Primera División (Argentina)

divisione del campionato argentino di calcio

La Primera División, nota anche come Liga Profesional de Fútbol (LPF) o Torneo Socios.com per motivi di sponsorizzazione, è il massimo livello del campionato di calcio argentino, organizzato dalla Asociación de Fútbol Argentino (AFA) dal 1893, a parte la parentesi delle edizioni 2017-2018 e 2019-2020, organizzate dalla Superliga Argentina. Dopo la dissoluzione di quest'ultima organizzazione, la AFA ha ripreso il controllo dell'organizzazione della Primera División attraverso la costituzione al suo interno della Liga Profesional de Fútbol Argentino.

Primera División
Logo de la Liga Profesional de Fútbol de Argentina.svg
SportFootball pictogram.svg Calcio
TipoClub
FederazioneAFA
PaeseArgentina Argentina
OrganizzatoreAsociación del Fútbol Argentino
CadenzaSemestrale (giugno - ottobre)
Partecipanti28 squadre (2022)
FormulaGirone all'italiana
Retrocessione inPrimera B Nacional
Sito Internetafa.org.ar
Storia
Fondazione1891
DetentoreBoca Juniors
Record vittorieRiver Plate (37)
Ultima edizionePrimera División 2021 (Argentina)
Edizione in corsoPrimera División 2022 (Argentina)

La International Federation of Football History & Statistics (IFFHS) considera il campionato di Primera División come uno dei migliori al mondo. Nel suo ultimo report del 2020, la IFFHS classifica al 6º posto la Primera DIvisión argentina.[1]

La Primera División argentina si può vantare del record di essere l'unico campionato al mondo ad essere stato ininterrottamente disputato dal 1893, ovvero da 129 anni senza interruzioni. Inoltre, considerando che vi sono state tre edizioni del campionato di durata semestrale e che in diversi periodi di tempo si sono attribuiti due titoli nazionali in un anno solare (o anche tre, come nell'edizione 1936, oppure in quella 2012-2013), la Primera División è anche il campionato che ha attribuito più titoli nazionali nella storia del calcio mondiale.

Il massimo goleador storico del campionato argentino è il paraguaiano Arsenio Erico, con 295 gol. D'altra parte, Bernabé Ferreyra ha la miglior media-gol: 1,05 (208 reti in 197 gare disputate).

StoriaModifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Federazione calcistica dell'Argentina.

Il percorso storico della Primera División argentina può essere diviso in due periodi storici differenti, conosciuti rispettivamente come il periodo amatoriale (amateurismo) e il periodo professionale (profesionalismo). Il periodo amatoriale è durato dal 1891 al 1934, ovvero dalla fondazione della prima lega calcistica argentina, la Argentine Association Football League (AAFL) fino alla nascita della Asociación del Football Argentino, frutto della fusione avvenuta tra la Asociación Argentina de Football (Amateurs y Profesionales), ovvero la federazione argentina riconosciuta dalla FIFA e la dissidente Liga Argentina de Football, che dal 1931 aveva organizzato quattro tornei proclamando dei propri campioni nazionali.

In conseguenza di questa momentanea scissione, gli ultimi quattro campionati dell'era amatoriale si sono sovrapposti ai primi quattro campionati dell'era del profesionalismo. Nonostante lo svolgimento di due campionati separati in ogni anno intercorso tra il 1931 ed il 1934, la AFA attualmente riconosce come ufficiali entrambe le due competizioni svoltesi in contemporanea.[2]

L'era amatorialeModifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Copa Campeonato, Primera División (FAF) e Primera División (AAm).
 
La formazione dell'Alumni del 1910. L'Alumni ha vinto 10 campionati argentini durante l'era amatoriale, incluso quello vinto con il nome di Buenos Aires English High School Athletic Club.

La prima partita di calcio disputata in Argentina risale al 20 giugno 1867, quando le formazioni di due college britannici si sono affrontate nel campo sportivo del Buenos Aires Cricket Club. Ma il vero primo impulso determinante all'attività calcistica in Argentina è da attribuire ad Alexander Watson Hutton, migrante di origine scozzese giunto in Argentina nel 1882 e considerato il vero padre del calcio argentino. Grazie alla sua attività di insegnante e di organizzatore dei primi tornei, prese avvio l'attività calcistica in Argentina.

Fu così che Hutton fondò nel 1891 la prima Argentine Association Football League, la quale tuttavia ebbe vita breve, sciogliendosi soltanto alla fine dello stesso anno. Dopo una parentesi di un anno, il 21 febbraio 1893 nacque la seconda e definitiva Argentine Association Football League, presieduta dallo stesso Alexander Watson Hutton. La neonata AAFL organizzò nello stesso anno la disputa della prima edizione di uno dei campionati più antichi del mondo, successivo soltanto al campionato inglese e dei Paesi Bassi (1889), e più antico del campionato belga (1896), italiano (1898) e tedesco (1903).

La AAFL ottenne l'affiliazione alla FIFA nel 1912 e durante i suoi primi anni di vita cambiò più volte la sua denominazione ufficiale:

  • nel febbraio 1903 modificò il suo nome in Argentine Association Football;
  • nel febbraio 1912 si trasformò in Asociación Argentina de Football;
  • nel novembre 1926 cambiò nuovamente nome in Asociación Amateurs Argentina de Football;
  • nel giugno 1931 assunse il nome di Asociación Argentina de Football (Amateurs y Profesionales).

Nel novembre 1934 quest'ultima organizzazione si fuse con la dissidente Liga Argentina de Football, costituendo la Asociación del Football Argentino. Tale ultima denominazione si è cristallizzata nel tempo fino al 1946, quando si sono volute eliminare le ultime tracce del retaggio inglese nel nome della federazione calcistica, assumendo il nome definitivo e attuale di Asociación del Fútbol Argentino. Durante l'era amatoriale sono state fondate ben tre federazioni calcistiche "dissidenti": la Federación Argentina de Football (1912-1914), la Asociación Amateurs de Football (1919-1926) e la già menzionata Liga Argentina de Football (1931-1934). La AFA attualmente riconosce come suoi predecessori storici tali associazioni calcistiche.[3]

 
La medaglia commemorativa ottenuta dai giocatori del Saint Andrew's dopo la disputa della "finale" contro l'Old Caledonians nel 1891.

La prima edizione del campionato argentino, nel 1891, venne vinta curiosamente da due squadre. Dopo la disputa di 8 giornate, il Saint Andrew's e l'Old Caledonians si ritrovarono entrambe in testa alla classifica, con 13 punti. La Asociación proclamò entrambe le squadre campioni nazionali, tuttavia le obbligò a disputare uno spareggio per attribuire la medaglia commemorativa. Tale "finale" venne vinta dal Saint Andrew's ed è per questo motivo che attualmente la AFA riconosce quest'ultima come unico campione della prima edizione del campionato.[2]

Nei suoi primi anni di vita, il campionato argentino è stato dominato dalle squadre e dai giocatori di origine britannica, soprattutto scozzesi. Questo predominio durò fino agli anni '10 del Novecento, quando aumentò il numero di squadre con giocatori di origine indigena. L'Alumni, squadra che vinse diversi campionati nei primi anni del Novecento, si sciolse dopo la vittoria del campionato 1911, segnando la fine definitiva del dominio britannico sul calcio argentino. Tuttavia, negli anni successivi la presenza britannica tra i componenti delle squadre argentine rimase importante fino agli anni '20, e diversi discendenti di giocatori britannici continuarono a militare nel massimo campionato argentino anche negli anni successivi.

 
La squadra del Boca Juniors con i suoi quattro trofei conquistati nel 1919: la Copa de Competencia Jockey Club, la Copa Campeonato, la Cup Tie Competition e la Copa Ibarguren.

La fine dell'era amatoriale arrivò nel 1931 con l'avvento del professionismo grazie alla nascita della Liga Argentina de Football, federazione calcistica "dissidente", non federata alla FIFA e creata da alcune squadre con giocatori professionisti. Nonostante la nascita di quest'ultima organizzazione, la Asociación Argentina de Football (Amateurs y Profesionales) continuò ad organizzare dei propri campionati paralleli fino al 1934, ovvero l'anno in cui si unì alla Liga Argentina per costituire la Asociación del Football Argentino, un'unica federazione calcistica argentina che prese il controllo dell'organizzazione del campionato argentino di calcio a partire dall'edizione 1935. Durante la fine dell'epoca amatoriale, molti giocatori argentini lasciarono l'Argentina per trasferirsi in Europa, giocando come professionisti nelle più prestigiose squadre del Vecchio Continente, soprattutto in Italia. Tra questi vanno citati Luis Monti, Renato Cesarini e Raimundo Orsi, che fecero la fortuna della Juventus e della nazionale di calcio italiana negli anni '20 e '30 del secolo scorso.

 
Il Racing Club, campione per ben sette volte nel decennio degli anni '10.
 
L'Huracán, quattro volte campione nazionale negli anni '20.

Durante l'era amatoriale e fino al 1938, ovvero già nel profesionalismo, il campionato di Primera División vide la partecipazione di squadre quasi esclusivamente di Buenos Aires, del suo conurbano e della città di La Plata. Poche le eccezioni: il Rosario Athletic Club nel 1894; il Lobos Athletic Club nel 1894. 1898 e 1899; il Reformer di Campana tra il 1905 e il 1909. Questa quasi esclusiva partecipazione di squadre della capitale e delle sue immediate vicinanze fu dovuta al fatto che la AFA (e le entità sue predecessori) organizzarono tornei calcistici solo in questa regione, mentre le squadre del cosiddetto interior dell'Argentina non si affiliavano alla AFA, bensì si legavano alle rispettive leghe calcistiche regionali sparse su tutto l'enorme territorio dell'Argentina. Trae origine da questa antica divisione il binario "parallelo" (che ancora attualmente esiste) nella struttura dei campionati argentini. Le squadre originarie di Rosario che parteciparono a diverse coppe nazionali durante questi anni, organizzati sia dalla federazione "ufficiale" sia da quelle "dissidenti", vi presero parte soltanto come invitate a tali manifestazioni e non potendo comunque partecipare ai tornei di Primera División.

L'era professionisticaModifica

 
La formazione dell'Independiente, campione nazionale nel campionato del 1948.

Alla fine degli anni '20 l'organizzazione del campionato di calcio argentino divenne sempre più difficile. Si arrivò ad organizzare campionati con 36 squadre, comportando quindi la programmazione delle partite anche nel periodo estivo e addirittura nell'anno seguente a quello di inizio del torneo, con la conseguente perdita di interesse da parte dei tifosi.

Il 10 aprile 1931 i calciatori decisero di iniziare uno sciopero allo scopo di ottenere prima di tutto il riconoscimento del carattere professionale della loro attività sportiva e per ottenere anche regole più certe per quanto riguarda il trasferimento dei giocatori da una squadra all'altra, la libertà di contrattazione e l'obbligo di richiedere il consenso della squadra di origine per ottenere il tesseramento di un giocatore.

 
La linea d'attacco del River Plate degli anni '40, conosciuta come La Maquina ("la Macchina"): Juan Carlos Muñoz, José Manuel Moreno, Adolfo Pedernera, Angel Labruna e Félix Loustau.

Allo scopo di risolvere tale situazione, la Asociación Amateurs Argentina de Football decise di organizzare una riunione coinvolgendo tutte le squadre ad essa affiliate. Fu il rappresentante del Racing Club a proporre una soluzione, ovvero creare una federazione calcistica parallela riservata alle squadre di Buenos Aires, del suo conurbano, di La Plata e di Rosario con giocatori professionisti. In molti non accettarono la proposta del rappresentante del Racing, dato che la soluzione poteva favorire soltanto alcune delle squadre partecipanti al campionato, non tutte. A seguito della spaccatura in tale riunione, il 18 maggio 1931 ben 18 squadre (Atlanta, Argentinos Juniors, Boca Juniors, Chacarita Juniors, Estudiantes de La Plata, Ferro Carril Oeste, Gimnasia y Esgrima La Plata, Huracán, Independiente, Lanús, Platense, Quilmes, Racing Club, River Plate, San Lorenzo de Almagro, Talleres, Tigre e Vélez Sarsfield) decisero di uscire dalla Asociación e di creare una loro federazione calcistica, la Liga Argentina de Football, riservata a squadre con giocatori professionisti. Si venne così a creare il primo torneo calcistico professionistico in Argentina. La federazione calcistica professionistica e quella amatoriale vissero separate fino al 1934, quando la Liga Argentina de Football e la Asociación Argentina de Football (Amateurs y Profesionales) decisero di unirsi il 3 novembre 1934, creando la Asociación del Football Argentino.

Con la nascita di un vero e proprio campionato professionistico, le squadre dell'interior argentino cominciarono a chiedere di poter partecipare a quello che era diventato il torneo calcistico più importante del paese. Dagli anni '30 agli anni '50 la AFA accolse quindi diverse richieste di affiliazione di alcune di queste squadre, anche se si ammise l'affiliazione soltanto di squadre della provincia di Buenos Aires e delle città di Rosario e di Santa Fe o delle loro rispettive province e ne derivò che il processo di affiliazione alla AFA non riguardò tutto il paese, ma soltanto alcune aree geograficamente limitate. Dopo numerosi tentativi e riunioni, nel 1939 fu ammessa la richiesta di affiliazione alla AFA del Rosario Central e del Newell's Old Boys di Rosario. Nel 1940 ottenne l'affiliazione l'Unión di Santa Fe anche se soltanto in Segunda División (ottenne la sua prima promozione in Primera nel 1967). Nel 1943 ottenne l'affiliazione alla AFA il Central Córdoba di Rosario, anch'essa in Segunda División (e che riuscì ad ottenere la promozione nel 1958). Nel 1948 fu la volta del Colón di Santa Fe (che arrivò in Primera nel 1966). Il 1952 fu ammesso alla AFA il Sarmiento di Junín (e che giunse per la prima volta in Primera nel 1981).

 
Los Matadores, ovvero la formazione del San Lorenzo vincitrice del Torneo Metropolitano 1968.

Tranne che nelle edizioni del 1934 e del 1936, il campionato di Primera División venne organizzato come un torneo all'italiana, con gironi di andata e ritorno da disputarsi lungo la durata dell'anno solare. Nel 1966, su iniziativa del presidente dell'epoca della AFA, Valentín Suárez, si determinò un cambio nell'organizzazione dei vari campionati destinato a permettere anche alle squadre dell'interior affiliate alle leghe calcistiche regionali di poter competere contro le squadre direttamente affiliate alla AFA. Da quel momento in poi, nella prima parte di ogni anno solare si sarebbero disputati in contemporanea i vari tornei delle leghe regionali e il cosiddetto Metropolitano (denominato in tal modo perché ad esso partecipavano quasi esclusivamente squadre di Buenos Aires e delle sue immediate vicinanze); nella seconda parte dell'anno si sarebbe disputato il Nacional, a cui avrebbero preso parte le migliori squadre dei tornei delle leghe regionali e del Metropolitano grazie ad un sistema di qualificazione. Nelle sue prime tre edizioni, il Nacional venne disputato con un girone di sola andata; successivamente il suo formato cambiò trasformandosi in una sorta di coppa, con gironi eliminatori e fasi finali ad eliminazione diretta.

 
Il Vélez Sarsfield del 1968, anno in cui vinse il suo primo titolo nazionale.
 
La squadra del Rosario Central vincitrice del Torneo Nacional 1971. Per la prima volta una squadra dell'interior vinse il titolo nazionale argentino.

Grazie a questa "rivoluzione" del 1966, il calcio argentino cambiò notevolmente, guadagnando l'interesse e la passione di sempre più tifosi. Una delle conseguenze fu anche la vittoria del titolo nazionale di squadre che fino a quegli anni non lo avevano mai ottenuto: nel 1967 vinse il campionato l'Estudiantes de La Plata; nel 1968 il Vélez Sarsfield, nel 1969 il Chacarita Juniors, nel 1973 l'Huracán. Fino a quel momento, infatti, ad aggiudicarsi il titolo erano state quasi soltanto cinque grandi squadre, ovvero Boca Juniors, River Plate, Independiente, Racing Club e San Lorenzo de Almagro. Per la prima volta nel 1971 il campionato venne vinto da una squadra dell'interior, ovvero il Rosario Central, che rivinse il titolo nel 1973. L'anno successivo, il 1974, il campionato venne vinto anche dall'altra squadra di Rosario, il Newell's Old Boys. Si venne a determinare, insomma, una maggiore competitività del campionato argentino.

Un altro cambiamento importante si ebbe a partire dal 1979. Con la risoluzione n. 1309 del 15 agosto 1979, la AFA accolse tra le sue squadre direttamente affiliate un'altra squadra dell'interior argentino, il Talleres de Córdoba, che a partire da quel momento poté disputare il Torneo Metropolitano, il quale intanto cambiò nome ufficiale passando a denominarsi Campeonato de Primera DIvisión (anche se il vecchio nome di Torneo Metropolitano rimase di uso comune). Nella stessa riunione di ammissione alla AFA del Talleres, la federazione calcistica argentina decise di continuare nella sua politica di accoglimento di altre squadre dell'interior tra le sue fila. Si stabilì la regola che qualsiasi squadra non direttamente affiliata alla AFA che fosse riuscita ad ottenere l'accesso al Torneo Nacional per due volte in tre stagioni avrebbe ottenuto come "premio" l'affiliazione diretta. Grazie a questa nuova regola, nel decennio degli anni '80 altre due squadre di Córdoba riuscirono ad ottenere tale affiliazione diretta, ovvero l'Instituto nel 1981 e il Racing nel 1982. Nello stesso 1982 venne decisa l'inversione della disputa dei due tornei nell'anno solare: da quel momento in poi si sarebbe disputato il Nacional nel primo semestre dell'anno, e il Metropolitano nel secondo semestre.[4]

Continui cambiamentiModifica

Da questo periodo in poi, si può definire una fase (che perdura ancora oggi) di continui cambiamenti di formato del torneo di Primera División. Dopo la disputa del Torneo Nacional 1985, conclusosi nel primo semestre dell'anno, si passò alla disputa di un torneo unico con partite di andata e ritorno, in contemporanea con la disputa dei tornei calcistici europei, ovvero tra il secondo semestre di un anno e il primo semestre dell'anno successivo. Venne modificato poi il sistema di accesso alla Primera División delle squadre non direttamente affiliate alla AFA, creando un sistema di promozioni e retrocessioni e costituendo un nuovo campionato di seconda divisione, la Primera B Nacional. Tuttavia, nonostante questa possibile ulteriore apertura di possibilità per le squadre dell'interior argentino, da quel momento in poi a vincere il titolo sono state squadre provenienti esclusivamente da Buenos Aires, Rosario e La Plata.

Con la stagione 1990-1991, la Primera División cambiò nuovamente formato, introducendo la disputa di due tornei separati: il Torneo Apertura nel secondo semestre di anno, e il Torneo Clausura nel primo semestre dell'anno successivo. Le vincenti dei due tornei avrebbero quindi disputato una finale per determinare la squadra campione. La finale tra le due vincenti di Apertura e Clausura venne però subito eliminata a partire dalla stagione 1991-1992, determinando così la proclamazione di due titoli nazionali in ogni stagione. Con la stagione 2012-2013 si ritornò alla disputa della finale tra le due squadre vincenti i rispettivi tornei semestrali, che cambiarono nome in Torneo Inicial e Torneo Final, ma si mantenne l'attribuzione dei due singoli titoli nazionali, aggiungendone addirittura un terzo alla squadra vincente la finale. Conseguentemente, nel luglio 2013 la AFA riconobbe la validità ufficiale (fino a quel momento non riconosciuta) dei tre titoli nazionali messi in palio nel lontano 1936, convertendoli retroattivamente nell'antecedente storico del nuovo sistema di disputa.[5] Tuttavia, a partire dalla stagione 2013-2014, la AFA decise di non attribuire più tre titoli nazionali, bensì uno soltanto alla squadra vincente della finale della Copa Campeonato.

il 3 giugno 2014 la AFA approvò una nuova riforma del campionato allo scopo di ritornare al sistema di disputa lungo il corso dell'anno solare, ma con l'inclusione di un maggior numero di squadre in Primera División. Per questo motivo si disputò un Torneo de Transición, con un solo girone di sola andata e senza retrocessioni. Tuttavia, nonostante si fosse deciso che a partire dal 2015 si fosse ritornati alla disputa di due tornei semestrali lungo l'arco dell'anno solare (con l'allargamento del campionato a 30 squadre), nella riunione dell'11 novembre 2014 il Comitato Esecutivo della AFA propose una nuova modifica per il campionato 2015 che provocò una grave crisi in cui intervenne anche il governo argentino[6][7]. La AFA quindi decise di tornare sui suoi passi e di approvare definitivamente la decisione del giugno 2014, organizzando la disputa di un torneo con un girone di sola andata e la disputa di una giornata aggiuntiva di clásicos, ovvero di sfide predeterminate dalla AFA sulla base (nella maggioranza dei casi) delle rivalità calcistiche.

Successivamente la AFA volle tornare a far disputare il campionato argentino in contemporanea al classico calendario calcistico europeo, ovvero tra il secondo semestre di un anno e il primo semestre dell'anno successivo, allo scopo di coordinare le finestre temporali di trasferimento dei giocatori, dichiarando contemporaneamente la volontà di ridurre il numero di squadre in Primera División (arrivate a 30 nel 2014).[8] Si venne così ad organizzare un nuovo Torneo de Transición durante il primo semestre del 2016, con la divisione delle 30 squadre in due gruppi da 15 squadre e la disputa di un torneo lungo la durata di 16 giornate, prevedendo una sola retrocessione ed una nuova promozione dalla Primera B Nacional.

Nel secondo semestre 2016 si cominciò la disputa di un torneo dalla struttura simile al campionato 2015 ma da disputarsi in contemporanea al calendario europeo (quindi concludendosi nel primo semestre 2017) e prevedendo ben 4 retrocessioni e 2 sole promozioni dalla Primera B Nacional, nell'ambito del piano di riduzione delle squadre in Primera División deciso nel 2015.

La breve esperienza della Superliga e la Liga ProfesionalModifica

Con la disputa del campionato 2017-2018 prese avvio la breve esperienza della Superliga Argentina, ovvero l'organizzazione del campionato di Primera División da parte di un organismo autonomo dalla AFA, sulla falsariga della Premier League inglese, allo scopo di migliore l'amministrazione economica e sportiva del campionato argentino.[9][10] La Superliga, nata anche con l'appoggio dell'allora presidente argentino Mauricio Macri (il quale, secondo alcuni, avrebbe appoggiato il progetto per spingere le squadre argentine a trasformarsi in vere e proprie società anonime sportive, abbandonando l'attuale struttura delle società sportive come associazioni su base elettiva)[11], ebbe tuttavia vita breve, riuscendo ad organizzare soltanto tre campionati e sciogliendosi il 20 marzo 2020, restituendo la gestione diretta del campionato di Primera División alla AFA.

Sotto l'egida della neonata Superliga, dunque, la stagione 2017-2018 vide un nuovo ulteriore cambio nel formato, con la soppressione della giornata di clásicos, ma mantenendo il piano di riduzione delle squadre. Dopo molto tempo, il torneo 2018-2019 si giocò con lo stesso formato della stagione precedente, in un torneo a 26 squadre. Con la stagione 2019-2020, che vide la partecipazione di 24 squadre (continuando il piano di riduzione delle squadre partecipanti iniziato nel 2015), la Superliga introdusse la disputa di una Copa de la Superliga allo scopo di determinare le retrocessioni (ridotte a 3) e la qualificazione alle coppe internazionali. L'interruzione di questo progetto avvenne a causa dello scoppio della pandemia di COVID-19, che obbligò lo stop alla disputa del campionato e la necessità di una nuova ristrutturazione del formato.

Con la dissoluzione della Superliga, la AFA tornò in pieno controllo della gestione amministrativa e sportiva della Primera División, ma con una decisione del maggio 2020 si costituì un organismo interno alla AFA a cui demandare la gestione del torneo, l'attuale Liga Profesional. Per venire incontro alle difficoltà economico-finanziarie delle squadre provocate dalla crisi della pandemia di COVID-19, la AFA decise di bloccare le retrocessioni; inoltre la neonata Liga Profesional organizzò la disputa di una speciale manifestazione, la Copa Diego Armando Maradona (in onore del defunto fuoriclasse argentino), per determinare le squadre qualificate alle coppe internazionali a cavallo tra il 2020 e il 2021. La Liga Profesional quindi decise di tornare, a partire dal campionato 2021, a disputare il campionato di Primera División durante l'arco solare, abbandonando il progetto di disputa contemporaneo al calendario europeo.

Squadre partecipantiModifica

Attualmente, nella Liga Profesional 2022 partecipano le 28 squadre seguenti.

Club Città Stadio
Aldosivi Mar del Plata José Maria Minella
Argentinos Juniors Buenos Aires Diego Armando Maradona
Arsenal Sarandí Julio Humberto Grondona
Atl. Tucumán San Miguel de Tucumán Monumental José Fierro
Banfield Banfield Florencio Sola
Barracas Central Buenos Aires Tomás Adolfo Ducó
Boca Juniors Buenos Aires La Bombonera
Central Córdoba (SdE) Santiago del Estero Alfredo Terrera
Colón (SF) Santa Fe Brigadier General Estanislao López
Defensa y Justicia Florencio Varela Norberto "Tito" Tomaghello
Estudiantes (LP) La Plata Ciudad de La Plata
Gimnasia (LP) La Plata Juan Carmelo Zerillo
Godoy Cruz Mendoza Malvinas Argentinas
Huracán Buenos Aires Tomás Adolfo Ducó
Independiente Avellaneda Libertadores de América
Lanús Lanús Ciudad de Lanús – Néstor Díaz Pérez
Newell's Old Boys Rosario Marcelo Bielsa
Patronato Paraná Presbítero Bartolomé Grella
Platense Florida Ciudad de Vicente López
Racing Club Avellaneda Juan Domingo Perón
River Plate Buenos Aires Monumental Antonio Vespucio Liberti
Rosario Central Rosario Gigante de Arroyito
San Lorenzo Buenos Aires Pedro Bidegain
Sarmiento (J) Junín Eva Perón
Talleres (C) Córdoba Mario Alberto Kempes
Tigre Victoria José Dellagiovanna
Unión Santa Fe 15 de Abril
Vélez Sarsfield Buenos Aires José Amalfitani

FormatoModifica

L'attuale formato per la stagione 2022 prevede la disputa di un girone di sola andata tra tutte le 28 squadre partecipanti, per un totale di 27 partite. La Tabla anual, ovvero la classifica che tiene conto dei punti ottenuti da ogni squadra sia in questa stagione che nella Copa de la Liga Profesional (disputatasi nel primo semestre del 2022) servirà per determinare alcune delle squadre ammesse a partecipare alle coppe internazionali nel 2023.

Retrocessioni e promozioniModifica

Le retrocessioni delle squadre nel secondo livello del campionato argentino di calcio, la Primera B Nacional, si realizza attraverso il sistema del cosiddetto promedio. Alla fine di ogni stagione, le squadre con il peggior promedio, ovvero la peggior media-punti (considerando i risultati della stagione attuale e delle due, tre o quattro stagioni precedenti, a seconda del regolamento del campionato) retrocedono nella serie inferiore, venendo rimpiazzate dalle migliori squadre della serie cadetta (la cui determinazione cambia a seconda del regolamento adottato di anno in anno).

A causa della pandemia di COVID-19 ed il conseguente stop dei campionati, la AFA ha deciso di congelare le retrocessioni per due stagioni consecutive, ripristinandole a partire dalla stagione 2022. Nello stesso lasso di tempo non sono state annullate le promozioni in Primera División, comportando un aumento delle squadre nella massima categoria, fino alle 28 attuali.

Il sistema del promedio, introdotto per la prima volta nella stagione 1957 e poi riutilizzato nella stagione 1966, è stato definitivamente introdotto a partire dall'anno 1983. Durante gli anni si sono sollevate numerose critiche rivolte contro tale sistema miranti a considerare che tale sistema favorirebbe le cosiddette grandi del calcio argentino, dopo la clamorosa retrocessione del San Lorenzo nel 1981[12]. Tuttavia, dati alla mano, altre grandi sono retrocesse dalla Primera División con il sistema del promedio: il Racing Club è retrocesso nel 1983, il River Plate nel 2010-2011 (dopo aver perso la sfida-salvezza contro il Belgrano), l'Independiente nel 2012-2013. Inoltre, rispettivamente nelle stagioni 2007-2008 e 2011-2012, lo stesso Racing Club e il San Lorenzo hanno dovuto affrontare (vincendo in entrambi i casi) lo spareggio per non retrocedere.

Nonostante questi dati, le critiche contro il sistema del promedio continuano a venire sollevate.[13] Innanzitutto si sostiene che tale sistema è stato creato proprio per evitare la retrocessione delle grandi squadre argentine; inoltre il promedio condanna le squadre sfavorite dal promedio a dover subire i pessimi risultati delle stagioni precedenti; infine, tale sistema costringe le squadre neopromosse a dover obbligatoriamente conseguire ottimi risultati al loro ritorno in Primera (dato che si considerano solo i punti ottenuti nella categoria).

Le grandi rivalità: i clásicosModifica

Con il termine clásico si definisce la partita che vede affrontarsi due squadre legate da una forte rivalità storica, dovuta a motivi geografici o storici. Nella lista seguente sono elencate le rivalità più note e importanti che hanno come protagoniste squadre che hanno militato in Primera División.

Con il termine clásico si definiscono tuttavia anche le sfide tra le cinque grandi del calcio argentino (Boca Juniors, Independiente, Racing Club, River Plate e San Lorenzo de Almagro).

Albo d'oroModifica

Era amatorialeModifica

I tornei di Primera División argentina durante l'era amatoriale videro la partecipazione soltanto di squadre delle città di Buenos Aires, del suo conurbano e di La Plata. Soltanto eccezionalmente vi hanno preso parte squadre di altre regioni: nel 1894 il Rosario Athletic di Rosario, nei campionati 1894. 1898 e 1899 il Lobos Athletic di Lobos; nel 1905 e 1909 il Reformer di Campana.

Considerando sia i campionati organizzati dalle organizzazioni ufficiali sia da quelle "dissidenti", la AFA riconosce la disputa di 43 stagioni di Primera División per un totale di 54 campionati. Ad aggiudicarsi il titolo nell'era amatoriale sono state 18 squadre[14]. Tra le squadre più vincenti di tale periodo si segnalano:

  • Alumni: vinse 10 campionati tra il 1900 e il 1911;
  • Racing Club: vinse 9 campionati tra il 1913 e il 1925;
  • Lomas Athletic: vinse 6 campionati tra il 1893 e il 1898;
  • Boca Juniors: vinse 6 campionati tra il 1919 e il 1930;
  • Huracán: vinse 4 campionati tra il 1921 e il 1928.
Stagione Torneo N° squadre Campione Secondo posto Terzo posto
1891 Primera División 5   St. Andrew's

  Old Caledonians[15]

