Apri il menu principale

Ferrovia Pontassieve-Borgo San Lorenzo

linea ferroviaria italiana
Pontassieve-Borgo San Lorenzo
InizioPontassieve
FineBorgo San Lorenzo
Stati attraversatiItalia Italia
Lunghezza33 km
Apertura1913
GestoreRFI
Precedenti gestoriFS
Scartamento1435 mm
Elettrificazioneno
Ferrovie

La ferrovia Pontassieve-Borgo San Lorenzo è una linea ferroviaria italiana di proprietà statale che percorre la Val di Sieve, in Toscana. Unisce la ferrovia Faentina alla linea lenta Roma-Firenze, tra Borgo San Lorenzo e Pontassieve.

La gestione dell'infrastruttura e degli impianti ferroviari è affidata a RFI SpA, società del gruppo Ferrovie dello Stato, che qualifica la linea come complementare[1].

Indice

StoriaModifica

Nonostante i primi progetti per la linea transappenninica Firenze – Faenza prevedessero il passaggio per la Val di Sieve, la linea fu poi costruita percorrendo la via di Vaglia, più accidentata ma più diretta.

Si tornò a parlare della ferrovia della Val di Sieve agli inizi del XX secolo, per integrare la ferrovia Faentina con una bretella che permettesse ai treni merci di valicare l'Appennino e dirigersi verso Roma evitando il nodo di Firenze.

La linea fu costruita dalla Società Nazionale Ferrovie e Tramvie (SNFT) per conto delle Ferrovie dello Stato[2]. Fu aperta al traffico il 30 giugno 1913[3]; tuttavia gli innesti sulle linee Faentina e Firenze – Roma, nelle stazioni rispettivamente di Borgo San Lorenzo e Pontassieve, furono stranamente costruiti verso Firenze, rendendo necessario per i treni in transito un doppio regresso, e relegando la linea ad un ruolo prettamente locale.

La linea acquistò importanza dopo la seconda guerra mondiale, quando si decise di non ricostruire il tratto Firenze – Borgo San Lorenzo (via Vaglia) della ferrovia Faentina, gravemente danneggiato. I treni Firenze-Faenza furono così deviati via Pontassieve, rendendo necessario il regresso a Borgo San Lorenzo.

Con la riattivazione della Firenze-Borgo San Lorenzo (1999) la linea via Pontassieve ha perso l'importanza acquisita, tornando ad occupare un ruolo secondario.

CaratteristicheModifica

La linea è una ferrovia a binario semplice non elettrificato. Lo scartamento adottato è quello ordinario da 1435 mm.

Stazioni e fermate
     
linea per Firenze
 
32+683 Pontassieve 91 m s.l.m.
 
Fiume Sieve
     
linea per Roma
 
25+175 Rufina 111 m s.l.m.
 
22+417 Scopeti * 2000[4]
 
20+917 Fiume Sieve
 
gall. Massoni (202 m)
 
gall. Secchio (51 m)
 
Fiume Sieve
 
gall. Apparita (224 m)
 
gall. Artificiale (97 m)
 
Torrente Moscia
 
18+038 Contea-Londa 144 m s.l.m.
 
Torrente Comano
 
14+591 Dicomano 155 m s.l.m.
 
Fiume Sieve
 
gall. Boschetta (212 m)
 
Fiume Sieve
 
7+046 Vicchio 179 m s.l.m.
 
Torrente Ensa
 
Piazzano 197 m s.l.m.
 
1+797 Borgo San Lorenzo-Rimorelli * 1985
 
Rio de' Paoli
 
Viadotto torrente Le Cale
     
linea per Faenza
 
0+000 Borgo San Lorenzo 212 m s.l.m.
     
linea per Firenze

NoteModifica

  1. ^ RFI - Rete in esercizio (PDF), su site.rfi.it. URL consultato il 26 ottobre 2008 (archiviato dall'url originale il 22 luglio 2011).
  2. ^ Mauro Pennacchio, La meccanica viabilità - La ferrovia nella storia del lago d'Iseo e della Vallecamonica, Marone, Fdp Editore, 2006, p. 244. ISBN 889027140X
  3. ^ Sviluppo delle ferrovie italiane dal 1839 al 31 dicembre 1926, Roma, Ufficio Centrale di Statistica delle Ferrovie dello Stato, 1927. Vedi Alessandro Tuzza, Trenidicarta.it. URL consultato il 3 gennaio 2009.
  4. ^ Impianti FS, in "I Treni" n. 216 (giugno 2000), p. 7

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica