grazianopoli.

Il 27 agosto 2014 papa Francesco lo ha nominato membro della commissione di studio per la riforma del processo matrimoniale canonico. Questa commissione ha concluso i suoi lavori con la pubblicazione da parte del papa nel 2015 dei motu proprio Mitis Iudex Dominus Iesus e Mitis et misericors Iesus sulla riforma del processo canonico per le cause di dichiarazione di nullità del matrimonio rispettivamente nel Codice di diritto canonico e nel Codice dei canoni delle Chiese orientali.

Nel febbraio del 2015 ha compiuto la visita ad limina.

Il 2 febbraio 2016 papa Francesco ha accettato la sua rinuncia al governo pastorale dell'esarcato per raggiunti limiti di età.

OpereModifica

  • L'iniziazione cristiana nei Codici orientale e latino (1992);
  • Istituzioni di diritto canonico delle Chiese cattoliche orientali (1993);
  • Il sacramento del matrimonio nel Nuovo Diritto canonico delle Chiese orientali(1994);
  • Il Diritto canonico delle Chiese orientali nel primo millenio (1997);
  • Teologia e disciplina dei sacramenti nei codici latino e orientale (1999);
  • La vita consacrata nel Codice dei canoni delle Chiese orientali (CCEO) (2006);
  • Chierici e ministero sacro nel codice latino e orientale: prospettive interecclesiali (2004);
  • Questioni interecclesiali nel diritto matrimoniale canonico (2003);
  • Dialogo interreligioso e inculturazione del Vangelo nell'azione missionaria della Chiesa (2003);
  • Codificazione latina e orientale e canoni preliminari (2003);
  • Il magistero e l'evangelizzazione dei popoli nei Codici latino e orientale: studio teologico-giuridico comparativo (2001);
  • Costituzioni dei Santi Apostoli: per mano di Clemente (2001);
  • Ta mysteria tes christianikes myeseos (Baptisma, Christma, Theia Eucharistia): sto neo kodika kanonikou dikaiou tes Romaiokatholikes Ekklesias (Codex Iuris Canonici) (1989);
  • Il dialogo teologico ufficiale tra la chiesa cattolico-romana e la chiesa ortodossa: iter e documentazione (1994);
  • Il dialogo teologico ufficiale tra la chiesa cattolico-romana e la chiesa ortodossa: la quarta assemblea plenaria di Bari, 1986-1987 (1988).

Genealogia episcopaleModifica

Successione apostolicaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN88914564 · ISNI (EN0000 0001 1030 7143 · LCCN (ENn91108102 · GND (DE128809418 · BNF (FRcb130773623 (data) · BAV ADV10186216 · WorldCat Identities (ENlccn-n91108102