Apri il menu principale
Berrea
Sede vescovile titolare
Dioecesis Berrhoeensis
Patriarcato di Costantinopoli
Sede titolare di Berrea
Localizzazione di Berrea in Grecia
Vescovo titolare sede vacante
Istituita 1933
Stato Grecia
Diocesi soppressa di Berrea
Suffraganea di Tessalonica
Eretta ?
Soppressa ?
Dati dall'annuario pontificio
Sedi titolari cattoliche

La diocesi di Berrea (in latino: Dioecesis Berrhoeensis) è una sede soppressa e sede titolare della Chiesa cattolica.

Indice

StoriaModifica

Berrea, corrispondente alla città di Veria in Grecia, è un'antica sede vescovile della provincia romana di Macedonia nella diocesi civile omonima, suffraganea dell'arcidiocesi di Tessalonica. Nel XIII secolo divenne una sede arcivescovile autocefala e sul finire del medesimo secolo è documentata come sede metropolitana.

La comunità cristiana di Berea fu fondata dall'apostolo Paolo, come è narrato nel libro degli Atti degli Apostoli (17,10-14). Primo vescovo conosciuto dalla tradizione cristiana fu Onesimo, discepolo di san Paolo e da lui menzionato nella lettera ai Colossesi come fedele e caro fratello (4,9).

Sono solo cinque i vescovi conosciuti di questa sede nel primo millennio. Geronzio prese parte al concilio di Sardica (circa 344).[1] Luca fece parte del brigantaggio di Efeso nel 449[2] e Sebastiano del concilio di Calcedonia del 451.[3] Al sinodo di Costantinopoli convocato dal patriarca Menas nel 536 assistette Timoteo.[4] Infine Giuseppe fu uno dei vescovi che condannarono il patriarca Fozio nell'869.[5]

Oggi Berrea è una sede vescovile titolare della Chiesa cattolica; la sede è vacante dal 26 settembre 1993.

Cronotassi dei vescovi greciModifica

  • Sant'Onesimo † (I secolo)
  • Geronzio † (menzionato nel 344)[6]
  • Luca † (menzionato nel 449)
  • Sebastiano † (menzionato nel 451)
  • Timoteo † (menzionato nel 536)
  • Giuseppe † (menzionato nell'869)

Cronotassi dei vescovi titolariModifica

NoteModifica

  1. ^ Mansi, Sacrorum conciliorum nova et amplissima collectio, t. III, coll. 39 e 42.
  2. ^ Mansi, op. cit., t. VI, coll. 847 e 930.
  3. ^ Mansi, op. cit., t. VI, coll. 912, 977, 1070, e 1083. Lequien attribuisce, sempre nel 451, un omonimo vescovo Sebastiano anche alla sede di Beroe in Tracia; secondo lo storico e orientalista Raymond Janin si tratta in realtà dello stesso vescovo, documentato anche nel 458 quale firmatario di una lettera dei vescovi della Macedonia.
  4. ^ Mansi, op. cit., t. VIII, coll. 878, 927, 935, 938 e 971.
  5. ^ Mansi, op. cit., t. XVI, col. 194.
  6. ^ Autori locali (Garruba e altri) attribuiscono il vescovo Geronzio alla diocesi di Bari in Puglia.

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi