Fabio Basile

judoka italiano
Fabio Basile
Fabio Basile (cropped).jpg
Fabio Basile mentre si autofotografa insieme al presidente della repubblica Sergio Mattarella
Nazionalità Italia Italia
Altezza 172 cm
Peso 73 kg
Judo Judo pictogram.svg
Categoria -73kg
Società Nessuna
Carriera
Squadre di club
????-2012Akiyama Settimo Torinese
2013-2018Esercito
Incontri disputati

83 (59 V, 24 P)

Palmarès
Giochi olimpici Olympic rings.svg 1 0 0
Europei 0 0 1
Giochi del Mediterraneo 0 0 1
Campionati italiani 3 0 1
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al 12 ottobre 2017

Fabio Basile (Rivoli, 7 ottobre 1994) è un judoka italiano, campione olimpico nella categoria 66 kg a Rio de Janeiro 2016.

È il vincitore della duecentesima medaglia d'oro nella storia dell'Italia ai Giochi olimpici estivi.

BiografiaModifica

Membro dell'Agenzia Golden Sabre, è nato e cresciuto in Piemonte, a Rosta, dove risiede, ma è tarantino di origine.[1] Graduato dell'Esercito Italiano, del cui gruppo sportivo fa parte dal 2013, ha conquistato il bronzo sia ai Giochi del Mediterraneo 2013 a Mersin nella categoria 60 kg sia ai campionati europei giovanili di Bucarest dello stesso anno.[2] Continua ad allenarsi presso l'Akiyama di Settimo Torinese del Maestro Pierangelo Toniolo, società dove ha cominciato la sua carriera agonistica.

Terzo ai campionati europei 2016 tenutisi a Kazan',[3] ha fatto parte della spedizione italiana ai Giochi olimpici di Rio de Janeiro nella categoria 66 kg. Giunto in finale con il sudcoreano An Ba-ul, campione del mondo in carica, ha vinto l'incontro laureandosi campione olimpico grazie a un ippon ottenuto dopo soli 84 secondi di gara e conquistando la prima medaglia d'oro per l'Italia nell'edizione del 2016 e la 200ª complessiva di tutta la sua storia.[4]

Nel 2017 partecipa al talent show Ballando con le stelle su Rai 1 in coppia con Anastasia Kuzmina, classificandosi al secondo posto. Dal 26 ottobre 2017, ovvero in occasione del Gran Slam di Abu Dhabi, è passato alla categoria -73kg. Il 20 dicembre 2017 gli viene conferita l'onorificenza di Commendatore da parte del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Nel settembre 2018 partecipa come concorrente al Grande Fratello VIP 3, condotto da Ilary Blasi su Canale 5, venendo eliminato dopo 46 giorni di permanenza nella casa con il 20% dei voti. Nel febbraio 2019 torna sul tatami al Grand Slam di Parigi e si classifica al terzo posto conquistando la medaglia di bronzo.

L'8 giugno 2021 ha pubblicato il libro L'impossibile non esiste per Giunti Editore.[5]

Si è qualificato ai Giochi olimpici estivi di Tokyo 2020.[6][7]

PalmarèsModifica

Rio de Janeiro 2016: oro nei 66 kg.
Kazan' 2016: bronzo nei 66 kg.
Mersin 2013: bronzo nei 60 kg.
  • Campionati europei under 23:
Praga 2012: bronzo nei -60kg;
Bratislava 2015: oro nei -66kg.
  • Campionati mondiali juniores:
Agadir 2010: bronzo nei -55kg.
  • Campionati europei juniores:
Bucarest 2014: bronzo nei -60kg.
  • Campionati europei cadetti:
Teplice 2010: argento nei -55kg.

PubblicazioniModifica

Fabio Basile, L'impossibile non esiste, Giunti Editore, 2021, ISBN 8809903021, ISBN-13 978-8809903029.

OnorificenzeModifica

  Collare d'oro al merito sportivo
«Campione olimpico judo - Kg. 66»
— 2016[8]
  Commendatore Ordine al Merito della Repubblica Italiana
«Di iniziativa del presidente della repubblica»
— 20 dicembre 2017[9]

NoteModifica

  1. ^ Fabio Basile / Chi è il vincitore judo 66kg? Oro numero 200 dell'Italia: su Instagram un ragazzo semplice, Foto (Olimpiadi di Rio 2016, oggi 8 agosto), su ilsussidiario.net. URL consultato l'11 agosto 2016.
  2. ^ Mondiali di Judo, il Caporale Fabio Basile ed il Caporal Maggiore Odette Giuffrida alla ricerca del titolo, su esercito.difesa.it, Ministero della Difesa, 20 ottobre 2014. URL consultato il 7 agosto 2016 (archiviato dall'url originale il 7 agosto 2016).
  3. ^ Europei di Kazan: bronzi per Elios Manzi (60 kg) e Fabio Basile (66 kg), su coni.it, Comitato Olimpico Nazionale Italiano, 21 aprile 2016. URL consultato il 7 agosto 2016 (archiviato dall'url originale il 7 agosto 2016).
  4. ^ Olimpiadi Rio 2016, Basile vince l'oro, Giuffrida d'argento tra le donne, in la Gazzetta dello Sport, 7 agosto 2016. URL consultato il 7 agosto 2016.
  5. ^ "L'impossibile non esiste", il libro di Fabio Basile: "Spero sia di aiuto a molti", su La Gazzetta dello Sport. URL consultato il 9 giugno 2021.
  6. ^ Lombardo: "Un argento mondiale da sogno. E Maruyama mi ha detto che...", su La Gazzetta dello Sport. URL consultato il 9 giugno 2021.
  7. ^ Judo, Fabio Basile conquista il pass per Tokyo 2020. Qualificati 316 azzurri, su www.coni.it. URL consultato il 9 giugno 2021.
  8. ^ Benemerenze sportive di Fabio Basile, su coni.it, Comitato olimpico nazionale italiano. URL consultato il 18 gennaio 2018.
  9. ^ Commendatore Ordine al Merito della Repubblica Italiana Sig. Fabio Basile

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica