Apri il menu principale
Guido Brignone in una foto del 1930

Guido Brignone (Milano, 6 dicembre 1886Roma, 6 maggio 1959[1]) è stato un regista, sceneggiatore e attore italiano fra i più noti del suo tempo, attivo sia all'epoca del muto che in quella del sonoro.

Indice

BiografiaModifica

Nato in una famiglia di artisti, suo padre era l'attore Giuseppe Brignone e sua sorella l'attrice Mercedes Brignone, dopo un periodo come attore teatrale al fianco della sorella Mercedes, si trasferì a Roma nel 1914 ed esordì nel mondo del cinema dopo aver sposato l'attrice Lola Visconti mentre in seguito, dopo la morte della moglie, si legò all'attrice e doppiatrice Tina Lattanzi, che prese parte a molti suoi film.

Esordì come regista cinematografico all'epoca del cinema muto con Odette (1915). Da allora diresse numerose pellicole, alcune anche in Francia ed in Germania. Dall'avvento del sonoro firmò lavori di ampio successo commerciale, e nel 1934 fu il primo regista italiano a vincere la Mostra internazionale d'arte cinematografica nella categoria miglior film italiano con Teresa Confalonieri.

Per tutti gli anni trenta e quaranta, Brignone è stato uno dei registi più attivi e prolifici del cinema italiano, al pari di Alessandro Blasetti e Mario Camerini, confezionando egregiamente pellicole di vario genere, di grande successo popolare: feuilleton in costume, melodrammi sentimentali, polizieschi (fu il primo regista italiano a cimentarsi con questo genere al cinema), film avventurosi, pellicole di propaganda e le edulcorate commedie sentimentali del cosiddetto filone dei Telefoni bianchi.

Anche dopo la guerra continuò la sua attività di regista cinematografico, cimentandosi anche nel genere peplum, chiudendo la sua carriera alla fine degli anni cinquanta.

Sua figlia, Lilla Brignone (avuta dalla relazione con la Visconti), è stata una delle più celebri attrici teatrali e televisive del dopoguerra.

Filmografia parzialeModifica

RegistaModifica

Film mutiModifica

Film sonoriModifica

 
Una foto di scena di Mamma con Carola Höhn ed Emma Gramatica (1941)
 
Mariella Lotti, Sergio Tofano e Renzo Ricci in una locandina del film Turbamento (1942)

Sceneggiatore e registaModifica

AttoreModifica

NoteModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN66671709 · ISNI (EN0000 0001 1662 3921 · SBN IT\ICCU\MODV\129399 · LCCN (ENno2003015252 · GND (DE141403926 · BNF (FRcb140828571 (data)