Apri il menu principale

Giovanni Piccolomini

cardinale e arcivescovo cattolico italiano
Giovanni Piccolomini
cardinale di Santa Romana Chiesa
Giovanni Piccolomini.JPG
Ritratto del cardinale Piccolomini
Coat Cardinals Piccolomini.svg
 
Incarichi ricoperti
 
Nato9 ottobre 1475 a Siena
Ordinato presbiteroin data sconosciuta
Nominato arcivescovo22 settembre 1503 da papa Pio III
Consacrato arcivescovoin data sconosciuta
Creato cardinale1º luglio 1517 da papa Leone X
Deceduto21 novembre 1537 (62 anni) a Siena
 

Giovanni Piccolomini (Siena, 9 ottobre 1475Siena, 21 novembre 1537) è stato un cardinale e arcivescovo cattolico italiano.

Stemma della famiglia Piccolomini
Coat of arms of the House of Piccolomini.svg
Blasonatura
D'argento, alla croce d'azzurro, caricata di cinque crescenti d'oro.

BiografiaModifica

Di nobile famiglia, era pronipote di papa Pio II e nipote di papa Pio III. Non si hanno informazioni precise sulla sua istruzione, ma era considerato un «uomo dottissimo».

Nel 1503 fu eletto arcivescovo di Siena. Partecipò al Concilio Lateranense V (1512-1517).

Il 1º luglio 1517 fu creato cardinale da papa Leone X e il 6 luglio dello stesso anno ricevette il titolo di Santa Sabina. Il 7 gennaio 1521 divenne Camerlengo del Sacro Collegio, carica che tenne fino al 6 febbraio 1523. L'11 giugno 1521 optò per il titolo di Santa Balbina.

Fu amministratore apostolico della diocesi dell'Aquila dal 1523 al 1525 e lo sarà ancora dal 1532 alla morte. Il 24 luglio 1524 optò per l'ordine dei cardinali-vescovi ed ebbe la sede suburbicaria di Albano. Fu amministratore apostolico della diocesi di Umbriatico dal 1524 al 1531.

Subì affronti dalle truppe imperiali durante il sacco di Roma (1527). Il 7 aprile 1529 si dimise da arcivescovo di Siena. Il 22 settembre 1531 ebbe la sede suburbicaria di Palestrina, da dove il 26 settembre 1533 fu trasferito alla sede suburbicaria di Porto e Santa Rufina, sede propria del vicedecano del Sacro Collegio, quindi il 26 febbraio 1535 divenne decano del Sacro Collegio ed ebbe la sede di Ostia e Velletri.

Fu un benefattore e un mecenate.

Morì a Siena e fu sepolto in cattedrale.

ConclaviModifica

Durante il suo cardinalato il Piccolomini partecipò ai seguenti conclavi:

Genealogia episcopaleModifica

  • ...
  • Cardinale Giovanni Piccolomini

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica