Giovanni Raicevich

lottatore italiano
Giovanni Raicevich
Giovanni Raicevich.jpg
Nazionalità Italia Italia
Lotta greco-romana Wrestling pictogram.svg
Palmarès
Gnome-emblem-web.svg Mondiali
Oro Parigi 1907
Oro Milano 1909
Wikiproject Europe (small).svg Europei
Oro Liegi 1905
 

Giovanni Raicevich (Trieste, 10 giugno 1881Roma, 1º novembre 1957) è stato un lottatore e attore italiano considerato quando era in attività il più forte lottatore al mondo nella lotta greco-romana[1].

BiografiaModifica

 
Emilio Raicevich e Giovanni Raicevich nel 1908
 
Giovanni Raicevich volontario nell'esercito nel 1916

Nacque a Trieste, all'epoca parte dell'Impero austro-ungarico da padre dalmata e madre milanese. Lasciò Trieste per non svolgere il servizio militare nell'esercito austiraco e si trasferì a Milano assieme ai fratelli.[2]

Appartenente ad una famiglia di campioni di lotta greco-romana, famosi, ma in tono minore, i fratelli maggiori Emilio Ruggero Raicevich (1873-1924) e Massimo Roberto Raicevich (1878-1915)[3] Fu un fervente iredentista.[2] Il 27 maggio 1915 sposò la nipote Bice, figlia di Emilio.[4] Ebbe quattro figli.[4]

Quando nel 1907 gli chiesero se lui ed i fratelli fossero nati in Italia lui rispose:[2]

«Siamo nati a Trieste. Di padre dalmata e di madre milanese. Siamo italiani con tutta la nostra fede e con tutto il nostro pensiero. A Parigi, durante il campionato, un tedesco mi rivolse la parola nella sua lingua, lusingandosi che io fossi del suo paese. Io comprendo il tedesco benissimo: ma finisi di non sentirlo né anche, e non gli risposi. In tutti i campionati ci siamo presentati e ci presenteremo all'estero come italiani: e quando vinco, sono lieto sono solo per me, ma per la nazione che rappresento.»

Sostenne le ragioni dell'intervento militare dell'Italia nella Prima Guerra Mondiale e nel 1915 si arruolò nei volontari dell'esercito e fece parte del corpo volontari ciclisti automobilisti.[4][5] Quell'anno il fratello Massimo, che avendo sposato una donna tedesca viveva in Germania, venne fermato alla frontiera mentre stava facendo rientro in Italia e condotto a Salisburgo, dove venne rinchiuso nella fortezza destinata ai prigionieri italiani.[4][6] Lì morì in circostanze misteriose.[4] Secondo alcune fonti sarebbe stato fucilato dagli austriaci.[7] Combatté sul Piave e sull'Isonzo, ricevendo anche un encomio sollenne alla presa di Gorizia.[4]

Nel 1924 perse anche il fratello Emilio, morto a Buenos Aires mentre stava partecipando con lui alle gare del diciannovesimo campionato internazionale di lotta greco-romana.[8]

Trascorse la vecchiaia vivendo con le 5000 lire al mese pagategli dal CONI.

Morì a Roma, all'età di settantasei anni, nella sua casa di via Alessandria N° 208, la sera del 1º novembre 1957, alle 19.30, assistito dalla moglie Bice e i figli Giorgio, Maria e Giovanna. Le cronache di allora riferirono come fosse morto stringendo teneramente con le sue forti mani la fotografia del figlio primogenito Giovanni, detto Giova, caduto il 21 luglio 1943 mentre prestava servizio sulla torpediniera Calliope.[senza fonte]

 
Necrologio del figlio di "Giova".

Carriera sportivaModifica

 
Il combattimento, nel 1905, tra Giovanni Raicevich, a destra, e il serbo Simon Antonitch, a sinistra.
 
Giovanni Raicevich in una caricatura degli anni 1910

Iniziò la sua attività nella Ginnastica Triestina.[9] In seguito aprì una palestra in Via Foscolo Trieste, aiutato dai fratelli. Nel 1902 ad Alessandria diventarono tutti e tre campioni italiani in tre diverse categorie.

Nel 1905 vinse i tornei internazionali di Liegi, di Krefeld e della Vestfalia oltre al Campionato europeo. Nel 1906 conquistò il titolo di campione del Sud America. Nel 1907 diventò Campione del Mondo battendo Laurent le Beaucairois[10]. Bissò il successo il 16 febbraio 1909, presso il Teatro Dal Verme di Milano[11], contro il francese Paul Pons, uno dei migliori lottatori di ogni tempo.