  BA and Rosario Railway
1892 Non disputato
1893 Primera División 5 Lomas Athletic   Flores Athletic Quilmes[16]
1894 Primera División 6 Lomas Athletic   Rosario Athletic   Flores Athletic
1895 Primera División 6 Lomas Athletic   Lomas Academy   Flores Athletic
1896 Primera División 5   Lomas Academy   Flores Athletic Lomas Athletic
1897 Primera División 7 Lomas Athletic Lanús Athletic Belgrano AC
1898 Primera División 7 Lomas Athletic Lobos Athletic Belgrano AC
1899 Primera División 4 Belgrano AC Lobos Athletic Lomas Athletic
1900 Primera División 4 English H.S. Lomas Athletic Belgrano AC
1901 Primera División 4 Alumni Belgrano AC Quilmes
1902 Primera División 5 Alumni Barracas Athletic Quilmes
1903 Primera División 6 Alumni Belgrano AC Barracas Athletic
1904 Primera División 6 Belgrano AC Alumni Lomas Athletic
1905 Primera División 7 Alumni Belgrano AC Estudiantes (BA)
1906 Primera División 11 Alumni Lomas Athletic non stabilito
1907 Primera División 11 Alumni Estudiantes (BA) San Isidro
1908 Primera División 10 Belgrano AC Alumni Argentino (Q)
1909 Primera División 10 Alumni River Plate Quilmes
1910 Primera División 9 Alumni Porteño Belgrano AC
1911 Primera División 9 Alumni Porteño San Isidro
1912 (AAF) Primera División 6 Quilmes San Isidro Racing Club
1912 (FAF) Primera División[17] 8 Porteño Independiente Estudiantes (LP)
1913 (AAF) Primera División 15 Racing Club San Isidro River Plate
1913 (FAF) Primera División[17] 10 Estudiantes (LP) Gimnasia (BA) Argentino (Q)
1914 (AAF) Primera División 13 Racing Club Estudiantes (BA) Boca Juniors
1914 (FAF) Primera División[17] 8 Porteño Estudiantes (LP) Independiente
1915 Primera División 25 Racing Club San Isidro River Plate
1916 Primera División 22 Racing Club Platense River Plate
1917 Primera División 21 Racing Club River Plate Huracán
1918 Primera División 20 Racing Club River Plate Boca Juniors
1919 (AAF) Primera División 19 Boca Juniors Estudiantes (LP) Huracán
1919 (AAmF) Primera División[17] 14 Racing Club Vélez Sarsfield River Plate
1920 (AAF) Primera División 13 Boca Juniors Banfield e Huracán
1920 (AAmF) Primera División[17] 19 River Plate Racing Club San Lorenzo
1921 (AAF) Primera División 11 Huracán Del Plata Boca Juniors
1921 (AAmF) Primera División[17] 21 Racing Club River Plate Independiente
1922 (AAF) Primera División 17 Huracán Sp. Palermo Boca Juniors
1922 (AAmF) Primera División[17] 21 Independiente River Plate San Lorenzo
1923 (AAF) Primera División 23 Boca Juniors Huracán Sp. Barracas
1923 (AAmF) Primera División[17] 21 San Lorenzo Independiente River Plate
1924 (AAF) Primera División 22 Boca Juniors Temperley Dock Sud
1924 (AAmF) Primera División[17] 24 San Lorenzo Gimnasia (LP) Independiente
1925 (AAF) Primera División 23 Huracán Nueva Chicago El Porvenir
1925 (AAmF) Primera División[17] 25 Racing Club San Lorenzo Almagro
1926 (AAF) Primera División 18 Boca Juniors Argentinos Juniors Huracán
1926 (AAmF) Primera División[17] 26 Independiente San Lorenzo Platense
1927 Primera División 34 San Lorenzo Boca Juniors Lanús
1928 Primera División 36 Huracán Boca Juniors Estudiantes (LP)
1929 Primera División 35 Gimnasia (LP) Boca Juniors River Plate
1930 Primera División 36 Boca Juniors Estudiantes (LP) River Plate
1931 (AFAP) Primera División 16 Estudiantil Porteño Almagro Sp. Buenos Aires
1932 (AFAP) Primera División Sp. Barracas Barracas Central Colegiales
1933 (AFAP) Primera División 20 Dock Sud Nueva Chicago Banfield
1934 (AFAP) Primera División 23 Estudiantil Porteño Banfield Def. de Belgrano

Era professionisticaModifica

Fino alla creazione del Torneo Nacional nel 1967. i campionati di Primera División dell'era professionistica videro come protagonisti quasi esclusivamente squadre di Buenos Aires, del suo conurbano e di La Plata. Tuttavia, a partire già dal 1939, vennero affiliate alla AFA alcune squadre di Rosario, Santa Fe e dell'interior della provincia di Buenos Aires. Questa limitazione nella partecipazione delle squadre dell'interior rimase in vigore fino alla risoluzione n. 1309 del 15 agosto 1979, nella quale la AFA stabilì la possibilità (solo tempooranea, comunque) alle squadre indirettamente affiliate alla AFA di poter partecipare alla Primera DIvisión che si fossero qualificate alla fase finale del Torneo Nacional in due stagioni su tre consecutive.[18] Infine, dopo l'eliminazione del Torneo Nacional a partire dalla stagione 1985-1986, si venne a creare un sistema di promozioni e retrocessioni per consentire a qualsiasi squadra di poter accedere alla massima categoria attraverso il passaggio in un nuovo campionato di secondo livello, la Primera B Nacional.

Nell'era professionistica, la AFA riconosce la disputa di 93 stagioni di Primera División per un totale di 137 campionati. Ad aggiudicarsi il titolo nell'era professionistica sono state 17 squadre. Tra le squadre più vincenti di tale periodo si segnalano:

Campionato di Primera DivisíonModifica

Tra il 1931 e il 1966 il campionato venne sempre disputato con il sistema del torneo all'italiana con gironi di andata e ritorno lungo l'arco di ogni anno solare. Le uniche eccezioni furono il campionato del 1934, che si disputò sulla lunghezza di tre gironi, e quello del 1936, quando si attribuirono ben tre titoli consecutivi nello stesso anno: con la disputa del girone di andata si disputò la Copa de Honor, con il girone di ritorno la Copa Campeonato e nella sfida tra le vincenti dei due trofei precedenti si attribuì la Copa de Oro. Fino al 2013 la AFA riconosceva come detentrice del titolo soltanto la squadra vincitrice della Copa Campeonato. Tuttavia, nel 2013 la AFA ha pubblicato sul suo sito un nuovo albo d'oro includendo come vincitrici anche le squadre aggiudicantesi la Copa de Honor e la Copa de Oro.[5][19]

Stagione Torneo N° squadre Campione Secondo posto Terzo posto
1931 (LAF) Primera División[17] 18 Boca Juniors San Lorenzo Estudiantes (LP)
1932 (LAF) Primera División[17] 18 River Plate Independiente Racing Club
1933 (LAF) Primera División[17] 18 San Lorenzo Boca Juniors Racing Club
1934 (LAF) Primera División[17] 14 Boca Juniors Independiente San Lorenzo
1935 Primera División 18 Boca Juniors Independiente San Lorenzo
1936 Copa de Honor 18 San Lorenzo Huracán Boca Juniors
Copa Campeonato 18 River Plate San Lorenzo Racing Club
Copa de Oro 2 River Plate San Lorenzo
1937 Primera División 18 River Plate Independiente Boca Juniors
1938 Primera División 17 Independiente River Plate San Lorenzo
1939 Primera División 18 Independiente River Plate Huracán
1940 Primera División 18 Boca Juniors Independiente River Plate
1941 Primera División 16 River Plate San Lorenzo Newell's Old Boys
1942 Primera División 16 River Plate San Lorenzo Huracán
1943 Primera División 16 Boca Juniors River Plate San Lorenzo
1944 Primera División 16 Boca Juniors River Plate Estudiantes (LP)
1945 Primera División 16 River Plate Boca Juniors Independiente
1946 Primera División 16 San Lorenzo Boca Juniors River Plate
1947 Primera División 16 River Plate Boca Juniors Independiente
1948 Primera División 16 Independiente River Plate Estudiantes (LP)
1949 Primera División 18 Racing Club River Plate Platense
1950 Primera División 18 Racing Club Boca Juniors Independiente
1951 Primera División 17 Racing Club Banfield River Plate
1952 Primera División 16 River Plate Racing Club Independiente
1953 Primera División 16 River Plate Vélez Sarsfield Racing Club
1954 Primera División 16 Boca Juniors Independiente River Plate
1955 Primera División 16 River Plate Racing Club Boca Juniors
1956 Primera División 16 River Plate Lanús Boca Juniors
1957 Primera División 16 River Plate San Lorenzo Racing Club
1958 Primera División 16 Racing Club Boca Juniors San Lorenzo
1959 Primera División 16 San Lorenzo Racing Club Independiente
1960 Primera División 16 Independiente River Plate Argentinos Juniors
1961 Primera División 16 Racing Club San Lorenzo River Plate
1962 Primera División 15 Boca Juniors River Plate Gimnasia (LP)
1963 Primera División 14 Independiente River Plate Racing Club
1964 Primera División 16 Boca Juniors Independiente River Plate
1965 Primera División 18 Boca Juniors River Plate Vélez Sarsfield
1966 Primera División 20 Racing Club River Plate Boca Juniors

Tornei Metropolitano e NacionalModifica

Tra il 1967 e il 1985 è stato introdotto un nuovo formato di disputa per la Primera División argentina, prevedendo lo svolgimento di due campionati per anno solare:

Tuttavia, a partire dal 1980, con la risoluzione n. 1309 la AFA ha incorporato il Talleres, l'Instituto e il Racing di Córdoba nel Torneo Metropolitano in virtù dei risultati da loro ottenuti nelle stagioni precedenti.

Stagione Torneo N° squadre Campione Secondo posto Terzo posto
1967 Metropolitano 22 Estudiantes (LP) Racing Club non definito
Nacional 16 Independiente Estudiantes (LP) Vélez Sarsfield
1968 Metropolitano 22 San Lorenzo Estudiantes (LP) non definito
Nacional 16 Vélez Sarsfield River Plate Racing Club
1969 Metropolitano 22 Chacarita Juniors River Plate non definito
Nacional 18 Boca Juniors River Plate San Lorenzo
1970 Metropolitano 21 Independiente River Plate San Lorenzo
Nacional 20 Boca Juniors Rosario Central non definito
1971 Metropolitano 19 Independiente Vélez Sarsfield Chacarita Juniors
Nacional 28 Rosario Central San Lorenzo non definito
1972 Metropolitano 18 San Lorenzo Racing Club Huracán
Nacional 26 San Lorenzo River Plate non definito
1973 Metropolitano 17 Huracán Boca Juniors San Lorenzo
Nacional 30 Rosario Central River Plate Atlanta e San Lorenzo
1974 Metropolitano 18 Newell's Old Boys Rosario Central Boca Juniors
Nacional 36 San Lorenzo Rosario Central Vélez Sarsfield
1975 Metropolitano 20 River Plate Huracán Boca Juniors
Nacional 32 River Plate Estudiantes (LP) San Lorenzo
1976 Metropolitano 22 Boca Juniors Huracán Estudiantes (LP)
Nacional 34 Boca Juniors River Plate non definito
1977 Metropolitano 23 River Plate Independiente Vélez Sarsfield
Nacional 32 Independiente Talleres (C) non definito
1978 Metropolitano 21 Quilmes Boca Juniors Unión
Nacional 32 Independiente River Plate non definito
1979 Metropolitano 20 River Plate Vélez Sarsfield non definito
Nacional 28 River Plate Unión non definito
1980 Primera DIvisión[20] 19 River Plate Argentinos Juniors Talleres (C)
Nacional 28 Rosario Central Racing (C) non definito
1981 Primera DIvisión[20] 18 Boca Juniors Ferro Carril Oeste Newell's Old Boys
Nacional 28 River Plate Ferro Carril Oeste non definito
1982 Nacional 32 Ferro Carril Oeste Quilmes non definito
Primera DIvisión[20] 19 Estudiantes (LP) Independiente Boca Juniors
1983 Nacional 32 Estudiantes (LP) Independiente non definito
Primera DIvisión[20] 19 Independiente San Lorenzo Ferro Carril Oeste
1984 Nacional 32 Ferro Carril Oeste River Plate non definito
Primera DIvisión[20] 19 Argentinos Juniors Ferro Carril Oeste Estudiantes (LP)
1985 Nacional 32 Argentinos Juniors Vélez Sarsfield non definito

Campionato di Primera DivisiónModifica

Dal campionato 1985-1986, il campionato è tornato a disputarsi un solo torneo per stagione, ma la AFA ha deciso di allinearsi al calendario calcistico europeo, ovvero facendo iniziare il campionato nel secondo semestre di un anno e facendolo concludere nel primo semestre dell'anno successivo. La divisione tra squadre affiliate o meno alla AFA è venuta meno, essendo stato costituito un sistema di promozioni e retrocessioni in grado di dare pari occasioni ad entrambe le categorie di squadre di poter competere in Primera División.

Stagione Torneo N° squadre Campione Secondo posto Terzo posto
1985-86 Primera División 19 River Plate Newell's Old Boys Dep. Español
1986-87 Primera División 20 Rosario Central Newell's Old Boys Independiente
1987-88 Primera División 20 Newell's Old Boys San Lorenzo Racing Club
1988-89 Primera División[21] 20 Independiente Boca Juniors Dep. Español
1989-90 Primera División 20 River Plate Independiente Boca Juniors

Tornei Apertura e ClausuraModifica

Dalla stagione 1990-1991, si è deciso di modificare nuovamente il formato del campionato, introducendo la disputa del Torneo Apertura nel secondo semestre di un anno, e del Torneo Clausura nel primo semestre dell'anno successivo (dunque, mantenendo inalterata la corrispondenza con i campionati europei), entrambi i quali attribuivano un titolo nazionale. L'unica eccezione fu il campionato del 1990-1991, nei quali le squadre vincitrici del torneo Apertura e del Clausura si sono sfidate in una finale per determinare un'unica squadra campione.

Stagione Torneo N° squadre Campione Secondo posto Terzo posto
1990-91 Primera División 20 Newell's Old Boys Boca Juniors River Plate
1991-92 Apertura 20 River Plate Boca Juniors San Lorenzo
Clausura 20 Newell's Old Boys Vélez Sarsfield Dep. Español
1992-93 Apertura 20 Boca Juniors River Plate San Lorenzo
Clausura 20 Vélez Sarsfield Independiente River Plate
1993-94 Apertura 20 River Plate Vélez Sarsfield Racing Club
Clausura 20 Independiente Huracán Rosario Central
1994-95 Apertura 20 River Plate San Lorenzo Vélez Sarsfield
Clausura 20 San Lorenzo Gimnasia (LP) Vélez Sarsfield
1995-96 Apertura[22] 20 Vélez Sarsfield Racing Club Lanús
Clausura 20 Vélez Sarsfield Gimnasia (LP) Lanús
1996-97 Apertura 20 River Plate Independiente Lanús
Clausura 20 River Plate Colón (SF) Newell's Old Boys
1997-98 Apertura 20 River Plate Boca Juniors Rosario Central
Clausura 20 Vélez Sarsfield Lanús Gimnasia (LP)
1998-99 Apertura 20 Boca Juniors Gimnasia (LP) Racing Club
Clausura 20 Boca Juniors River Plate San Lorenzo
1999-00 Apertura 20 River Plate Rosario Central Boca Juniors
Clausura 20 River Plate Independiente Colón (SF)
2000-01 Apertura 20 Boca Juniors River Plate Gimnasia (LP)
Clausura 20 San Lorenzo River Plate Boca Juniors
2001-02 Apertura 20 Racing Club River Plate Boca Juniors
Clausura 20 River Plate Gimnasia (LP) Boca Juniors
2002-03 Apertura 20 Independiente Boca Juniors River Plate
Clausura 20 River Plate Boca Juniors Vélez Sarsfield
2003-04 Apertura 20 Boca Juniors San Lorenzo Banfield
Clausura 20 River Plate Boca Juniors Talleres (C)
2004-05 Apertura 20 Newell's Old Boys Vélez Sarsfield River Plate
Clausura 20 Vélez Sarsfield Banfield Racing Club
2005-06 Apertura 20 Boca Juniors Gimnasia (LP) Vélez Sarsfield
Clausura 20 Boca Juniors Lanús River Plate
2006-07 Apertura 20 Estudiantes (LP) Boca Juniors River Plate
Clausura 20 San Lorenzo Boca Juniors Estudiantes (LP)
2007-08 Apertura 20 Lanús Tigre Banfield
Clausura 20 River Plate Boca Juniors Estudiantes (LP)
2008-09 Apertura 20 Boca Juniors Tigre San Lorenzo
Clausura 20 Vélez Sarsfield Huracán Lanús
2009-10 Apertura 20 Banfield Newell's Old Boys Colón (SF)
Clausura 20 Argentinos Juniors Estudiantes (LP) Godoy Cruz
2010-11 Apertura 20 Estudiantes (LP) Vélez Sarsfield Arsenal
Clausura 20 Vélez Sarsfield Lanús Godoy Cruz
2011-12 Apertura 20 Boca Juniors Racing Club Vélez Sarsfield
Clausura 20 Arsenal Tigre Vélez Sarsfield

Tornei Inicial e Final (con finale)Modifica

Con la stagione 2012-2013, i due tornei semestrali hanno cambiato nome, assumendo quelli di Inicial e Final, ognuno dei quali con la sua rispettiva squadra campione; inoltre è stata introdotta la disputa di una finale tra le vincenti dei due tornei. Nella prima stagione dopo l'introduzione di questa modifica, il trofeo aggiudicato nella finale ha preso il nome di Copa Campeonato, che attribuiva il titolo di Campeón del Campeonato de Primera División.[23]

Stagione Torneo N° squadre Campione Secondo posto Terzo posto
2012-13 Inicial 20 Vélez Sarsfield Newell's Old Boys Belgrano
Final 20 Newell's Old Boys River Plate Lanús
Copa Campeonato 2 Vélez Sarsfield Newell's Old Boys -
2013-14 Inicial 20 San Lorenzo Lanús Vélez Sarsfield
Final 20 River Plate Boca Juniors Estudiantes (LP)

Torneo de TransiciónModifica

In vista della disputa di un torneo a 30 squadre nella stagione 2015, la AFA ha organizzato un torneo di transizione nel secondo semestre del 2014 che facesse da ponte con la nuova struttura del campionato.

Stagione Torneo N° squadre Campione Secondo posto Terzo posto
2014 Primera División 20 Racing Club River Plate Lanús

Campionato di Primera DivisiónModifica

Con la stagione 2015 si è avuta la promozione in Primera División di ben 10 squadre dalla Primera B Nacional per disputare un torneo con un nuovo formato lungo l'arco di tutto l'anno solare. Tuttavia, il Comitato Esecutivo della AFA ha deciso di ritornare sui suoi passi rendendo quest'ultimo formato non più definitivo.

Stagione Torneo N° squadre Campione Secondo posto Terzo posto
2015 Primera División 30 Boca Juniors San Lorenzo Rosario Central

Torneo de TransiciónModifica

Allo scopo di ritornare alla disputa del campionato a cavallo fra un anno e l'altro (come i campionati europei), la AFA ha organizzato un secondo torneo de transición, in vista di una nuova ristrutturazione del campionato con una riduzione delle squadre partecipanti al campionato di Primera División. Questo nuovo torneo di transizione è stato strutturato dividendo le 30 squadre partecipanti in due gruppi da 15, per poi definire la squadra campione attraverso un torneo con tabellone tennistico ed una finale.

Stagione Torneo N° squadre Campione Secondo posto Terzo posto
2016 Primera División 30 Lanús San Lorenzo Estudiantes (LP)

Campionato di Primera DivisiónModifica

Con la disputa del campionato 2016-2017 si è tornati ad un campionato temporalmente concomitante con i campionati europei, con un girone di sola andata per un totale di 29 partite, più una di clásicos. La AFA ha quindi cominciato a ristrutturare le promozioni e le retrocessioni dei diversi campionati per ridurre le partecipanti al torneo di Primera División.

Stagione Torneo N° squadre Campione Secondo posto Terzo posto
2016-17 Primera División 30 Boca Juniors River Plate Estudiantes (LP)

Superliga ArgentinaModifica

Con la stagione 2017-2018 si è aperta la breve esperienza della Superliga Argentina, organo esterno alla AFA che ha preso il controllo del campionato di Primera División. Il formato del campionato è rimasto comunque lo stesso del precedente, riducendo ogni stagione il numero delle squadre partecipanti.

Stagione Torneo N° squadre Campione Secondo posto Terzo posto
2017-18 Superliga 28 Boca Juniors Godoy Cruz San Lorenzo
2018-19 Superliga 26 Racing Club Defensa y Justicia Boca Juniors
2019-20 Superliga 24 Boca Juniors River Plate Vélez Sarsfield

Liga ProfesionalModifica

Nel 2021 l'esperienza della Superliga si è conclusa ed il controllo della Primera División è tornato in mano alla AFA, che però lo ha subito ceduto ad un suo organo interno costituito ad hoc, la Liga Profesional. A seguito della pandemia di COVID-19, la Liga Profesional ha deciso di sospendere le retrocessioni, vedendo quindi il numero delle squadre partecipanti di nuovo in aumento.

Stagione Torneo N° squadre Campione Secondo posto Terzo posto
2021 Liga Profesional 26 River Plate Defensa y Justicia Talleres (C)
2022 Liga Profesional 28 Boca Juniors Racing Club River Plate

Vittorie per squadraModifica

Era amatorialeModifica

Squadra Titoli Anno/Torneo
Alumni[24] 10 1900, 1901, 1902, 1903, 1905, 1906, 1907, 1909, 1910, 1911
Racing Club 9 1913, 1914, 1915, 1916, 1917, 1918, 1919 AAm, 1921 AAm, 1925 AAm
Boca Juniors 6 1919, 1920, 1923, 1924, 1926, 1930
Lomas Athletic[25] 6 1893, 1894, 1895, 1896, 1897, 1898
Huracán 4 1921, 1922, 1925, 1928
Belgrano AC 3 1899, 1904, 1908
San Lorenzo 3 1923 AAm, 1924 AAm, 1927
Estudiantil Porteño 2 1931, 1934
Independiente 2 1922 AAm, 1926 AAm
Porteño 2 1912 FAF, 1914 FAF
Estudiantes (LP) 1 1913 FAF
Gimnasia (LP) 1 1929
  Old Caledonians 1 1891
Quilmes 1 1912
River Plate 1 1920 AAm
Sp. Barracas 1 1932
Dock Sud 1 1933
  St. Andrew's 1 1891

