Enza Soldi

conduttrice televisiva e attrice italiana
Enza Soldi nel 1959

Enza Soldi (...) è un'ex conduttrice televisiva e attrice italiana, interprete del cinema negli anni cinquanta.

BiografiaModifica

Inizia la carriera nel teatro di rivista, dove è primadonna in alcune compagnie; nel 1951, soubrette nella compagnia di Ugo Tognazzi, rimane sfregiata in volto per le conseguenze di un incidente stradale causato dalla guida pericolosa di Tognazzi, che sarà chiamato anni dopo a risarcire il danno.[1]

Ha anche una breve carriera cinematografica, che inizia nel 1950 nel film I cadetti di Guascogna di Mario Mattoli con Walter Chiari, Ugo Tognazzi e Carlo Campanini.[2] Nel 1951 figura nel cast del film Una bruna indiavolata di Carlo Ludovico Bragaglia con Tognazzi e Silvana Pampanini, mentre nel 1954 recita in Milanesi a Napoli di Enzo Di Gianni con Nino Taranto, Campanini e ancora Tognazzi.[2]

Nel 1958 appare nel film I prepotenti di Mario Amendola con Aldo Fabrizi, Nino Taranto e Ave Ninchi.[2] Dopo aver partecipato a questa pellicola partecipa ad alcuni sceneggiati televisivi fino al 1960.

Attiva come conduttrice televisiva, presenta Canzonissima nel 1958 con Renato Tagliani, Ugo Tognazzi, Walter Chiari e Gianni Agus;[3] Serata di varietà alla Fiera del Levante nel 1960, con Silvio Noto;[4] Canzoni e nuvole nel 1963, con Nunzio Filogamo; il programma per ragazzi Telecruciverba nel 1964, dove è accompagnata da un giovane Pippo Baudo.[5][6] È anche attiva alla radio, dove tra le altre cose conduce sul Secondo Programma il programma musicale Nate ieri nel 1962,[7] il programma di amarcord Al miei tempi nel 1963, al fianco di Nino Besozzi,[8], il programma di Enrico Vaime Buccia di banana nel 1966, insieme ad Ernesto Calindri,[9] e recita in alcuni drammi radiofonici.[10][11]

Varietà radio RAIModifica

NoteModifica

  1. ^ "Tognazzi risarcisce Enza Soldi", La Stampa. 13/12/1968, pagina 8.
  2. ^ a b c Roberto Chiti, Roberto Poppi, Enrico Lancia, Dizionario del cinema italiano: I film, Gremese, 1991, ISBN 88-7605-548-7.
  3. ^ Aldo Grasso. Storia della televisione italiana. Garzanti, 2000. ISBN 88-11-73883-0.
  4. ^ "Sulle scene e sugli schermi", La Stampa. 19/09/1960, pagina 8.
  5. ^ "Telecruciverba per ragazzi", Europa. 21 aprile 1964, pagina 11.
  6. ^ "Sette milioni di spettatori la domenica seguono il varietà dei giovani anti ye-ye", La Stampa. 22/04/1966, pagina 11.
  7. ^ "Oggi alla radio", La Stampa. 30 aprile 1962, pagina 22.
  8. ^ "Oggi alla radio", La Stampa. 27/05/1963, pagina 11.
  9. ^ "Varietà sul Primo, Inchieste sul Secondo", La Stampa. 14/04/1966, pagina 11.
  10. ^ "Come ero grassa con Oblomov", La Stampa.13/06/1966, pagina 7.
  11. ^ "Oggi alla radio", La Stampa.07/06/1965, pagina 6.

Collegamenti esterniModifica