Elezioni federali in Germania del 2021

elezioni federali
Elezioni federali in Germania del 2021
Stato Germania Germania
Data 26 settembre
Legislatura 20º
Assemblea Bundestag
Grundsteinlegung MiQua-7004 (cropped).jpg Olaf Scholz - Deutscher Radiopreis 2016 01.jpg 20180120 AB HH.png
Leader Armin Laschet Olaf Scholz Annalena Baerbock
Partito CDU/CSU SPD Verdi
Left arrow.svg 2017

Le elezioni federali in Germania del 2021 si terranno il 26 settembre per il rinnovo del Bundestag.

Sistema elettorale tedescoModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Sistema elettorale tedesco.

Il sistema elettorale tedesco è sostanzialmente proporzionale con soglia di sbarramento. La particolarità sta nel fatto che la metà dei seggi (eccetto seggi addizionali "Ausgleichsmandate" [seggi di compensazione]) sono assegnati tramite collegi uninominali e, per questo, l'elettore dispone di due voti, denominati rispettivamente primo voto (Erststimme) e secondo voto (Zweitstimme). Va precisato che l'uso di questa terminologia non sottintende un ordine di importanza. Entrambi i voti, infatti, hanno una funzione specifica e, semmai, è il secondo voto ad determinare i rapporti di forza tra i vari partiti.

Tramite il primo voto l'elettore esprime una preferenza per uno dei candidati presenti nel proprio collegio uninominale/circoscrizione; il candidato più votato di ciascun collegio risulta eletto. Scopo del primo voto è di creare un rapporto più diretto tra eletti ed elettori. Al momento il territorio federale è suddiviso in 299 collegi e in ciascuno di essi viene eletto direttamente un deputato.

Il secondo voto serve invece a determinare, concretamente, la suddivisione dei seggi tra i vari partiti e pertanto è determinante per la formazione di possibili maggioranze di governo. Con il secondo voto l'elettore è chiamato a scegliere un partito politico, i cui candidati sono fissati su una lista per ciascun Land. Tutti i 598 seggi del Bundestag sono suddivisi tra i partiti in base alla percentuale su scala nazionale dei secondi voti, escludendo i partiti che abbiano ottenuto meno del 5% dei secondi voti e meno di tre deputati eletti direttamente tramite i primi voti.

Va aggiunto infine che il numero totale di seggi assegnato a ciascuna lista sarà, fermo restando la distorsione fisiologica causata dalla soglia di sbarramento, assolutamente proporzionale; questo avviene perché, il numero di eletti nei collegi uninominali di ogni partito, viene poi sottratto del tutto dal numero dei seggi che spetterebbero allo stesso tramite il voto di lista (o "secondo voto").

La legge rimane sostanzialmente identica a quella in vigore durante le elezioni di quattro anni prima, dato che durante la XVIII Legislatura l'unico cambiamento rilevante effettuato sulla legge elettorale è l'introduzione dell'espresso divieto di fotografie e video all'interno del seggio.[1] Per quanto riguarda i collegi elettorali invece, nel 2016 ne sono stati modificati 34, di cui 32 a causa del cambiamento della popolazione residente (a livello di Land la Turingia perde un seggio, scendendo a nove, mentre la Baviera ne guadagna uno, salendo a 46). Altri due collegi vengono invece modificati in seguito a variazioni dei confini comunali.[2]

Quadro politicoModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: XVIII legislatura della Repubblica Federale Tedesca.

In seguito alle elezioni federali del 2017, la maggioranza era formata da CDU/CSU e SPD.

Indizione delle elezioniModifica

Secondo l'articolo 39 della Legge Fondamentale, l'elezione si sarebbe dovuta svolgere tra i 46 e i 48 mesi dall'inizio della legislatura, dunque tra il 27 agosto e il 22 ottobre 2017. Il 23 gennaio 2017 il presidente della Repubblica Joachim Gauck, su proposta del Governo federale, emise il decreto che fissò il 24 settembre come giorno previsto per le elezioni, decreto pubblicato tre giorni dopo sul Bundesgesetzblatt, la gazzetta ufficiale tedesca.[3] Vengono così chiamati al voto 61.688.485 cittadini tedeschi aventi diritto, tra i quali 31,7 milioni di donne e 3 milioni di neoelettori.[4]

Liste e candidatiModifica

Principali formazioni politicheModifica

Leader Designazione Partito
  Armin Laschet Kanzlerkandidat Unione Cristiano-Democratica di Germania (CDU)

Unione Cristiano-Sociale in Baviera (CSU)

  Olaf Scholz Kanzlerkandidat Partito Socialdemocratico di Germania (SPD)
  Annalena Baerbock Spitzenkandidatin und Kanzlerkandidatin Alleanza 90/I Verdi (GRÜNE)
Robert Habeck Spitzenkandidat
  Janine Wissler Spitzenkandidatin La Sinistra (DIE LINKE)
  Dietmar Bartsch Spitzenkandidat
Alice Weidel Spitzenkandidatin Alternativa per la Germania (AfD)
  Tino Chrupalla Spitzenkandidat
  Christian Lindner Spitzenkandidat Partito Liberale Democratico (FDP)

SondaggiModifica

 

RisultatiModifica

EsitoModifica

NoteModifica

  1. ^ (DE) Änderung der Bundeswahlordnung, su Bundeswahlleiter. URL consultato il 22/05/2020.
  2. ^ (DE) Wahlkreiseinteilung, su Bundeswahlleiter. URL consultato il 23/05/2020.
  3. ^ (DE) Wahl zum 19. Deutschen Bundestag am 24. September 2017, su Bundeswahlleiter. URL consultato il 22/05/2020.
  4. ^ (DE) Bundestagswahl 2017: 61,5 Millionen Wahlberechtigte, su Bundeswahlleiter. URL consultato il 24/05/2020.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica