Apri il menu principale

Piero Giarda

economista e accademico italiano
(Reindirizzamento da Dino Piero Giarda)
Dino Piero Giarda
Piero Giarda - Festival Economia 2013.JPG

Ministro per i rapporti con il Parlamento
con delega all'attuazione del programma di governo
Durata mandato 16 novembre 2011 –
28 aprile 2013
Presidente Mario Monti
Predecessore Elio Vito
Successore Dario Franceschini

Sottosegretario di Stato del Ministero del tesoro
Durata mandato 17 gennaio 1995 –
31 dicembre 1997
Presidente Lamberto Dini
Romano Prodi

Sottosegretario di Stato del Ministero del tesoro, del bilancio e della programmazione economica
Durata mandato 1º gennaio 1998 –
11 giugno 2001
Presidente Romano Prodi
Massimo D'Alema
Giuliano Amato

Dati generali
Partito politico Indipendente
Titolo di studio Laurea in economia e commercio
Università Università Cattolica del Sacro Cuore
Professione Economista; Docente universitario

Dino Piero Giarda (Milano, 9 dicembre 1936) è un economista e accademico italiano.

BiografiaModifica

Dino Piero Giarda si è laureato nel 1962, in economia e commercio presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. In seguito ha proseguito gli studi negli Stati Uniti presso gli atenei di Princeton e Harvard.

Dal 1968 è stato professore di Economia politica, Politica economica e finanziaria ed Econometria presso l'Università Cattolica di Milano. In seguito è stato nominato professore ordinario di Scienza delle finanze nel medesimo ateneo.

Il 21 dicembre 2013 ha assunto la presidenza del Consiglio di sorveglianza della Banca Popolare di Milano, risultando eletto dall'assemblea dei soci, che si è tenuta il medesimo giorno alla Fieramilano di Rho-Pero, con 3961 voti su un totale di 5705 soci partecipanti[1]. Il 30 aprile 2016 gli subentra Nicola Rossi.

Incarichi governativiModifica

Piero Giarda è stato Presidente della Commissione Tecnica per la Spesa pubblica presso il Ministero del Tesoro dal 1986 al 1995[2].

Giarda ha poi ricoperto ininterrottamente dal 1995 al 2001 la carica di sottosegretario dapprima al Ministero del tesoro, e successivamente al Ministero del tesoro, del bilancio e della programmazione economica nella XII Legislatura nella compagine del Governo Dini, e nella legislatura successiva durante il primo Governo Prodi, nei successivi primo e secondo governo d'Alema e nel secondo Governo Amato.

È stato nominato Ministro per i rapporti con il Parlamento del governo Monti il 16 novembre 2011, ruolo delicato data la composizione tecnica dell'esecutivo[2]. Dal 25 novembre dello stesso anno gli viene affidata anche la delega al Dipartimento per l'attuazione del programma di governo[3]. Dai primi mesi del 2012 il ministro Giarda è stato incaricato di focalizzarsi sulla razionalizzazione della spesa pubblica, operazione cosiddetta di spending review[4].

PubblicazioniModifica

  • Dove vanno le Regioni?, con Augusto Barbera e Giancarlo Mazzocchi, Milano, Vita e pensiero, 1976.
  • Il conto consolidato della spesa pubblica in Campania : anno 1976, Napoli, Formez, 1979.
  • Conto consolidato della spesa pubblica in Lombardia, Milano, F. Angeli, 1982.
  • Finanza locale : idee per una riforma, Milano, Vita e pensiero, 1982.
  • Bilanci pubblici e crisi finanziaria, con Nicola Parmentola, Bologna, Il mulino, 1990. ISBN 88-15-02833-1.
  • Produttività, costi e domanda dei servizi postali in Italia, con Ugo Arrigo e altri, Bologna, Il mulino, 1993. ISBN 88-15-04169-9.
  • Regioni e federalismo fiscale, Bologna, Il mulino, 1995. ISBN 88-15-04817-0.
  • L'esperienza italiana di federalismo fiscale : una rivisitazione del Decreto legislativo 56/2000, Bologna, Il mulino, 2005. ISBN 88-15-10547-6.
  • L'uomo e il denaro : conferenze del ciclo di approfondimento sul tema : 2005-2006, con Daniela Parisi, Milano, I.S.U., Università cattolica, 2007. .978-88-8311-524-0.

OnorificenzeModifica

  Grande ufficiale dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
«Di iniziativa del Presidente della Repubblica»
— 11 giugno 1997[5]
  Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
«Di iniziativa del Presidente della Repubblica»
— 5 aprile 2000[6]

NoteModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  • Dino Piero Giarda, Università Cattolica del Sacro Cuore. URL consultato il 17 novembre 2011.
Controllo di autoritàVIAF (EN60336220 · ISNI (EN0000 0000 6129 1260 · SBN IT\ICCU\TO0V\008119 · LCCN (ENn78035217 · BAV ADV10159864 · WorldCat Identities (ENn78-035217