Apri il menu principale

Domenico Rivarola

cardinale e arcivescovo cattolico italiano
Domenico Rivarola
cardinale di Santa Romana Chiesa
Portrait of Cardinal Domenico Rivarola, by Sir Anthony van Dyck, c. 1623-1624, oil on canvas - Portland Art Museum - Portland, Oregon - DSC09053.jpg
Ritratto eseguito da Antoon van Dyck, 1623-1624
Template-Cardinal (Metropolitan Archbishop).svg
 
Incarichi ricoperti
 
Nato1575 a Genova
Ordinato presbiteroin data sconosciuta
Nominato vescovo10 dicembre 1608 da papa Paolo V
Consacrato vescovo28 dicembre 1608 dal cardinale Michelangelo Tonti
Elevato arcivescovo30 marzo 1609 da papa Paolo V
Creato cardinale17 agosto 1611 da papa Paolo V
Deceduto3 gennaio 1627 a Roma
 

Domenico Rivarola (Genova, 1575Roma, 3 gennaio 1627) è stato un cardinale e arcivescovo cattolico italiano.

BiografiaModifica

Di famiglia nobile, probabilmente nipote di Giulio, nunzio apostolico in Portogallo, e di Domenico, vescovo eletto di Fermo, si laureò in utroque iure e da giovane divenne canonico del capitolo cattedrale di San Lorenzo a Genova.

Si trasferì a Roma alla corte del cardinale Scipione Caffarelli Borghese.

Il 10 dicembre 1608 fu eletto vescovo di Aleria. Fu consacrato vescovo il 28 dello stesso mese dal cardinale Michelangelo Tonti. Rimase comunque a Roma, dove il cardinale Caffarelli gli fece ottenere una dispensa dall'obbligo di residenza per l'incarico di suo uditore.

Il 30 marzo 1609, dopo aver rinunciato alla cattedra di Aleria, ebbe la sede di Nazareth, unita alle diocesi di Canne e Monteverde.

Fu nominato legato straordinario presso Enrico IV di Francia, con il compito di richiedere al Re di recedere dai suoi propositi di invadere l'Italia; il Re però morì prima dell'arrivo di Domenico Rivarola, che assistette il nunzio apostolico in Francia per un certo periodo e poi tornò in Italia. Qui gli fu assegnato il compito di dirimere una controversia fra la città di Rieti e il castello di Cantalice.

Il 17 agosto 1611 papa Paolo V lo creò cardinale. Il 12 settembre dello stesso anno ricevette il titolo dei Santi Silvestro e Martino ai Monti.

Fu quindi legato in Romagna (1612), dove si adoperò per combattere banditi e briganti. Dato, però, che non otteneva risultati significativi, negli anni 1617-19 il pontefice gli affiancò l'allora vescovo di Forlì, Cesare Bartolelli, come delegato apostolico[1].

Partecipò ai conclavi del 1621 e del 1623, che elessero Gregorio XV e Urbano VIII.

Morì a Roma e fu sepolto nella chiesa di Santa Maria della Scala.

Genealogia episcopaleModifica

NoteModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN89100584 · ISNI (EN0000 0000 6256 7046 · GND (DE1023629720 · CERL cnp01938428 · WorldCat Identities (EN89100584