Era professionisticaModifica

Squadra Titoli Anno/Torneo
River Plate 36 1932 LAF, 1936 (Copa Campeonato), 1936 (Copa de Oro), 1937, 1941, 1942, 1945, 1947, 1952, 1953, 1955, 1956, 1957, Metropolitano 1975, Nacional 1975, Metropolitano 1977, Metropolitano 1979, Nacional 1979, Metropolitano 1980, Nacional 1981, 1985-1986, 1989-1990, Apertura 1991, Apertura 1993, Apertura 1994, Apertura 1996, Clausura 1997, Apertura 1997, Apertura 1999, Clausura 2000, Clausura 2002, Clausura 2003, Clausura 2004, Clausura 2008, Final 2014, 2021
Boca Juniors 29 1931 LAF, 1934 LAF, 1935, 1940, 1943, 1944, 1954, 1962, 1964, 1965, Nacional 1969, Nacional 1970, Metropolitano 1976, Nacional 1976, Metropolitano 1981, Apertura 1992, Apertura 1998, Clausura 1999, Apertura 2000, Apertura 2003, Apertura 2005, Clausura 2006, Apertura 2008, Apertura 2011, 2015, 2016-2017, 2017-2018, 2019-2020, 2022
Independiente 14 1938, 1939, 1948, 1960, 1963, Nacional 1967, Metropolitano 1970, Metropolitano 1971, Nacional 1977, Nacional 1978, Metropolitano 1983, 1988-1989, Clausura 1994, Apertura 2002
San Lorenzo 12 1933 LAF, 1936 (Copa de Honor), 1946, 1959, Metropolitano 1968, Metropolitano 1972, Nacional 1972, Nacional 1974, Clausura 1995, Clausura 2001, Clausura 2007, Inicial 2013
Vélez Sarsfield 10 Nacional 1968, Clausura 1993, Apertura 1995, Clausura 1996, Clausura 1998, Clausura 2005, Clausura 2009, Clausura 2011, Inicial 2012, Superfinal 2013
Racing Club 9 1949, 1950, 1951, 1958, 1961, 1966, Apertura 2001, Transición 2014, 2018-2019
Newell's Old Boys 6 Metropolitano 1974, 1987-1988, 1990-1991, Clausura 1992, Apertura 2004, Final 2013
Estudiantes (LP) 5 Metropolitano 1967, Metropolitano 1982, Nacional 1983, Apertura 2006, Apertura 2010
Rosario Central 4 Nacional 1971, Nacional 1973, Nacional 1980, 1986-1987
Argentinos Juniors 3 Nacional 1984, Nacional 1985, Clausura 2010
Ferro Carril Oeste 2 Nacional 1982, Metropolitano 1984
Lanús 2 Apertura 2007, 2016
Arsenal 1 Clausura 2012
Banfield 1 Apertura 2009
Chacarita Juniors 1 Metropolitano 1969
Huracán 1 Metropolitano 1973
Quilmes 1 Metropolitano 1978

Vittorie totali[26]Modifica

Squadra Era
amatoriale
Era
professionistica
Totale
River Plate 1 36 37
Boca Juniors 6 29 35
Racing Club 9 9 18
Independiente 2 14 16
San Lorenzo 3 12 15
Alumni[24] 10 10
Vélez Sarsfield 10 10
Estudiantes (LP) 1 5 6
Lomas Athletic[25] 6 6
Newell's Old Boys 6 6
Huracán 4 1 5
Rosario Central 4 4
Argentinos Juniors 3 3
Belgrano AC 3 3
Estudiantil Porteño 2 2
Ferro Carril Oeste 2 2
Lanús 2 2
Porteño 2 2
Quilmes 1 1 2
Arsenal 1 1
Banfield 1 1
Chacarita Juniors 1 1
Gimnasia (LP) 1 1
  Old Caledonians 1 1
Dock Sud 1 1
Sp. Barracas 1 1
  St. Andrew's 1 1

StatisticheModifica

 
Il paraguaiano Arsenio Erico, con la maglia dell'Independiente di Avellaneda. Erico è il massimo goleador nella storia della Primera División nell'era professionistica.

Classifica marcatori della Primera División[27]Modifica

Pos. Gol segnati Partite Media
1.   Arsenio Erico 295 332 0,89
2.   Ángel Labruna 293 515 0,57
3.   Herminio Masantonio 256 358 0,72
4.   Manuel Pelegrina 245 490 0,50
5.   Martín Palermo 236 410 0,58
6.   José Sanfilippo 226 330 0,68
7.   Ricardo Infante 217 439 0,49
8.   Oscar Más 215 429 0,50
9.   Bernabé Ferreyra 208 197 1,05
10.   Carlos Bianchi 206 324 0,64

NoteModifica

  1. ^ IFFHS, su www.iffhs.com. URL consultato il 28 maggio 2022.
  2. ^ a b (ES) Sitio Oficial de la Asociación del Fútbol Argentino, su Sitio Oficial de la Asociación del Fútbol Argentino. URL consultato il 28 maggio 2022.
  3. ^ Tale origine storica viene dichiarata ufficialmente dalla stessa AFA nel suo Statuto.
  4. ^ (ES) A 40 años de la 1309: ¿un progreso o una traición? | Fútbol, su La Voz del Interior. URL consultato il 29 maggio 2022.
  5. ^ a b (ES) Clarín.com, La AFA les reconoció otro título a San Lorenzo y a River, su Clarín, 6 luglio 2013. URL consultato il 29 maggio 2022.
  6. ^ (ES) Clarín.com, Otro cambio de rumbo: el Gobierno exige que el torneo de 30 equipos sea largo, su Clarín, 21 novembre 2014. URL consultato il 29 maggio 2022.
  7. ^ (ES) Clarín.com, Segura: “Nunca se analizó no jugar el campeonato de 30 equipos”, su Clarín, 11 novembre 2014. URL consultato il 29 maggio 2022.
  8. ^ (ES) Clarín.com, Cómo será el torneo corto de transición, su Clarín, 27 dicembre 2015. URL consultato il 29 maggio 2022.
  9. ^ (ES) ¿Qué es la Superliga? Guía práctica para entender el nuevo torneo del fútbol argentino, su LA NACION, 25 agosto 2017. URL consultato il 29 maggio 2022.
  10. ^ Daniel Guiñazú, El fútbol que asoma en la Argentina | A propósito de lo que se podrá ver en el nuevo torneo de Primera División, su PAGINA12, 1503279415. URL consultato il 29 maggio 2022.
  11. ^ (ES) La Superliga, puerta de ingreso para las Sociedades Anónimas al fútbol - Tiempo Argentino, su tiempoar.com.ar. URL consultato il 29 maggio 2022.
  12. ^ (ES) 31 de Mayo de 2007, La verdadera historia de la creación de los promedios, su infobae. URL consultato il 29 maggio 2022.
  13. ^ Los promedios, un invento del fútbol que no es ni justo ni útil - canchallena.com, su web.archive.org, 24 giugno 2012. URL consultato il 29 maggio 2022 (archiviato dall'url originale il 24 giugno 2012).
  14. ^ Nel conteggio andrebbero considerati anche i titoli ottenuti dalla Lomas Academy; tuttavia, essendo quest'ultima la seconda squadra del Lomas Athletic, la AFA considera i titoli ottenuti da questa squadra come ottenuti dal team principale.
  15. ^ Nonostante la AFA nel suo albo d'oro pubblicato nel sito ufficiale non indichi l'Old Caledonians come squadra campione, e nonostante che diversi storici del calcio argentino considerino come unico campione il Saint Andrew's dato che vinse la sfida con l'Old Caledonians al termine del campionato (con il risultato di 3-1), in tale lista si considerano entrambe le squadre come campioni perché la stessa AFA, in occasione del 120º anniversario di tale avvenimento, menzionò il fatto che la federazione calcistica organizzatrice attribuì il titolo ad entrambe le squadre.
  16. ^ Il Quilmes afferma di essere il diretto discendente del Quilmes Rowers Athletic Club, nonostante vi sia disaccordo su tale affermazione.
  17. ^ a b c d e f g h i j k l m n o Federazione dissidente
  18. ^ (ES) A 30 años de la 1309 | Fútbol, su La Voz del Interior. URL consultato il 29 maggio 2022.
  19. ^ (ES) Boca campeón: cómo quedó el ranking de títulos en el fútbol argentino, su es-us.deportes.yahoo.com. URL consultato il 29 maggio 2022.
  20. ^ a b c d e Nonostante fosse cambiata la sua denominazione ufficiale, il Torneo ha continuato ad essere nominato come Metropolitano.
  21. ^ In questa edizione del campionato, si sono attribuiti tre punti in classifica alla squadra vincitrice di ogni partita. In caso di pareggio, venivano eseguiti i calci di rigore, attribuendo un punto extra alla squadra risultata vincitrice.
  22. ^ Da questo campionato si sono attribuiti definitivamente 3 punti in classifica alla squadra vincente di ogni partita.
  23. ^ (ES) Sitio Oficial de la Asociación del Fútbol Argentino, su Sitio Oficial de la Asociación del Fútbol Argentino. URL consultato il 30 maggio 2022.
  24. ^ a b Comprende English High School.
  25. ^ a b Comprende Lomas Academy.
  26. ^ (ES) Campeones de Primera División, su AFA.com.ar.
  27. ^ Argentina - All-Time Topscorers, su rsssf.com. URL consultato il 30 maggio 2022.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio