Papa Leone XII

252° vescovo di Roma e papa della Chiesa cattolica
Papa Leone XII
Portrait of Pope Leo XII.jpeg
252º papa della Chiesa cattolica
C o a Leon XII.svg
Elezione28 settembre 1823
Incoronazione5 ottobre 1823
Fine pontificato10 febbraio 1829
Cardinali creativedi Concistori di papa Leone XII
Predecessorepapa Pio VII
Successorepapa Pio VIII
 
NomeAnnibale Francesco Clemente Melchiorre Girolamo Nicola della Genga
NascitaGenga, 2 agosto 1760
Ordinazione sacerdotale14 giugno 1783
Nomina ad arcivescovo21 febbraio 1794 da papa Pio VI
Consacrazione ad arcivescovo24 febbraio 1794 dal cardinale Enrico Benedetto Stuart
Creazione a cardinale8 marzo 1816 da papa Pio VII
MorteRoma, 10 febbraio 1829 (68 anni)
SepolturaBasilica di San Pietro in Vaticano

Papa Leone XII (in latino: Leo PP. XII, al secolo Annibale Francesco Clemente Melchiorre Girolamo Nicola della Genga; Genga, 2 agosto 1760Roma, 10 febbraio 1829) è stato il 252º vescovo di Roma e papa della Chiesa cattolica dal 1823 alla sua morte[1].

BiografiaModifica

InfanziaModifica

Nato dal conte Ilario della Genga, appartenente alla famiglia dei feudatari (Conti della Genga) dell'omonimo borgo marchigiano (all'epoca in provincia di Macerata, poi dal 1860 ricompreso nella provincia di Ancona), e di sua moglie la contessa Maria Luisa Periberti di Fabriano, Annibale era il sesto di dieci figli. La notizia che tra i suoi antenati ci fosse il famoso artista Gerolamo Genga è destituita di ogni fondamento mancando di fonti documentarie.

Educazione e ordinazioneModifica

Della Genga studiò teologia al Collegio Campana in Osimo dal 1773 al 1778 e, in seguito, al Collegio Piceno a Roma fino al 1783, quando cominciò i suoi studi all'Accademia dei Nobili Ecclesiastici. In seguito ricevette il suddiaconato nel 1782 e fu ordinato presbitero il 14 giugno 1783.

Nunzio apostolico ed episcopatoModifica

Nel 1790 si fece notare per un brillante sermone da lui pronunciato in commemorazione dell'imperatore Giuseppe II. Nel 1792 Pio VI lo nominò suo segretario particolare e successivamente, nel 1793 fu eletto arcivescovo titolare di Tiro e nel 1794 fu nominato canonico della Basilica di San Pietro. Fu consacrato nella cattedrale di Frascati dal cardinale Stuart e fu inviato a Lucerna in qualità di nunzio apostolico. Nello stesso anno fu trasferito alla nunziatura di Colonia, in seguito allo scoppio della guerra della prima coalizione, spostò la sua residenza ad Augusta.

Nei 12 anni trascorsi in Germania fu incaricato di svolgere delicate ed importanti missioni diplomatiche presso le corti di Dresda, Vienna, Monaco e Württemberg, nonché presso Napoleone Bonaparte.

In questo periodo andò incontro a ristrettezze economiche. In seguito allo scioglimento dello Stato della Chiesa (1798), egli fu considerato dai francesi alla stregua di un prigioniero di stato, e trascorse alcuni anni nell'abbazia di Monticelli.

In Germania, avrebbe avuto tre figli illegittimi. [2]

CardinaleModifica

Nel 1814 della Genga viene scelto come latore delle congratulazioni di papa Pio VII a Luigi XVIII di Francia dopo la sua restaurazione e, nello stesso anno, fu inviato alla Conferenza di pace di Parigi quando Ercole Consalvi era ancora in esilio.

Viene creato cardinale nel concistoro dell'8 marzo 1816 con il titolo presbiteriale di Santa Maria in Trastevere e ha ricevuto il suo zucchetto rosso l'11 marzo e la sua chiesa titolare il 29 aprile 1816. In seguito fu nominato arciprete della Basilica di Santa Maria Maggiore, e reso titolare della diocesi di Senigallia, carica da cui si dimise nel settembre 1816 per motivi di salute, senza mai essere entrato nella sua diocesi, ma, il 9 maggio 1820, riceve, da papa Pio VII, l'ambita funzione di vicario generale di sua santità per la diocesi di Roma.

