Apri il menu principale
Esarcato patriarcale di Gerusalemme e Amman
Chiesa armena
Jerusalem Schmerzen Maria BW 1.jpg
Suffraganea del patriarcato di Cilicia
Esarca Nersès (Joseph) Zabbara
Sacerdoti 2 di cui 2 regolari
250 battezzati per sacerdote
Religiosi 2
Battezzati 500
Parrocchie 2
Erezione 1º ottobre 1991
Rito armeno
Indirizzo Via Dolorosa 36, P.O. Box 19546, 91190 Jerusalem
Dati dall'Annuario pontificio 2016 (ch · gc)
 

L'esarcato patriarcale di Gerusalemme e Amman è una sede della Chiesa armeno-cattolica immediatamente soggetta al patriarcato di Cilicia degli Armeni. Nel 2015 contava 500 battezzati. È attualmente retto dall'esarca Nersès (Joseph) Zabbara.

Indice

TerritorioModifica

L'esarcato estende la sua giurisdizione sui fedeli cattolici di rito armeno di Israele, Giordania e Palestina; le due parrocchie dell'esarcato si trovano a Gerusalemme e ad Amman.

La chiesa principale dell'esercato si trova a Gerusalemme sulla Via Dolorosa fra la III e la IV stazione della Via Crucis; è dedicata a Santa Maria dello Spasimo e fu edificata nell'Ottocento grazie ad un firmano rilasciato dal governo ottomano il 18 settembre 1887.[1] La parrocchia di Amman è dedicata a Nostra Signora Assunta.[2]

StoriaModifica

L'esarcato patriarcale di Gerusalemme fu eretto il 1º ottobre 1991.

Nel 1998 perse il rango di esarcato patriarcale e divenne un territorio dipendente dal Patriarca armeno-cattolico.

Nel 2001 l'esarcato patriarcale è stato ripristinato e ha assunto il nome attuale.

Cronotassi degli esarchiModifica

StatisticheModifica

L'esarcato al termine dell'anno 2015 contava 500 battezzati.

anno popolazione sacerdoti diaconi religiosi parrocchie
battezzati totale % numero secolari regolari battezzati per sacerdote uomini donne
1998 280 ? ? 2
2005 400 ? ? 2
2012 500 ? ? 2 2 250 2 2
2014 500 ? ? 2 2 250 2 2
2015 500 ? ? 2 2 250 2 2

NoteModifica

  1. ^ O. Werner, Orbis terrarum catholicus, Friburgo 1890, p. 147.
  2. ^ Dal sito web della Chiesa cattolica di Terra Santa.

FontiModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi