Apri il menu principale

Giulia Melidoni

attrice italiana
Complesso di prosa di Radio Napoli. Giulia Melidoni è la seconda da destra.

Giulia Melidoni (Napoli, 23 gennaio 1913Roma, 23 gennaio 1966) è stata un'attrice italiana.

BiografiaModifica

Attrice partenopea, esordì al cinema nel 1949 con Le due madonne di Enzo Di Gianni e Giorgio Simonelli in un ruolo di secondo piano, dando vita ad una carriera cinematografica costituita da parti di carattere o poco più.

Sicuramente da ricordare il ruolo di Bettina nel film di Mario Mattoli del 1954 Miseria e nobiltà al fianco di Totò; per la Melidoni questo fu il ruolo più importante ottenuto nella breve carriera cinematografica.

Più attiva nel teatro napoletano[1], giovanissima fu primattrice nella compagnia Teatro Giocondo Partenopeo[2] e si esibì al Salone Margherita di Napoli[3] e al Teatro Diana con Gennarino Di Napoli[4]; quindi entrò nella Compagnia di Raffaele Viviani[3][5] e prese parte a varie commedie tra cui Puro siccome un angelo[1], Piazza Municipio[1] e La commedia della vita.[6] Nel 1940 Viviani le assegnò in Miseria e Nobiltà il ruolo di Gemma, la figlia del cuoco arricchito Gaetano, interpretato da Vincenzo Scarpetta.[3] Nella stagione teatrale 1941-1942 fu tra i principali interpreti della Compagnia Teatro Umoristico "I De Filippo".[7]

Nel dopoguerra entrò a far parte della compagnia di prosa di Radio Napoli e, in coppia con Agostino Salvietti, interpretò delle scenette comiche in una popolare rubrica, Succede a Napoli, di Gino Capriolo.[8][3] Lavorò anche in televisione, recitando nel dramma La contessa Mizi (1961) per la regia di Vittorio Sermonti, nella farsa Michele Settespiriti (1964) della coppia Nino Taranto-Gaetano Di Maio[9] e nella commedia I papà nascono negli armadi, per la regia di Eros Macchi, trasmessa dal Secondo Programma nel 1965.[10]

Morì prematuramente nel giorno del suo cinquantatreesimo compleanno. Anche suo nipote, Franco Melidoni, intraprese la professione di attore.

Francesco Cangiullo disse di lei:

«Temperamento espressivo, grazia settecentesca, voce mollemente dolce»

( F. Cangiullo, Le novelle del varietà, Napoli, Richter, 1938, p. 175.[3])

DiscografiaModifica

  • 1900-1959 – Agostino Salvietti, Giulia Melidoni, Alfredo Melidoni, Il vestito di tela Massaua; La bilancia, Columbia (casa discografica)
  • 1900-1959 – Agostino Salvietti, Giulia Melidoni, Alfredo Melidoni, Liborio, Mariantonia e il mendicante; La questura indaga, Columbia (casa discografica)
  • 1930-1959 – Agostino Salvietti, Giulia Melidoni, Alfredo Melidoni, Dinto 'o filobus; 'O marito cacaglio, Columbia (casa discografica)
  • 1930-1959 – Agostino Salvietti, Giulia Melidoni, Don Giacomino e 'o panaro d'a signora; A signora e Don Giacomino, Columbia (casa discografica)
  • 1940-1959 – Agostino Salvietti, Giulia Melidoni, A. Vinci, Dal medico; Compera del pesce fresco, Columbia (casa discografica)
  • 1955 – Agostino Salvietti, Giulia Melidoni, Alfredo Melidoni, Rosa Betti, Aldo Fiorini, Baldassarre, 'O pisciavinnolo e 'a meza signora; Rosa Betti. 'O telefono d'o barbiere, Columbia (casa discografica)

FilmografiaModifica

TeatroModifica

(elenco parziale)

  • Piazza Municipio, Compagnia Viviani, 1918.
  • Festa di Piedigrotta, Compagnia Viviani, 1919.
  • Festa di Montevergine, Compagnia Viviani, 1928.
  • Mestiere di Padre, Compagnia Viviani, 1935.
  • L'Ammalato Immaginario, Compagnia Viviani, 1936.
  • Puro Siccome un Angelo, Compagnia Viviani, 1936.
  • La Commedia della Vita, Compagnia Viviani, 1939.
  • Chicchignola, Compagnia Viviani, 1940.
  • Miseria e Nobiltà, Compagnia Viviani, 1940.
  • Meza duzzina 'e scartellate 'ncopp' 'Arenella, Compagnia Sancarliniana S. De Muto, San Ferdinando, 24 giugno 1954.
  • Guerra in famiglia, Compagnia Sancarliniana S. De Muto, San Ferdinando, 27 giugno 1954.
  • 'O sciopero d' 'e cuoche, Compagnia Sancarliniana S. De Muto, San Ferdinando, 28 giugno 1954.
  • 'O curaggio 'e nu pumpiere napulitano, Compagnia Sancarliniana S. De Muto, San Ferdinando, 29 giugno 1954.

NoteModifica

  1. ^ a b c G. Melidoni, su Archivi di Teatro Napoli. URL consultato il 26 ottobre 2017 (archiviato dall'url originale il 26 ottobre 2017).
  2. ^ Carteggio, su Manus OnLine.
  3. ^ a b c d e Valentina Venturini, p. 231.
  4. ^ Roberta Ascarelli, DI NAPOLI, in Dizionario biografico degli italiani, vol. 40, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1991. URL consultato il 26 ottobre 2017.
  5. ^ Novità teatrale - Teatro Odeon - La compagnia Raffaele Viviani ha rappresentato "L'Ammalato Immaginario" di Molière, su Archivio Storico Luce. URL consultato il 15 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 26 ottobre 2017).
  6. ^ La commedia della vita di Raffaele Viviani - Teatro Eliseo, su Archivio Storico Luce. URL consultato il 15 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 26 ottobre 2017).
  7. ^ Le Compagnie di prosa (PDF) [collegamento interrotto], in Il Dramma, nº 364, 14 ottobre 1941, p. 27. Fiorenza Di Franco, Stagione teatrale 1941-1942, in Eduardo, Roma, Gremese, 2000, p. 128.
  8. ^ Peppino Ortoleva e Barbara Scaramucci (a cura di), Enciclopedia della radio, Milano, Garzanti, 2003, p. 445.
  9. ^ Radiocorriere TV, 1961, nº 47 p. 57; 1964, nº 24, p. 25.
  10. ^ Teatro 1964 – 1965, su Rai Teche.

BibliografiaModifica

  • Gennaro Vaccaro (a cura di), «Melidoni Giulia», in Panorama biografico degli Italiani d'oggi, Roma, Armando Curcio Editore, 1956, p. 994.
  • Valentina Venturini, Deità braminica. Giulia Melidoni, in Raffaele Viviani: la compagnia, Napoli e l'Europa, Roma, Bulzoni, 2008.

Collegamenti esterniModifica