Fu anche campione d'Italia nella specialità ininterrottamente dal 1907 al 1929, anno in cui abbandonò imbattuto lo sport agonistico dopo il trionfo contro il ceco Hans Kavan[1].

Nonostante l'altezza di soli 1,72 metri (il peso variava da 82 kg nel 1902 a 110 kg nel 1912), combatté contro personaggi di più elevata statura risultando sempre vincitore. Paul Pons, ad esempio, il campione francese già citato, battuto nella finale del Teatro dal Verme, era ben 23 centimentri più alto e pesava 25 chilogrammi di più.[12]

Carriera come attoreModifica

La sua vigoria fisica gli fece ottenere parti cinematografiche in alcuni film della serie Maciste, tra cui L'uomo della foresta del 1922 diretto dal romano Ubaldo Maria Del Colle.[13]

Come attore gira 7 film (uno, il primo, con la casa produttrice CINES di Roma, e i sei successivi con la Lombardo Film di Napoli), tra cui, nel 1922: “Il re della foresta” o "L'uomo della foresta", in cui fu il primo "Tarzan" della storia del cinema[senza fonte].

Come produttore-attore, con la “RaicevichFilm” di Roma, gira due film, nel 1922 “Il trionfo di Ercole” e nel 1923 “Un viaggio nell'impossibile”. Il terzo, “Ercole al bivio”, sarà solo iniziato, ma mai terminato.

FilmografiaModifica

OnorificenzeModifica

  Commendatore dell'Ordine della Corona d'Italia
— 1934

RiconoscimentiModifica

NoteModifica

  1. ^ a b Marco Della Croce, L'uomo più forte al mondo, in Storie di sport. URL consultato il 2 maggio 2015.
  2. ^ a b c I fratelli Raicevich a Milano, in Corriere della Sera, 21 dicembre 1907.
  3. ^ Vedi Enciclopedia Italiana in Collegamenti esterni.
  4. ^ a b c d e f Livio Toschi, La RAI ha ricordato Giovanni Raicevich: non solo un campione, ma anche un soldato valoroso e un attore versatile, in Athlon.net, n. 1, FIJLKAM, gennaio 2016, p. 45.
  5. ^ Figure e casi di volontari, in Corriere della Sera, 5 giugno 1915.
  6. ^ Un fratello di Raicevich morto a Salisburgo, in Corriere della Sera, 14 luglio 1915, p. 4.
  7. ^ PiacenzAntica: la Storia di Giovanni Raicevich, su www.piacenzantica.it. URL consultato il 2 maggio 2020.
  8. ^ La morte del lottatore Emilio Raicevich, in Corriere della Sera, 24 settembre 1924.
  9. ^ Giovanni Raicevich, su www.tuttotrieste.net. URL consultato il 2 maggio 2020 (archiviato dall'url originale il 21 febbraio 2020).
  10. ^ giovanni-raicevich Enciclopedia Italiana.
  11. ^ Storia Illustrata. n. 6, Anno VII, giugno 1963, pagina 866. Arnoldo Mondadori editore.
  12. ^ Vedi l'articolo pubblicato nel 1996 da la Repubblica, elencato nei Collegamenti esterni.
  13. ^ l'Internet Movie Database elenca sette pellicole nella filmografia di Raicevich: da Il leone mansueto del 1919 a Un viaggio nell'impossibile del 1923. Vedi l'elenco completo
  14. ^ Inaugurata la Walk of Fame: 100 targhe per celebrare le leggende dello sport italiano, su coni.it. URL consultato il 20 dicembre 2017.
  15. ^ 100 leggende Coni (PDF), su coni.it. URL consultato il 20 dicembre 2017.

BibliografiaModifica

  • Giovanni Raicevich, in Enciclopedia Italiana, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1935.  
  • Orio Vergani. Misure del tempo : diario, a cura di Nico Naldini, Milano, Baldini & Castoldi, 2003, pp. 516–519. Le pagine relative a Raicevich sono consultabili su Google Libri[collegamento interrotto]
  • Livio Toschi. Giovanni Raicevich: il re della forza: nella vita e sui tappeti di lotta si batte per Trieste italiana. Da: Rassegna storica del risorgimento, 90, 2003, n. 1, pp. 87–96. Istituto per la storia del risorgimento italiano, 2003.
  • Dino Cafagna: "L'uomo più forte del mondo (La leggenda di Giovanni Raicevich da Trieste)". 200 pp., con 180 fotografie originali a lui appartenute. Ed. Luglio, Trieste, 2015.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica