Gioielleria

lavorazione e commercio dei gioielli

Con gioielleria si indica sia l'insieme delle tecniche di lavorazione dei metalli e pietre nobili per ricavarne ornamenti, che gli oggetti ornamentali realizzati in un metallo prezioso, in cui di norma viene incastonata almeno una pietra preziosa, che gli oggetti della categoria. Per molti secoli metalli come l'oro utilizzati in diverse carature da 21, 18, 12, 9 o anche inferiori, spesso combinati con pietre preziose, è stato il normale materiale per i gioielli, ma possono essere utilizzati altri materiali come conchiglie e altri materiali vegetali. È uno dei più antichi tipi di manufatti archeologici, con perle di 100.000 anni fatte con conchiglie Nassarius che si ritiene siano i gioielli più antichi conosciuti. Le forme di base dei gioielli variano da una cultura all'altra, ma spesso sono estremamente longeve; nelle culture europee le forme più comuni di gioielleria sopra elencate sono persistite fin dall'antichità, mentre altre forme come gli ornamenti per il naso o la caviglia, importanti in altre culture, sono molto meno comuni.

Gioielli francesi del xix secolo: ornamento della famiglia Borbone-Orléans

I gioielli possono essere realizzati con un'ampia gamma di materiali. Pietre preziose e materiali simili come l'ambra e il corallo, metalli preziosi, perle e conchiglie sono stati ampiamente utilizzati e lo smalto è stato spesso importante. Nella maggior parte delle culture i gioielli possono essere intesi come uno status symbol, per le sue proprietà materiali, i suoi modelli o per simboli significativi. I gioielli sono stati realizzati per adornare quasi ogni parte del corpo, dalle forcine per capelli agli anelli dei piedi e persino ai gioielli genitali. Nella cultura europea moderna la quantità indossata dai maschi adulti è relativamente bassa rispetto ad altre culture e ad altri periodi della cultura europea.

EtimologiaModifica

Vengono riportati tra i vari termini latini possibili sia gaudia (gioia), sia jocale, termine generico significante monile, gemma, cosa preziosa.[1]

Forma e funzioneModifica

 
Ornamento per capelli, capolavoro dell'Art Nouveau; di René Lalique

Gli esseri umani hanno usato gioielli per una serie di motivi diversi:

La maggior parte delle culture ad un certo punto ha avuto l'abitudine di conservare grandi quantità di ricchezza sotto forma di gioielli. Numerose culture conservano le doti nuziali sotto forma di gioielli o creano gioielli come mezzo per conservare o mostrare monete. In alternativa, sono stati usati gioielli come valuta o bene commerciale; un esempio è l'uso di perline schiave.

Molti articoli di gioielleria, come spille e fibbie, sono nati come oggetti puramente funzionali, ma si sono evoluti in oggetti decorativi man mano che le loro esigenze funzionali diminuivano.

I gioielli possono simboleggiare l'appartenenza a un gruppo (come nel caso del crocifisso cristiano o della stella di Davide ebraica) o uno status (come nel caso delle catene di incarichi o della pratica occidentale delle persone sposate che indossano fedi nuziali).

Indossare amuleti e medaglie devozionali per fornire protezione o per scongiurare il male è comune in alcune culture. Queste possono assumere la forma di simboli (come ad esempio l'ankh), pietre, piante, animali, parti del corpo (come il Khamsa), o glifi (come ad esempio le versioni stilizzate del Trono Verse in arte islamica).

Materiali e metodiModifica

Nella creazione di gioielli, vengono spesso utilizzate pietre preziose, monete o altri oggetti preziosi, che sono tipicamente incastonati in metalli preziosi. Le leghe di platino vanno da 900 (puro al 90%) a 950 (puro al 95,0%). L'argento utilizzato nella gioielleria è solitamente argento sterling o argento fino al 92,5%. In bigiotteria, viene utilizzato l'acciaio inox.

Altri materiali comunemente usati includono il vetro, come il vetro fuso o lo smalto; legno, spesso intagliato o tornito; conchiglie e altre sostanze animali naturali come ossa e avorio; argilla naturale; argilla polimerica; la canapa e altri spaghi sono stati utilizzati anche per creare gioielli che hanno un aspetto più naturale. Tuttavia, qualsiasi inclusione di piombo o lega di piombo darà a un ufficio di analisi britannico (l'ente che conferisce ai gioielli britannici il suo timbro di approvazione, il marchio di garanzia) il diritto di distruggere il pezzo, tuttavia è molto raro che l'ufficio di analisi lo faccia.

Le perle sono spesso utilizzate in gioielleria. Questi possono essere fatti di vetro, pietre preziose, metallo, legno, conchiglie, argilla e argilla polimerica. I gioielli con perline comprendono comunemente collane, braccialetti, orecchini, cinture e anelli. Le perle possono essere grandi o piccole; il tipo più piccolo di perle utilizzate sono conosciute come perline di semi, queste sono le perle utilizzate per lo stile "tessuto" dei gioielli con perline. Le perline vengono utilizzate anche in una tecnica di ricamo in cui vengono cucite su supporti in tessuto per creare ampi colletti e braccialetti di perline. Il ricamo di perline, un tipo popolare di lavoro manuale durante l'era vittoriana, sta godendo di una rinascita nella moderna creazione di gioielli. La perline, o perline, è anche molto popolare in molte culture africane e indigene del Nord America.

Argentieri, orafi e lapidari utilizzano metodi che includono forgiatura, fusione, saldatura, taglio, intaglio e "giunzione a freddo" (utilizzando adesivi, graffette e rivetti per assemblare le parti).

DiamantiModifica

I diamanti furono estratti per la prima volta in India. Plinio potrebbe averli menzionati, sebbene ci sia qualche dibattito sull'esatta natura della pietra a cui si riferiva come Adamas. Nel 2005, l'Australia, il Botswana, la Russia e il Canada si sono classificati tra le principali fonti di produzione di pietre preziose e diamanti. Ci sono conseguenze negative del commercio di diamanti in alcune aree. I diamanti estratti durante le recenti guerre civili in Angola, Costa d'Avorio, Sierra Leone e altre nazioni sono stati etichettati come diamanti insanguinati quando vengono estratti in una zona di guerra e venduti per finanziare un'insurrezione.

I gioielli della corona britannica contengono il diamante Cullinan, parte del più grande diamante grezzo di qualità gemma mai trovato (1905), a 3.106,75 carati (621,35 g).

Ora popolare negli anelli di fidanzamento, questo uso risale al matrimonio di Massimiliano I con Maria di Borgogna nel 1477.

Uno stile popolare è il diamante solitario, che presenta un unico grande diamante montato in modo prominente. All'interno del solitario, ci sono 3 categorie in cui un anello può essere classificato in: rebbio, castone e regolazione della tensione.

NoteModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàLCCN (ENsh85070232 · BNF (FRcb11966496h (data)