Apri il menu principale
Enrique Vidallé
Nazionalità Argentina Argentina
Altezza 187 cm
Peso 82 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Portiere
Ritirato 1988
Carriera
Giovanili
196?-1972 Boca Juniors
Squadre di club1
1972-1975 Boca Juniors 37 (-44)
1975-1977 Palestino 36 (-?)
1977-1980 Gimnasia La Plata 68 (-79)
1981-1982 Estudiantes (LP) 46 (-?)
1982-1983 Huracán 76 (-?)
1984-1988 Argentinos Juniors 102 (-?)
Nazionale
1971 Argentina Argentina olimpica 7 (-?)
1979 Argentina Argentina 6 (-12)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Enrique Bernardo Vidallé (Buenos Aires, 7 maggio 1952) è un ex calciatore argentino, di ruolo portiere.

È il padre dell'ex attaccante Jonathan Vidallé.

Indice

Caratteristiche tecnicheModifica

Giocava come portiere; il suo stile prevedeva il frequente ricorso a parate in tuffo.[1]

CarrieraModifica

ClubModifica

Vidallé entrò nel settore giovanile del Boca Juniors, dove fece tutta la trafila sino alla prima squadra, in cui debuttò giocando 4 gare nel Metropolitano 1972; sostituì Antonio Roma, secondo portiere, che a sua volta rimpiazzava Rubén Omar Sánchez.[2] Nel Metropolitano 1973 ebbe nuovamente l'occasione di disputare degli incontri con i titolari, assommando 10 presenze: con il ritiro di Roma e con Sánchez in Nazionale, Vidallé ebbe la possibilità di giocare titolare.[2] Tornato riserva, rimase in panchina per tutto il 1974. Nel 1975 Sánchez fu ceduto in Messico, e Vidallé divenne la prima scelta: disputò il Metropolitano, ma all'inizio del Nacional la dirigenza boquense decise di acquistare Carlos Biasutto e, con l'ulteriore arrivo di Hugo Gatti, Vidallé perse definitivamente il posto e venne venduto al Palestino, in Cile.[2] Nella massima serie di tale paese Vidallé disputò tre stagioni: fece ritorno in patria nel 1977, firmando un contratto per il Gimnasia La Plata. Con la squadra bianco-blu fece il suo esordio giocando 6 partite nel Nacional 1977; divenne stabilmente titolare, scendendo in campo per altre 62 volte nel corso di 4 tornei. Nel 1981 fu acquistato dall'Estudiantes, dove pure fu il primo portiere. Dopo 46 gare con l'altra compagine platense, tornò a Buenos Aires, accordandosi con l'Huracán. Giocò nel corso del Metropolitano 1982 e di entrambe le fasi del campionato 1983. Nel 1984 divenne l'estremo difensore dell'Argentinos Juniors: con la nuova squadra vinse due titoli consecutivi (Metropolitano 1984 e Nacional 1985). Qualificatosi per la Coppa Libertadores 1985, Vidallé presenziò con regolarità anche durante questo torneo, conquistando la vittoria finale: la gara con l'América de Cali terminò 1-1 e si dovettero disputare i tiri di rigore, e il portiere parò il tiro decisivo ad Antony de Ávila. Si ritirò poi nel 1988, dopo aver disputato tutta la stagione 1987-1988 come riserva.

NazionaleModifica

Vidallé fu incluso nella lista della Nazionale per i Giochi Panamericani del 1971.[3] Il 18 luglio 1979 debuttò con la selezione maggiore.[4] Convocato per la Copa América 1979, giocò da titolare tutte le partite dell'Argentina nella manifestazione.[5]

PalmarèsModifica

ClubModifica

Competizioni nazionaliModifica

Huracán: Metropolitano 1982
Argentinos Juniors: Metropolitano 1984, Nacional 1985

Competizioni internazionaliModifica

Argentinos Juniors: 1985
Argentinos Juniors: 1985

NazionaleModifica

1971

NoteModifica

  1. ^ (EN) Vidallé, Enrique Bernardo, historiadeboca.com.ar. URL consultato il 15 aprile 2011.
  2. ^ a b c (ES) Enrique Vidallé, informexeneize.com.ar. URL consultato il 15 aprile 2011.
  3. ^ (EN) Data on Argentina in Panamerican Games, RSSSF. URL consultato il 15 aprile 2011.
  4. ^ (PT) Enrique Bernardo Vidallé(Enrique Vidallé), playerhistory.com. URL consultato il 15 aprile 2011.
  5. ^ (EN) Copa América 1979, RSSSF. URL consultato il 15 aprile 2011.

BibliografiaModifica

  • (ES) Julio Macías, Quién es quién en la Selección Argentina. Diccionario sobre los futbolistas internacionales (1902-2010), Buenos Aires, Corregidor, 2011, p. 743, ISBN 978-950-05-1932-8.

Collegamenti esterniModifica