PontificatoModifica

 
Monumento a papa Leone XII nella Basilica di San Pietro in Vaticano

Nel conclave del 1823 l'appoggio dalla fazione degli zelanti gli consentì di essere eletto (28 settembre) nonostante la decisa opposizione della Francia. Pare che la sua elezione sia stata facilitata dal fatto che si pensava avesse ormai poco da vivere; tuttavia, nonostante l'età e le precarie condizioni di salute, il suo pontificato durò 5 anni.

Politica estera ed economicaModifica

Leone XII delegò la condotta della politica estera al cardinale segretario di Stato Giulio Maria della Somaglia e successivamente al più accorto Tommaso Bernetti, i quali riuscirono a stipulare diversi accordi e trattati particolarmente favorevoli allo Stato della Chiesa e al papato stesso. Leone era una persona fondamentalmente frugale e questa sua indole si rifletté nella sua amministrazione, che riuscì a fare economie nella gestione della giustizia, a ridurre le imposte ed anche a reperire le risorse per l'esecuzione di alcuni importanti lavori pubblici. Si impegnò alla riforma dell'amministrazione dello Stato pontificio, portando a termine la riforma tributaria. Stabilì che tutti i parroci dovessero percepire la stessa congrua. Nonostante l'importanza e l'originalità delle suddette iniziative, è indubbio che l'avvenimento più conosciuto e arduo del suo pontificato fu il grande Giubileo del 1825.

Nonostante tutto ciò alla fine del suo pontificato la situazione delle finanze risultò essere peggiore rispetto a quella iniziale e il Giubileo stesso non contribuì a migliorare le cose.

Il Giubileo del 1825Modifica

 
Leone XII apre la porta santa della basilica di San Pietro in Vaticano in occasione del giubileo del 1825, 1825, stampa

Evento centrale del pontificato di Leone XII fu la celebrazione del giubileo nel 1825, l’unico regolarmente celebrato in tutto l’Ottocento[3]. Infatti, nel 1800 non fu possibile celebrarlo perché Roma fino a pochi mesi prima era occupata dalle truppe francesi. Anche successivamente non fu rispettata la ricorrenza: nel 1850 saltò a causa della Repubblica romana del 1849 e nel 1875 Pio IX fu costretto a celebrare il giubileo all’interno del Vaticano a motivo della presa di Roma del 1870.

L’indizione del giubileo da parte di Leone XII rappresentò una coraggiosa presa di posizione personale del papa, una vera e propria sfida per vedere come avrebbe risposto il mondo cattolico all’invito della Chiesa, in un contesto culturale e spirituale in profonda trasformazione[4].

Molti si opponevano all’indizione del giubileo. In particolare, i sovrani europei, anche cattolici, erano preoccupati che il prevedibile grande movimento di pellegrini potesse favorire la circolazione di idee e di agenti rivoluzionari, pericolosi per l’ordine pubblico[5]. Anche all’interno della curia romana si accese la “battaglia del giubileo”, tra la ferma intenzione del pontefice e le concrete preoccupazioni di molti alti prelati. Ai timori per la sicurezza, motivati anche dai recenti moti del 1820-1821 e dal brigantaggio che infestava le campagne intorno a Roma, si aggiungevano preoccupazioni di ordine economico, per il grande impegno finanziario richiesto dall’accoglienza dei fedeli. Impegno che le casse dello Stato pontificio, esauste per le vicende napoleoniche, avrebbero faticato a sostenere. Alla fine, la determinazione del pontefice Leone XII superò ogni obiezione:

«Noi abbiamo pubblicato il Giubileo, e il Giubileo s’aprirà… Ora la sagra tromba ha squillato: le nazioni cristiane sono convocate: noi faremo il nostro dovere, né temeremo alcun pericolo… Si dirà quel che si dirà: si ha da fare il Giubileo»[6]

Leone XII con la Bolla Quod hoc ineunte saeculo invitava i credenti a venire a Roma, definita una Santa Gerusalemme[7], per ottenere l’indulgenza plenaria, cioè il perdono totale dei propri peccati.

L’anno santo iniziò ufficialmente la Vigilia di Natale, il 24 dicembre 1824, con il rito di apertura da parte del papa della porta santa nella basilica di San Pietro, in Vaticano. Contemporaneamente, tre cardinali legati (Giulio Maria Della Somaglia, Benedetto Naro e Bartolomeo Pacca) aprivano le porte sante delle altre basiliche patriarcali: San Giovanni in Laterano, Santa Maria Maggiore e San Paolo fuori le mura, che inagibile per l’incendio del 1823 è sostituita da Santa Maria in Trastevere. Il perdono giubilare veniva ottenuto visitando le quattro basiliche, trenta volte i romani, quindici volte i forestieri.

Della solenne cerimonia d’apertura abbiamo una descrizione che, nel suo genere, è unica, provenendo dalla penna di una principessa reale, Maria Cristina, figlia di Vittorio Emanuele I re di Sardegna e futura regina delle Due Sicilie, che è onorata dalla Chiesa col titolo di venerabile. Essa assisté alla funzione con la madre Maria Teresa e la sorella, descrivendo la cerimonia con ricchezza di dettagli[8].

Il giubileo del 1825 fu attentamente preparato sul piano spirituale dal papa che volle curare personalmente l’organizzazione dell’evento[9]. L’anno santo vero e proprio fu preceduto da missioni, tenute da religiosi predicatori nell’agosto del 1824 nelle principali piazze di Roma con grande afflusso del popolo, e da provvedimenti che regolavano le cerimonie e l’impatto sociale dell’evento. Vennero proibiti gli spettacoli teatrali, i balli, e limitati gli orari delle osterie mentre si provvedeva a restaurare le chiese[10] e ad attrezzare gli ospizi per accogliere i pellegrini. Le confraternite romane, in particolare l’Arciconfraternita della Trinità dei Pellegrini, si adoperarono per assistere i forestieri che arrivavano a Roma, procurando vitto e alloggio ed elargendo elemosine ai bisognosi. Sull’esempio di Leone XII, che appena eletto aveva voluto ripristinare il pranzo offerto ai pellegrini poveri e servito dal pontefice in prima persona vestito con il grembiule[11], tutta la società romana fu coinvolta nell’accoglienza dei forestieri organizzata dalle confraternite, anche le dame dell’aristocrazia, in una gara di carità che rasentava l’ostentazione[12].

Nel suo diario Massimo d’Azeglio, noto patriota, letterato e artista, piemontese di nascita, ma residente per lunghi periodi a Roma, ci testimonia del clima severo imposto alla città dalle celebrazioni giubilari:

«uno dei primi pensieri di Papa Leone era stato di pubblicare il gran giubileo universale per l'anno ‘25; la qualcosa significava Roma trasformata per dodici mesi in un grande stabilimento di esercizi spirituali. Non teatri, non feste, non balli, non ricevimenti, neppure in piazza i burattini; ed invece prediche, missioni, processioni, funzioni, ecc.»[13].

 
Mattone per la chiusura della porta santa del giubileo del 1825, 1825, terracotta

Alcune misure furono dirette a migliorare l’amministrazione della città e dello Stato. Esse riguardavano, tra l’altro, la riforma delle parrocchie, la lotta al brigantaggio, la semplificazione delle procedure giudiziarie. Ma anche il blocco dei canoni di affitto e degli sfratti, lo sviluppo edilizio, l’abbigliamento delle donne e il consumo di alcolici. Lo sforzo di buon governo prese l’avvio con la Visita Apostolica, una ricognizione dello stato delle chiese e degli ospedali per focalizzare le criticità, studiare le soluzioni, pianificare il recupero[14]. Il giubileo diventò così una occasione di conoscenza e intervento, rappresentativo delle aspirazioni di riforma dell’intero pontificato di Leone XII.

Il giubileo del 1825 avrebbe dovuto rappresentare nelle intenzioni di Leone XII una ideale riconciliazione collettiva dopo le vicende napoleoniche. In realtà all’appello del pontefice rispose un concorso limitato di adesioni, in linea con la tendenza di decrescita avviata già nel secolo precedente, segno di un declino nel lungo periodo. Inoltre, dalle analisi storiche emerge come l’afflusso preponderante dei pellegrini provenisse per lo più dalla penisola italiana, coinvolgendo in misura irrisoria il resto dell’Europa e del mondo[15]. Ciononostante, la celebrazione del giubileo nel 1825 segnò un importante momento di continuità nella millenaria tradizione della Chiesa, riconfermata poi nel giubileo del 1900, quando Leone XIII nella bolla di indizione si richiamerà proprio a quello precedente, celebrato 75 anni prima da Leone XII[16].

Politica internaModifica

Leone XII si distinse per la durezza con cui affrontò la società segreta della Carboneria. Durante il giubileo del 1825 furono ghigliottinati pubblicamente, in Piazza del Popolo a Roma, i due carbonari Angelo Targhini e Leonida Montanari. Il cardinale legato Agostino Rivarola, investito di poteri straordinari, venne mandato a Ravenna per reprimere i carbonari.

Proibì le società bibliche, di stampo protestante e finanziate spesso dalla massoneria e, fortemente influenzato dai gesuiti, riorganizzò tutto il sistema scolastico. Pubblicò il codice Reformatio Tribunalium. Riordinò le Università del suo Stato con la bolla Quod divina sapientia, dell'agosto 1824, suddividendole in due classi: alla prima assegnò quelle di Roma e Bologna, con trentotto cattedre; alla seconda quelle di Ferrara, Perugia, Camerino, Macerata e Fermo, con diciassette cattedre. Istituì, nello stesso tempo, la Congregazione degli Studi, allo scopo di controllare l'operato delle Università stesse. Venne dato maggiore spazio all'istruzione scientifica ad esempio con l'istituzione della laurea in farmacia.[17] Volle rivedere anche il cosiddetto "indice dei libri proibiti" e permise la libera circolazione delle opere di Galileo Galilei.[18] Definì anche un progetto di riforma delle parrocchie romane, sopprimendone 17 e creandone 9.

Controversia sulla vaccinazioneModifica

Vari testi attribuiscono a Leone XII il divieto di vaccinazione contro il vaiolo. In particolare Benedetto Croce scrisse che "il papa che similmente abolì codici e tribunali istituiti dai francesi volle tornare agli ordini del vecchio tempo, e rinchiuse daccapo i giudei nei ghetti e li astrinse ad assistere a pratiche di una religione che non era la loro, e perfino proibì l’innesto del vaiuolo che mischiava le linfe delle bestie con quelle degli uomini: vani sforzi che poi cedettero dal più al meno alle necessità dei tempi"[19].

Secondo Donald J. Keefe[20] nessun documento ufficiale riporta tali affermazioni. Da testi dell'epoca risulta che papa Leone si limitò a togliere nel 1824 l'obbligatorietà della vaccinazione (invisa a larghi strati della popolazione per la sua supposta pericolosità, sebbene fosse stata resa obbligatoria, dopo due anni dallo scoppio di un'epidemia di vaiolo, nello Stato Pontificio il 20 giugno 1822 prima dal conte Monaldo Leopardi, gonfaloniere e padre di Giacomo Leopardi), pur mantenendone il carattere gratuito:[21][22]

«Rimane obbligo a Medici e Chirurgi condotti di eseguirla gratuitamente [la vaccinazione antivaiolosa], a quanti vogliano prevalersene, essendo questa la cura ed il preservativo di una malattia alla quale, come a tutte le altre, essi hanno l'obbligo di riparare.»

(Leone XII, Circolare legatizia 15 settembre 1824)

Secondo il medico Giacomo Tommasini questo portò la popolazione, specie nelle campagne, a trascurare la vaccinazione nonostante che la Commissione Provinciale di Sanità mettesse a disposizione il vaccino a chi ne avesse fatto richiesta e nonostante l'impegno degli stessi medici. Così una successiva epidemia, avvenuta nel 1828, solamente nella città di Bologna, causò 553 morti, e una terza epidemia si abbatté nel 1835.[23]

È importante notare che l'antivaiolosa all'epoca non era obbligatoria in molti stati europei, compreso il Regno di Sardegna (poi Regno d'Italia), in cui divenne obbligatoria solo nel 1859[24]. A titolo comparativo l'Inghilterra offrì gratuitamente la vaccinazione nel 1840 e la rese obbligatoria nel 1853.[25]

Da notare che Leone XII nel 1824 insignì dell'ordine equestre dello Sperone d'oro Luigi Sacco come ringraziamento per l'invio di 108 copie del suo libro sulla vaccinazione che furono distribuiti negli uffici di sanità dello Stato Pontificio. Questo fatto fu scoperto da A.P. Gaeta in un carteggio inedito da lui rinvenuto nell'Archivio Segreto Vaticano.[26] Commentando questa scoperta Maria Luisa Righini Bonelli rileva che "non sembra quindi attendibile quanto alcuno volle affermare, e cioè che Leone XII si sarebbe mostrato contrario a ciò che aveva fatto Pio VII e specialmente il cardinal Consalvi, promotore dell'editto emanato nel 1822 a favore della vaccinazione" .[27]

La questione è stata definitivamente chiarita da Bercé e Otteni[28] che con un'ampia e documentata trattazione hanno dimostrato come non si sia trattato di un divieto bensì di rendere facoltativa la vaccinazione che aveva incontrato forti opposizioni nella popolazione. È pure attestata con certezza l'esistenza di voci presso i contemporanei circa questo supposto, ma falso, obbligo, riportata dalla stessa circolare del Tommasini e dalla poesia del Belli Er linnesto[29].

Concistori per la creazione di nuovi cardinaliModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Concistori di papa Leone XII.

Papa Leone XII durante il suo pontificato ha creato 25 cardinali nel corso di 8 distinti concistori.

Beatificazioni e canonizzazioni del pontificatoModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Beatificazioni per pontificato § Pontificato di Leone XII e Canonizzazioni per pontificato § Pontificato di Leone XII.

OnorificenzeModifica

Il papa è sovrano degli ordini pontifici della Santa Sede mentre il Gran magistero delle singole onorificenze può essere mantenuto direttamente dal pontefice o concesso a una persona di fiducia, solitamente un cardinale.

  Sovrano dell'Ordine Supremo del Cristo
— 1823-1829

Genealogia episcopale e successione apostolicaModifica

La genealogia episcopale è:

La successione apostolica è:

Curiosità - MorteModifica

Pare che Leone XII avesse ricevuto durante tutta la sua vita il sacramento dell'estrema unzione ben diciassette volte; una di queste capitò dopo gli strapazzi dell'incoronazione e siccome guarì dopo che l'avevano già dato per morente la vigilia di Natale, si gridò al miracolo.[30]

Leone, di carattere forte e determinato, continuò a lavorare fino all'ultimo, nonostante la malferma salute. Morì a Roma il 10 febbraio 1829. Resta traccia della diffusa impopolarità di questo papa nell'epitaffio sulla statua di Pasquino: "Qui della Genga giace, per sua e nostra pace".[30]

NoteModifica

  1. ^ I dati anagrafici riportano comunemente alcune inesattezze riguardanti il luogo di nascita, Genga e non Spoleto né Fabriano né Monticelli di Genga, la data di nascita, il 2 non il 20 né il 22 agosto, e il cognome, della Genga e non Sermattei della Genga. I dati esatti risultano dall'atto di battesimo registrato il 3 agosto 1760 nel Libro dei battesimi della parrocchia di San Clemente di Genga, conservato nell'archivio parrocchiale e pubblicato da Alberico Pagnani, Storia della Genga e di Leone XII, Genga, 1964. La correzione dei dati anagrafici si deve a Raffaele Colapietra, La formazione diplomatica di Leone XII, Roma, Istituto per la storia del Risorgimento italiano, 1966. p. 7, dati recentemente confermati da Philippe Boutry, Souverain et Pontife. Recherche prosographiques sur la Curie romaine à l'age de la Restauration (1814-1846), Roma, Ecole francaise, 2002. pp. 359-361.
  2. ^ Letters from Rome in: The New Monthly Magazine and Literary Journal, Tom 11, pp. 468–471.
  3. ^ Sul Giubileo del 1825 si vedano: Ph. Boutry, Espace du pèlerinage, espace de la romanité. L’année sainte de la Restauration, in Luoghi sacri e spazi della santità, a cura di S. Boesch Gajano, L. Scaraffia, Rosenberg & Sellier, Torino 1990, pp. 419-444; Idem, La tradition selon Léon XII. 1825, l’année sainte de la Restauration, in Histoire religieuse. Histoire globale-histoire ouverte. Mélanges offerts à Jacques Gadille, a cura di J.D. Durand, R. Ladous, Beauchesne, Paris 1992, pp. 279-299; Idem, Une théologie de la visibilité. Le projet zelante de resacralisation de Rome et son échec (1823-1829), in Cérémonial et rituel à Rome (XVIe-XIXe siècle), École française, a cura di M.A. Visceglia, C. Brice, Rome 1997, pp. 317-367; D. Rocciolo, Aspetti e problemi della vita religiosa a Roma nell’anno 1825, in I giubilei nella storia della Chiesa, Atti del congresso internazionale, Roma 23-26 giugno 1999, Libreria Editrice Vaticana, Città del Vaticano 2001, pp. 591-603 e M. Spinelli, Un giubileo “fruttuoso”. L’anno santo del 1825-26 nell’epistolario di s. Gaspare del Bufalo, in I giubilei nella storia della Chiesa, pp. 604-621; G.M. Croce, Da Pio VII a Leone XIII. I giubilei del XIX secolo, in La storia dei giubilei. 1800-2000, F. Margiotta Broglio, G. Fossi (a cura), vol. IV, BNL-Edizioni Giunti, Firenze 2000, pp. 10-53; «Si dirà quel che si dirà: si ha da fare il giubileo». Leone XII, la città di Roma e il giubileo del 1825, a cura di R. Colapietra e I. Fiumi Sermattei, Quaderni del Consiglio Regionale delle Marche, n. 148, Ancona 2014..
  4. ^ R. Colapietra, Una riflessione sul giubileo di Leone XII, in «Si dirà quel che si dirà: si ha da fare il giubileo» cit., pp. 15-33; Idem, Leone XII e il giubileo del 1825, “Atti e Memorie della Deputazione di storia patria per le Marche, 112 (2014-2015), pp. 427-435..
  5. ^ M. Calzolari, Malintenzionati e proclivi al delitto o veri devoti? Ordine pubblico e sicurezza nell’anno santo del 1825, in «Si dirà quel che si dirà: si ha da fare il giubileo» cit., pp. 45-59..
  6. ^ A.F. Artaud de Montor, Storia del pontefice Leone XII, Milano 1843, vol. II, p. 91.
  7. ^ Per il testo integrale della Bolla: https://www.vatican.va/content/leo-xii/it/documents/bolla-quod-hoc-ineunte-24-maggio-1824.html.
  8. ^ P. Brezzi, Storia degli Anni Santi. Da Bonifacio VIII ai giorni nostri, Milano 1997, pp. 162-163.
  9. ^ D. Rocciolo, La vita religiosa a Roma nell’Anno Santo 1825, in «Si dirà quel che si dirà: si ha da fare il giubileo» cit., pp. 35-43, in particolare p. 39.
  10. ^ M. Caperna, La città e le sue chiese nel giubileo del 1825: politica d’intervento e restauri nella Roma di Leone XII, in «Si dirà quel che si dirà: si ha da fare il giubileo» cit., pp. 61-72.
  11. ^ S. Raponi, Tra cerimonialità e consuetudini pontificie. Alcuni “ripristini” di Leone XII, in La religione dei nuovi tempi. Il riformismo spirituale nell’età di Leone XII, a cura di R. Regoli e I. Fiumi Sermattei, Quaderni del Consiglio Regionale delle Marche, n. 336, Ancona 2020, pp. 317-346, in particolare pp. 327 e ss.
  12. ^ G.M. Croce, Da Pio VII a Leone XIII. I giubilei del XIX secolo, cit., p. 26.
  13. ^ M. D’Azeglio, I miei ricordi, Milano 1956, cap. XXVII.
  14. ^ F. Falsetti, La Visita Apostolica per il giubileo del 1825. Uno strumento per verificare lo stato di conservazione e pianificare gli interventi di restauro della Roma sacra, in «Si dirà quel che si dirà: si ha da fare il giubileo» cit., pp. 93-115.
  15. ^ Ph. Boutry, Espace du pèlerinage, espace de la romanitè cit.
  16. ^ Leone XIII, Properante ad exitum saeculo, 11 maggio 1899: «Già Noi stessi potemmo vedere coi nostri occhi con quanti frutti cooperasse a salute l'ultimo che venne solennemente celebrato, quand'eravamo ancora adolescenti, sotto il pontificato di Leone XII: nel qual tempo, veramente grandioso e fidato campo trovarono in Roma le manifestazioni religiose…». Per il testo completo: http://www.vatican.va/content/leo-xiii/it/letters/documents/hf_l-xiii_let_18990511_properante-ad-exitum.html.
  17. ^ MEDICI E SPEZIALI - Immagini, su www.archiviocapitolino.it. URL consultato il 2 ottobre 2018.
  18. ^ Buonanno, Roberto., Il cielo sopra Roma : i luoghi dell'astronomia, Springer-Verlag Italia, 2008, p. 123, ISBN 9788847006720, OCLC 261325336. URL consultato il 30 settembre 2018.
  19. ^ Benedetto Croce - Storia d'Europa nel secolo decimonono, Bari 1932
  20. ^ Donald J. Keefe, S.I., Tracking a Footnote, Fellowship of Catholic Scholars Quarterly, vol. 9, n.4, pag 5-6, settembre 1986
  21. ^ Giacomo Tommasini, Raccolta completa delle opere mediche: Con note aggiunte ed emende tipografiche, Olmo e Tiocchi, 1836, pagine 18-21
  22. ^ Questa dispensa dell'obbligo fu oggetto di satira ad opera di Gioacchino Belli nel sonetto: Er linnesto
  23. ^ Raccolta completa delle opere mediche del Professor Giacomo Tommasini, vol. VII, Tipografia dell'Olmo e Tiocchi, Bologna, 1836, Appendice pp. 20-23
  24. ^ Giorgio Cosmacini, Le spade di Damocle: paure e malattie nella storia, Laterza, 2006, p. 116.
  25. ^ Silvio Tafuri, Storia dell'Obbligo Vaccinale (PDF), su uniba.it.
  26. ^ A. P. Gaeta, Carteggio inedito di Luigi Sacco con le Segreterie di Stato di Pio VII e di Leone XII (1816-1824), in Castalia, vol. 2, 1946, p. 215.
  27. ^ M. L. Righini Bonelli, Rivista di storia delle scienze mediche e naturali, vol. 35-37, 1946, p. 78.
  28. ^ Y.M. Bercé e J.C. Otteni, Pratique de la vaccination antivariolique dans le Provinces de l'Etat pontifical au XIXe siecle. Remarques sur le supposé interdit vaccinal de Léon XII, in Revue d'histoire ecclésiastique, vol. 103, n. 2, 2008, pp. 448-466.
  29. ^ I. Fiumi Sermattei, «Come li sorci cuann’è mmorto er gatto, je fanno su la panza un minuetto». La memoria di Leone XII nei sonetti del Belli, in Rivista del Centro Studi Giuseppe Gioachino Belli", n. 2, 2015, p. 125-136.
  30. ^ a b Claudio Rendina, I papi, Newton Compton, Roma, 1983

Parte di questo testo è la traduzione dell'articolo presente sull'Enciclopedia Britannica del 1911 ora di pubblico dominio.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN88846822 · ISNI (EN0000 0001 0922 9213 · SBN IT\ICCU\ANAV\001363 · LCCN (ENnr93018628 · GND (DE119180413 · BNF (FRcb116833236 (data) · BNE (ESXX1086397 (data) · ULAN (EN500354337 · NLA (EN35969534 · BAV (EN495/21242 · CERL cnp01002014 · WorldCat Identities (ENlccn-nr93018628