Apri il menu principale

Domenico Umberto D'Ambrosio

arcivescovo cattolico italiano
Domenico Umberto D'Ambrosio
arcivescovo della Chiesa cattolica
D'Ambrosio.JPG
Coat of arms of Domenico Umberto D'Ambrosio.svg
Misericors et Fidelis
 
TitoloLecce
Incarichi attualiArcivescovo emerito di Lecce (dal 2017)
Incarichi ricoperti
 
Nato15 settembre 1941 (77 anni) a Peschici
Ordinato presbitero19 luglio 1965 dall'arcivescovo Andrea Cesarano
Nominato vescovo14 dicembre 1989 da papa Giovanni Paolo II
Consacrato vescovo6 gennaio 1990 da papa Giovanni Paolo II
Elevato arcivescovo27 maggio 1999 da papa Giovanni Paolo II
 

Domenico Umberto D'Ambrosio (Peschici, 15 settembre 1941) è un arcivescovo cattolico italiano, dal 29 settembre 2017 arcivescovo emerito di Lecce.

Indice

BiografiaModifica

 
Monsignor D'Ambrosio con papa Benedetto XVI e col cardinale Salvatore De Giorgi. San Giovanni Rotondo, 21 giugno 2009

Frequenta il seminario diocesano di Manfredonia mentre era vescovo Andrea Cesarano e viene ordinato sacerdote il 19 luglio 1965 dalle mani dello stesso prelato sipontino. Per alcuni anni fino al 1990 è parroco della parrocchia di San Leonardo Abate in San Giovanni Rotondo.

Episcopato a Termoli-Larino e a Foggia-BovinoModifica

Segnalato per le sue eccezionali doti di comunicatore e pastore dall'arcivescovo di Manfredonia-Vieste Valentino Vailati è eletto alla sede vescovile di Termoli-Larino il 14 dicembre 1989; riceve la consacrazione episcopale il 6 gennaio dell'anno successivo dalle mani di papa Giovanni Paolo II, co-consacranti gli arcivescovi Giovanni Battista Re e Miroslav Marusyn.

Il 27 maggio 1999 viene eletto arcivescovo dell'arcidiocesi metropolitana di Foggia-Bovino, presso la quale presterà il servizio episcopale per quattro anni. Dal 24 agosto 2002 all'8 marzo 2003 come arcivescovo metropolita di Foggia-Bovino è anche amministratore apostolico sede vacante dell'arcidiocesi di Manfredonia-Vieste, sede suffraganea.

Episcopato a Manfredonia-Vieste-San Giovanni RotondoModifica

L'8 marzo 2003, per volontà di Giovanni Paolo II, è trasferito dall'arcidiocesi metropolitana di Foggia-Bovino all'arcidiocesi di Manfredonia-Vieste-San Giovanni Rotondo, sua suffraganea. Nell'occasione viene nominato anche delegato dalla Santa Sede per il santuario e le opere di padre Pio da Pietrelcina.

Il 1º luglio 2004 consacra a San Giovanni Rotondo la chiesa di Padre Pio, progettata da Renzo Piano. Il 6 gennaio 2008 annuncia l'esumazione e la ricognizione canonica del frate cappuccino, avvenuta il successivo 2 marzo. Da aprile 2008 a settembre 2009, in occasione del quarantesimo anniversario della morte, ne viene disposta dalla Santa Sede l'esposizione del corpo. Il 21 giugno 2009 accompagna papa Benedetto XVI nella visita a San Giovanni Rotondo.

Episcopato a LecceModifica

Il 16 aprile 2009 è eletto alla sede metropolitana di Lecce. Il 29 giugno dello stesso anno riceve il pallio da papa Benedetto XVI nella Basilica di San Pietro e il successivo 4 luglio prende possesso della cattedra leccese. È uno dei pochi arcivescovi italiani ad aver compiuto un cursus honorum interamente pastorale, senza aver mai lavorato in campo diplomatico o aver condotto studi universitari.

Tratteggia il suo ministero episcopale per l'attenzione al sociale, in particolare invitando a un ritorno alla sobrietà nelle manifestazioni religiose. Emblematico risulta l'appello dell'agosto 2010, durante l'omelia della festa dei santi patroni di Lecce,[1], cui sono seguite l'anno successivo dichiarazioni altrettanto nette rivolte in particolare allo sperpero delle risorse pubbliche.[2] A dicembre 2013 l'arcidiocesi di Lecce si fa garante presso un istituto di credito per un programma di microcredito rivolto a giovani inoccupati e disoccupati.[3]

Dal gennaio 2012 avvia la visita pastorale della diocesi, che conclude nel 2014.[4] A maggio 2013 si reca a Roma, con gli altri vescovi della Puglia, in visita ad limina per incontrare papa Francesco e illustrare la situazione generale della Chiesa leccese[5].

Concelebra all'ordinazione episcopale di Vito Angiuli (4 dicembre 2010) e presiede, come consacrante principale, l'ordinazione episcopale di Fernando Filograna (14 settembre 2013), ambedue nominati vescovi di diocesi suffraganee di Lecce.

Il 29 settembre 2017 papa Francesco accoglie la sua rinuncia al governo pastorale dell'arcidiocesi di Lecce per raggiunti limiti d'età; gli succede Michele Seccia[6].

Altri incarichiModifica

Libri e lettere pastoraliModifica

  • "Questo è il giorno fatto dal Signore", Manfredonia, 2004
  • "Giovani e famiglia in missione", Manfredonia, 2007
  • Lettera pastorale "Conosco le mie pecore" alla comunità diocesana in occasione dell'apertura della visita pastorale, Lecce, 2011
  • Lettera pastorale "Attraversare la porta ", Lecce, 2013
  • Lettera pastorale "La sfida della Comunione" alla comunità diocesana dopo la visita pastorale, Lecce, 2014

Genealogia episcopaleModifica

RiconoscimentiModifica

NoteModifica

  1. ^ Il vescovo ai leccesi: "Sia festa anche per i poveri", in Lecceprima, 26 agosto 2010. URL consultato il 7 ottobre 2015.
  2. ^ Il vescovo striglia la casta: "Basta con i privilegi", in Lecceprima, 24 agosto 2011. URL consultato il 7 ottobre 2015.
  3. ^ Microcredito: l’arcivescovo firma l’intesa per finanziare le speranze dei giovani, in Lecceprima, 16 dicembre 2013. URL consultato il 7 ottobre 2015.
  4. ^ Sussidio della Visita pastorale di S.E. Domenico d'Ambrosio 2011-2014
  5. ^ http://loradelsalento.diocesilecce.org/mons-dambrosio-santita-la-gente-di-lecce-le-vuole-bene D'Ambrosio al papa "La Chiesa di Lecce le vuole bene" da L'Ora del Salento
  6. ^ Rinuncia dell'Arcivescovo Metropolita di Lecce (Italia) e nomina del successore, su press.vatican.va.
  7. ^ [1] dal sito diocesilecce.org
  8. ^ L'Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme in Puglia « Spigolature Salentine
  9. ^ [2] Chiavi della città all'arcivescovo D'Ambrosio da Lecceprima.it

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica