Gioielleria

lavorazione e commercio dei gioielli

Con gioielleria si indica sia l'insieme delle tecniche di lavorazione dei metalli e pietre nobili per ricavarne ornamenti, che gli oggetti ornamentali realizzati in un metallo prezioso, in cui di norma viene incastonata almeno una pietra preziosa, che gli oggetti della categoria. Per molti secoli metalli come l'oro utilizzati in diverse carature da 21, 18, 12, 9 o anche inferiori, spesso combinati con pietre preziose, è stato il normale materiale per i gioielli, ma possono essere utilizzati altri materiali come conchiglie e altri materiali vegetali[1]. È uno dei più antichi tipi di manufatti archeologici, con perle di 100.000 anni fatte con conchiglie Nassarius che si ritiene siano i gioielli più antichi conosciuti[2]. Le forme di base dei gioielli variano da una cultura all'altra, ma spesso sono estremamente longeve; nelle culture europee le forme più comuni di gioielleria sopra elencate sono persistite fin dall'antichità, mentre altre forme come gli ornamenti per il naso o la caviglia, importanti in altre culture, sono molto meno comuni.

Gioielli francesi del xix secolo: ornamento della famiglia Borbone-Orléans

I gioielli possono essere realizzati con un'ampia gamma di materiali. Pietre preziose e materiali simili come l'ambra e il corallo, metalli preziosi, perle e conchiglie sono stati ampiamente utilizzati e lo smalto è stato spesso importante. Nella maggior parte delle culture i gioielli possono essere intesi come uno status symbol, per le sue proprietà materiali, i suoi modelli o per simboli significativi[3]. I gioielli sono stati realizzati per adornare quasi ogni parte del corpo, dalle forcine per capelli agli anelli dei piedi e persino ai gioielli genitali. Nella cultura europea moderna la quantità indossata dai maschi adulti è relativamente bassa rispetto ad altre culture e ad altri periodi della cultura europea.

EtimologiaModifica

Vengono riportati tra i vari termini latini possibili sia gaudia (gioia), sia jocale, termine generico significante monile, gemma, cosa preziosa.[4]

StoriaModifica

 
Collana, 2600-1300 a.C., Emirati Arabi Uniti

I primi gioielli conosciuti furono in realtà creati non dagli umani (Homo sapiens) ma dai Neanderthal che vivevano in Europa[5]. Nello specifico, nella Cueva de los Aviones, una grotta lungo la costa sud-orientale della Spagna, sono state trovate perle perforate ricavate da piccole conchiglie marine risalenti a 115.000 anni fa. Più tardi in Kenya, a Enkapune Ya Muto, le perline realizzate con gusci d'uovo di struzzo perforati sono state datate a più di 40.000 anni fa. In Russia un braccialetto di pietra e un anello di marmo sono attribuiti a un'epoca simile[6].

Più tardi, i primi esseri umani moderni europei avevano collane e braccialetti grezzi di ossa, denti, bacche e pietre appesi a pezzi di spago o tendini di animali, o pezzi di osso intagliato usati per fissare insieme gli indumenti. In alcuni casi, i gioielli avevano pezzi di conchiglia o madreperla. Un ciondolo inciso decorato (lo Star Carr Pendant) risalente all'11.000 a.C. circa e ritenuto la più antica testimonianza di arte mesolitica in Gran Bretagna, è stato trovato nel sito di Star Carr nel North Yorkshire nel 2015[7]. Circa settemila anni fa si videro i primi segni di gioielli in rame[8].

I primi segni della creazione di gioielli affermati nell'antico Egitto risalgono a circa 3.000-5.000 anni fa[9]. I disegni egizi erano più comuni nei gioielli fenici. Inoltre, gli antichi disegni turchi trovati nei gioielli persiani suggeriscono che il commercio tra il Medio Oriente e l'Europa non era raro. Le donne indossavano elaborati pezzi d'oro e d'argento che venivano usati nelle cerimonie[9].

I Greci iniziarono a usare l'oro e le gemme in gioielleria nel 1600 a.C., sebbene in passato fossero ampiamente prodotte perle a forma di conchiglie e animali. Intorno al 1500.C., le principali tecniche di lavorazione dell'oro in Grecia includevano la fusione, la torsione delle barre e la fabbricazione del filo[10].

Uomini e donne romani indossavano anelli con una gemma incisa che veniva usata con la cera per sigillare i documenti, una pratica che continuò fino al Medioevo, quando re e nobili usavano lo stesso metodo. Dopo la caduta dell'Impero Romano, i modelli di gioielli furono assorbiti dai paesi e dalle tribù vicine[9].

L'Europa post-romana ha continuato a sviluppare abilità nella creazione di gioielli. I Celti ei Merovingi in particolare sono noti per i loro gioielli, che in termini di qualità eguagliavano o superavano quelli dell'Impero Bizantino. Chiusure per abiti, amuleti e, in misura minore, anelli con sigillo, sono i manufatti più comuni noti in epoca attuale. Un esempio celtico particolarmente significativo è la Fibula di Tara[11].

Il Rinascimento e l'esplorazione hanno entrambi avuto un impatto significativo sullo sviluppo della gioielleria in Europa. Grandi pietre erano spesso incastonate su anelli smaltati[12].

A partire dalla fine del 18º secolo, il Romanticismo ha avuto un profondo impatto sullo sviluppo della gioielleria occidentale. Una categoria unica per questo periodo e del tutto appropriata alla filosofia del romanticismo era la gioielleria da lutto. Ha avuto origine in Inghilterra, dove la regina Vittoria è stata spesso vista indossare gioielli in giaietto dopo la morte del principe Alberto, e ha permesso a chi lo indossava di continuare a indossare gioielli mentre esprimeva uno stato di lutto per la morte di una persona cara[13].

I cinesi usavano l'argento nei loro gioielli più dell'oro. Le piume blu del martin pescatore erano legate ai primi gioielli cinesi e in seguito le gemme blu e il vetro furono incorporati nei disegni. Tuttavia, la giada era preferita a qualsiasi altra pietra. I cinesi veneravano la giada per le qualità umane che le assegnavano, come la sua durezza, durata e bellezza[14]. I primi pezzi di giada erano molto semplici, ma con il passare del tempo si sono evoluti design più complessi. Gli anelli di giada tra il IV e il VII secolo a.C. mostrano prove di essere stati lavorati con una fresatrice composta, centinaia di anni prima della prima menzione di tali apparecchiature in occidente[15]. I cinesi spesso mettevano i loro gioielli nelle loro tombe. La maggior parte delle tombe cinesi trovate dagli archeologi contengono gioielli decorativi[16].

Un'altra antica civiltà americana con esperienza nella creazione di gioielli erano i Maya. Al culmine della loro civiltà, i Maya realizzavano gioielli di giada, oro, argento, bronzo e rame. I disegni Maya erano simili a quelli degli Aztechi, con acconciature e gioielli sontuosi. I Maya commerciavano anche in gemme preziose. Tuttavia, in passato, i Maya avevano scarso accesso al metallo, quindi realizzavano la maggior parte dei loro gioielli in osso o pietra. Mercanti e nobiltà erano gli unici che indossavano gioielli preziosi nella regione Maya, più o meno come gli Aztechi[16].

 
Una ragazza Padaung nel nord della Thailandia

Epoca modernaModifica

La fine del XX secolo ha visto la fusione del design europeo con tecniche orientali come il Mokume-gane[17], una procedura giapponese di lavorazione dei metalli che produce un laminato di metallo misto con motivi a strati distintivi, così come il laminato stesso. Mokume-gane si traduce in "metallo venato del legno" o "metallo occhio di legno" e descrive il modo in cui il metallo assume l'aspetto della venatura del legno naturale[18].

Le donne Padaung in Myanmar si mettono grandi anelli d'oro intorno al collo. A partire dall'età di cinque anni, le ragazze vengono presentate al loro primo anello al collo. Nel corso degli anni vengono aggiunti più anelli. Oltre agli oltre venti libbre di anelli sul collo, una donna indosserà altrettanti anelli sui polpacci. Nella loro estensione, alcuni colli modificati in questo modo possono raggiungere una lunghezza di 10–15 pollici (25–38 cm). La pratica ha un impatto sulla salute e negli ultimi anni è passata da norma culturale a curiosità turistica. Le tribù legate ai Padaung, così come altre culture in tutto il mondo, usano gioielli per allungare i lobi delle orecchie o allargare i piercing alle orecchie. Nelle Americhe, i labret sono stati indossati da prima del primo contatto tra Popoli Innu e Prime Nazioni della costa nord-occidentale[19].

Forma e funzioneModifica

 
Ornamento per capelli, capolavoro dell'Art Nouveau; di René Lalique

Gli esseri umani hanno usato gioielli per una serie di motivi diversi:

Molte culture ad un certo punto ha avuto l'abitudine di conservare grandi quantità di ricchezza sotto forma di gioielli. Numerose culture conservano le doti nuziali sotto forma di gioielli o creano gioielli come mezzo per conservare o mostrare monete. In alternativa, sono stati usati gioielli come valuta o bene commerciale[22]; un esempio è l'uso di perline schiave[23].

Molti articoli di gioielleria, come spille e fibbie, sono nati come oggetti puramente funzionali, ma si sono evoluti in oggetti decorativi man mano che le loro esigenze funzionali diminuivano.

I gioielli possono simboleggiare l'appartenenza a un gruppo (come nel caso del crocifisso cristiano o della stella di Davide ebraica) o uno status (come nel caso delle catene di incarichi o della pratica occidentale delle persone sposate che indossano fedi nuziali).

Indossare amuleti e medaglie devozionali per fornire protezione o per scongiurare il male è comune in alcune culture. Queste possono assumere la forma di simboli (come ad esempio l'ankh), pietre, piante, animali, parti del corpo (come il Khamsa), o glifi (come ad esempio le versioni stilizzate del Trono Verse in arte islamica)[24].

Materiali e metodiModifica

 
Ornamenti Maya di giada, III-VI secolo

Nella creazione di gioielli, vengono spesso utilizzate pietre preziose, monete o altri oggetti preziosi, che sono tipicamente incastonati in metalli preziosi. Le leghe di platino vanno da 900 (puro al 90%) a 950 (puro al 95,0%). L'argento utilizzato nella gioielleria è solitamente argento sterling o argento fino al 92,5%. In bigiotteria, viene utilizzato l'acciaio inox[25].

Altri materiali comunemente usati includono il vetro, come il vetro fuso o lo smalto; legno, spesso intagliato o tornito; conchiglie e altre sostanze animali naturali come ossa e avorio; argilla naturale; argilla polimerica; la canapa e altri spaghi sono stati utilizzati anche per creare gioielli che hanno un aspetto più naturale. Tuttavia, qualsiasi inclusione di piombo o lega di piombo darà a un ufficio di analisi britannico (l'ente che conferisce ai gioielli britannici il suo timbro di approvazione, il marchio di garanzia) il diritto di distruggere il pezzo, tuttavia è molto raro che l'ufficio di analisi lo faccia[26].

Le perle sono spesso utilizzate in gioielleria[27]. Questi possono essere fatti di vetro, pietre preziose, metallo, legno, conchiglie, argilla e argilla polimerica. I gioielli con perline comprendono comunemente collane, braccialetti, orecchini, cinture e anelli. Le perle possono essere grandi o piccole; il tipo più piccolo di perle utilizzate sono conosciute come perline di semi, queste sono le perle utilizzate per lo stile "tessuto" dei gioielli con perline. Le perline vengono utilizzate anche in una tecnica di ricamo in cui vengono cucite su supporti in tessuto per creare ampi colletti e braccialetti di perline. Il ricamo di perline, un tipo popolare di lavoro manuale durante l'era vittoriana, sta godendo di una rinascita nella moderna creazione di gioielli. La perline, o perline, è anche molto popolare in molte culture africane e indigene del Nord America.

Argentieri, orafi e lapidari utilizzano metodi che includono forgiatura, fusione, saldatura, taglio, intaglio e "giunzione a freddo" (utilizzando adesivi, graffette e rivetti per assemblare le parti)[28].

DiamantiModifica

I diamanti furono estratti per la prima volta in India[29]. Plinio potrebbe averli menzionati, sebbene ci sia qualche dibattito sull'esatta natura della pietra a cui si riferiva come Adamas. Nel 2005, l'Australia, il Botswana, la Russia e il Canada si sono classificati tra le principali fonti di produzione di pietre preziose e diamanti[30]. Ci sono conseguenze negative del commercio di diamanti in alcune aree. I diamanti estratti durante le recenti guerre civili in Angola, Costa d'Avorio, Sierra Leone e altre nazioni sono stati etichettati come diamanti insanguinati quando vengono estratti in una zona di guerra e venduti per finanziare un'insurrezione.

I gioielli della corona britannica contengono il diamante Cullinan, parte del più grande diamante grezzo di qualità gemma mai trovato (1905), a 3.106,75 carati (621,35 g).

Ora popolare negli anelli di fidanzamento, questo uso risale al matrimonio di Massimiliano I con Maria di Borgogna nel 1477[31].

Uno stile popolare è il diamante solitario, che presenta un unico grande diamante montato in modo prominente[32]. All'interno del solitario, ci sono 3 categorie in cui un anello può essere classificato in: rebbio, castone e regolazione della tensione[33].

Galleria d'immaginiModifica

NoteModifica

  1. ^ gioielleria in Vocabolario - Treccani, su treccani.it. URL consultato il 16 marzo 2022.
  2. ^ (EN) Study reveals 'oldest jewellery', 22 giugno 2006. URL consultato il 16 marzo 2022.
  3. ^ perseus.tufts.edu.
  4. ^ Etimologia di gioiello
  5. ^ (EN) Smithsonian Magazine, Megan Gannon, Eagle Talon Jewelry Suggests Neanderthals Were Capable of Human-Like Thought, su Smithsonian Magazine. URL consultato il 16 marzo 2022.
  6. ^ Stone Bracelet May Have Been Made by Denisovans - Archaeology Magazine, su archaeology.org. URL consultato il 16 marzo 2022.
  7. ^ eprints.whiterose.ac.uk (PDF).
  8. ^ Holland, J. 1999. The Kingfisher History Encyclopedia. Libri del martin pescatore..
  9. ^ a b c Reader's Digest Association. 1986. The last 2 million years. Reader's Digest..
  10. ^ Internet Archive, Jewellery through 7000 years, London : British Museum Publications, 1976, ISBN 978-0-7141-0054-8. URL consultato il 16 marzo 2022.
  11. ^ N. R., Journal of the Royal Society of Antiquaries of Ireland: Volume 101, Parts 1 and 2, in Journal of the County Louth Archaeological and Historical Society, vol. 17, n. 4, 1972, pp. 265, DOI:10.2307/27729310. URL consultato il 16 marzo 2022.
  12. ^ Scarisbrick, Diana. Rings: Symbols of Wealth, Power, and Affection. New York: Abrams, 1993..
  13. ^ Farndon, J. (2001). 1.000 fatti sulla storia moderna . Miles Kelly Publishing..
  14. ^ Holland, J. 1999. The Kingfisher History Encyclopedia. Kingfisher books..
  15. ^ Lu, Peter J., "Early Precision Compound Machine from Ancient China." Science, 6/11/2004, Vol. 304, Issue 5677.
  16. ^ a b Reader's Digest Association. 1983. Vanished Civilisations. Reader's Digest..
  17. ^ McCrieght, Tim. "What's New?" Metalsmith Spring 2006, Vol. 26 Issue 1, pp. 42–45.
  18. ^ Midgett, Steve (2000). Mokume Gane A comprehensive study. earthshine press..
  19. ^ doi.org.
  20. ^ Kunz, PhD, DSc, George Frederick (1917). Magia di gioielli e ciondoli . John Lippincott Co.URL: Magia dei gioielli: Capitolo VII Amuleti George Frederick Kunz , un gemmologo per Tiffany, ha costruito le collezioni del banchiere JP Morgan e dell'American Natural History Museum di New York City. Questo capitolo tratta interamente dell'uso di gioielli e pietre preziose in gioielleria per scopi talismanici nelle culture occidentali..
  21. ^ Manutchehr-Danai, Mohsen, ed. (2009). "gioielli magici". Dizionario di gemme e gemmologia . Berlino: Springer. doi : 10.1007/978-3-540-72816-0 . ISBN 978-3-540-72795-8. gioielli magici [...] articoli di gioielleria indossati per motivi di credenze magiche, poteri medicinali o superstizioni..
  22. ^ (EN) BBC - History - Ancient History in depth: Viking Money, su bbc.co.uk. URL consultato il 16 marzo 2022.
  23. ^ (EN) V&A · The world's leading museum of art and design, su Victoria and Albert Museum. URL consultato il 16 marzo 2022.
  24. ^ Desmond Morris, Body guards : protective amulets & charms, Element, 1999, ISBN 1-86204-572-0, OCLC 41467247. URL consultato il 16 marzo 2022.
  25. ^ (EN) jewelry | Materials, Methods, History, & Facts | Britannica, su britannica.com. URL consultato il 16 marzo 2022.
  26. ^ (EN) Eternal Tools, 13 Materials Used when Making Jewellery. Metals, Stone, Glass, Clay..., su Eternal Tools, 12 agosto 2014. URL consultato il 16 marzo 2022.
  27. ^ (EN) Different Pearl Types & Colors | The Four Major Types of Cultured Pearls | GIA, su gia.eduhttps. URL consultato il 16 marzo 2022.
  28. ^ STORIA DEL GIOIELLO, su GIOIELLERIA LUCCI. URL consultato il 16 marzo 2022.
  29. ^ web.archive.org (PDF), su lgdl.gia.edu (archiviato dall'url originale il 26 settembre 2007).
  30. ^ U.S. Exports And Reexports Of Industrial Diamond Dust, Grit, And Powder, By Country, su indexmundi.com. URL consultato il 16 marzo 2022.
  31. ^ (EN) Meghan O'Rourke, Engagement rings: good or bad?, su Slate Magazine, 11 giugno 2007. URL consultato il 16 marzo 2022.
  32. ^ (EN) What is a Solitaire Setting?, su GIA 4Cs, 6 giugno 2012. URL consultato il 16 marzo 2022.
  33. ^ What is solitaire jewelry? - TIDAN, su tidanapp.com. URL consultato il 16 marzo 2022.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàLCCN (ENsh85070232 · BNF (FRcb11966496h (data) · J9U (ENHE987007533624305171 (topic)