Apri il menu principale
Diocesi di Leopoldina
Dioecesis Leopoldinensis
Chiesa latina
Catedral Leop1.jpg
Suffraganea dell' arcidiocesi di Juiz de Fora
Regione ecclesiastica Leste 2
Sede vacante
Sacerdoti 65 di cui 56 secolari e 9 regolari
6.513 battezzati per sacerdote
Religiosi 9 uomini, 60 donne
Abitanti 601.000
Battezzati 423.390 (70,4% del totale)
Superficie 8.491 km² in Brasile
Parrocchie 61 (6 vicariati)
Erezione 28 marzo 1942
Rito romano
Cattedrale San Sebastiano
Indirizzo C.P. 7, Praça Dom Helvécio 51, 36700-000 Leopoldina, MG, Brazil
Sito web dioceseleopoldina.com
Dati dall'Annuario pontificio 2017 (ch · gc)
Chiesa cattolica in Brasile

La diocesi di Leopoldina (in latino: Dioecesis Leopoldinensis) è una sede della Chiesa cattolica in Brasile suffraganea dell'arcidiocesi di Juiz de Fora appartenente alla regione ecclesiastica Leste 2. Nel 2016 contava 423.390 battezzati su 601.000 abitanti. La sede è vacante.

TerritorioModifica

La diocesi comprende 32 comuni nella parte meridionale dello Stato brasiliano di Minas Gerais: Leopoldina, Além Paraíba, Argirita, Astolfo Dutra, Barão de Monte Alto, Cataguases, Dona Eusébia, Estrela Dalva, Eugenópolis, Guarani, Guidoval, Guiricema, Itamarati de Minas, Laranjal, Miradouro, Miraí, Muriaé, Palma, Patrocínio do Muriaé, Pirapetinga, Piraúba, Rodeiro, Rosário da Limeira, Santana de Cataguases, Santo Antônio do Aventureiro, São Geraldo, São Sebastião da Vargem Alegre, Tocantins, Ubá, Vieiras, Visconde do Rio Branco e Volta Grande.

Sede vescovile è la città di Leopoldina, dove si trova la cattedrale di San Sebastiano.

Il territorio si estende su una superficie di 8.491 km² ed è suddiviso in 61 parrocchie, raggruppate in 6 foranie: Além Paraíba, Cataguases, Ubá, Visconde do Rio Branco, Leopoldina, Muriaé.

StoriaModifica

La diocesi è stata eretta il 28 marzo 1942 con la bolla Quae ad maius di papa Pio XII, ricavandone il territorio dall'arcidiocesi di Mariana e dalla diocesi di Juiz de Fora (oggi arcidiocesi).

Il 1º giugno 1950, con la lettera apostolica Paterna caritas, papa Pio XII ha proclamato la Beata Maria Vergine dal Cuore Immacolato patrona principale della diocesi, e i Santi Antonio Maria Claret e Teresa di Lisieux patroni secondari.[1]

Originariamente suffraganea dell'arcidiocesi di Mariana, il 14 aprile 1962 è entrata a far parte della provincia ecclesiastica dell'arcidiocesi di Juiz de Fora.

Cronotassi dei vescoviModifica

StatisticheModifica

La diocesi nel 2016 su una popolazione di 601.000 persone contava 423.390 battezzati, corrispondenti al 70,4% del totale.

anno popolazione sacerdoti diaconi religiosi parrocchie
battezzati totale % numero secolari regolari battezzati per sacerdote uomini donne
1950 420.000 450.000 93,3 42 34 8 10.000 8 165 34
1966 400.000 415.000 96,4 123 62 61 3.252 61 195 39
1970 380.000 416.987 91,1 58 34 24 6.551 25 155 41
1976 380.000 400.000 95,0 45 21 24 8.444 25 145 42
1980 405.000 457.235 88,6 44 22 22 9.204 23 154 49
1990 454.000 506.000 89,7 51 31 20 8.901 20 182 50
1999 396.865 529.154 75,0 55 38 17 7.215 1 17 143 56
2000 396.865 529.154 75,0 59 42 17 6.726 1 17 141 56
2001 396.865 529.154 75,0 53 39 14 7.488 1 14 140 56
2002 396.865 529.154 75,0 51 39 12 7.781 2 13 140 57
2003 396.865 529.154 75,0 53 42 11 7.488 11 139 57
2004 396.865 529.154 75,0 54 43 11 7.349 11 113 57
2013 423.000 606.000 69,8 62 52 10 6.822 10 61 61
2016 423.390 601.000 70,4 65 56 9 6.513 9 60 61

NoteModifica

  1. ^ (LA) Lettera apostolica Paterna caritas, AAS 43 (1951), pp. 362-363.

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica