Gojira VS Space Gojira

film del 1994 diretto da Kensho Yamashita
(Reindirizzamento da Godzilla vs. Space Godzilla)

Gojira VS Space Gojira (ゴジラVSスペースゴジラ?, Gojira tai Supēsu Gojira, lett. "Godzilla vs. Space Godzilla") è un film del 1994 diretto da Kensho Yamashita.

Gojira VS Space Gojira
Titolo originaleゴジラVSスペースゴジラ, Gojira tai Supēsu Gojira
Lingua originaleGiapponese
Paese di produzioneGiappone
Anno1994
Durata109 min
Genereorrore, fantascienza
RegiaKensho Yamashita
SceneggiaturaHiroshi Kashiwabara
ProduttoreTomoyuki Tanaka, Shogo Tomiyama
Casa di produzioneToho
MusicheTakayuki Hattori
Interpreti e personaggi

Nel ventunesimo sequel della saga di Godzilla, riappaiono M.O.G.U.E.R.A. e la falena gigante Mothra, quest'ultima per un breve excursus.

Miki Saegusa, co-protagonista delle pellicole precedenti sin da Godzilla contro Biollante, ora diviene la protagonista del film.

È stato distribuito in America nel 1999 con il titolo Godzilla vs. SpaceGodzilla', mentre in Italia è ancora inedito.

Trama modifica

1995: Appare un grande meteorite cristallino nello spazio che viaggia a gran velocità verso la Terra. Intanto a Tokyo si sperimenta la nuova super-arma dell'UNGCC: M.O.G.U.E.R.A. (Mobile Operation Godzilla Universal Expert Robot Areotype), un androide costruito con i resti di Super Mechagodzilla.

La dottoressa Chinatsu Gondo si reca quindi allo Psionic Center, diretto ora dalla ventiduenne Miki Saegusa, al fine di proporre alla sensitiva un piano per impedire a Godzilla di attaccare il Giappone: un controllo mentale esercitato dalla stessa Miki per mezzo di un amplificatore di onde cerebrali. La sensitiva percepisce quindi un segnale mentale proveniente dallo spazio: è Mothra, che tenta di intercettare il meteorite.

Due uomini della G-Force, Koji Shinjo e Kiyo Sato, si recano a Birth Island per supportare Yuki Segawa; mentre cercano di orientarsi, assistono alla comparsa di strani cristalli su una piana.

Intanto, nello spazio, una stazione spaziale viene distrutta: il video che documenta il fatto mostra dei grandi cristalli che perforano le pareti della stazione. Miki viene avvertita dalle due Cosmos che un mostro spaziale sta per arrivare sulla Terra. Il governo giapponese rivela la presenza dell'intruso e nello stesso momento, i cristalli dell'isola cominciano a muoversi. Le Nazioni Unite decidono quindi di utilizzare M.O.G.U.E.R.A. per eliminare il nemico.

Miki, Chinatsu e il professor Aso si recano a Birth Island per eseguire il "progetto T" (T sta per Telepathy). Qui incontrano Koji, Kiyo e Yuki con intenzioni opposte: sono cioè intenti ad abbattere Godzilla con un anticoagulante. Kiyo riesce però a lanciare il trasmettitore di onde cerebrali sul collo di Godzilla: il primo passo dell'esperimento ha successo.

Intanto M.O.G.U.E.R.A. viene lanciato nello spazio e si scontra con l'avversario nella cintura di asteroidi. Il mostro, incassato in una gigantesca massa di cristallo, è molto simile a Godzilla. Il robot non riesce a sconfiggerlo e deve battere in ritirata.

Sull'isola, le cose vanno di male in peggio: per un malfunzionamento dell'amplificatore, Miki perde coscienza e Yuki decide di eliminare Godzilla. Prima che chiunque possa fare qualcosa, il mostro ribattezzato ora SpaceGodzilla, atterra sull'isola ed attacca Little Godzilla, imprigionandolo in una gabbia di cristallo. Godzilla tenta di liberare il figlio, ma prima deve affrontare la sua controparte, che fugge in volo.

Chinatsu, tornata in Giappone, avanza la teoria secondo la quale SpaceGodzilla abbia avuto origine da una cellula di Godzilla portata nello spazio da Biollante o da Mothra. Questa, inghiottita da un buco nero ed espulsa fuori dall'altra parte della galassia, si sarebbe fusa con un cristallo e sarebbe germogliata, generando il mostro.

Yuki intanto accetta di pilotare M.O.G.U.E.R.A. ai danni di Godzilla. Durante la notte, degli uomini della Yakuza rapiscono Miki.

Intanto Koji e Kiyo decidono di tornare in Giappone: durante il viaggio in elicottero, Chinatsu confessa il proprio odio verso Godzilla. Il sentimento è generato dall'uccisione del fratello ad opera del mostro, nel 1989 (il colonnello Gondo, presente nella pellicola Godzilla contro Biollante).

Koji, Kiyo e Yuki giungono finalmente nel luogo dove viene tenuta prigioniera Miki e scoprono che il mandante di tutto è il professor Aso, deciso a conquistare il mondo con l'aiuto di Godzilla, della stessa Miki e dell'amplificatore.

Intanto SpaceGodzilla attacca Fukuoka, ed i tre eroi iniziano uno scontro a fuoco con i nemici. Miki riesce a liberarsi grazie alla telecinesi e scappa con i compagni.

Il professor Aso viene ucciso da SpaceGodzilla; a Koji, Kiyu e Yuki viene ordinato di pilotare M.O.G.U.E.R.A. per distruggere il mostro, che sta creando cristalli in tutta la città. M.O.G.U.E.R.A. attacca quindi SpaceGodzilla, questo però non pare disturbato e riesce a danneggiare il robot. Ad attaccare è adesso Godzilla, anche lui respinto.

I tre piloti, finalmente capiscono che l'astro-mostro assorbe energia dalla torre di Fukuoka ed usano quindi M.O.G.U.E.R.A. per aiutare Godzilla nello scontro. Prima di essere sconfitto, il robot riesce a distruggere i due cristalli principali sul dorso del mostro, indebolendolo.

I tre cercano di abbandonare il robot ma Yuki rimane intrappolato, aggrappato ad una struttura di metallo. Koji ha intenzione di sparargli a un piede per farlo cadere giù ma Miki, con i suoi poteri mentali, convince Shinjo a non fare del male all'amico: con la telecinesi fa dolcemente scendere a terra Yuki. Quindi Godzilla distrugge il nemico col suo raggio spirale; Koji riesce a recuperare Yuki dalle macerie di M.O.G.U.E.R.A. rimasto distrutto nello scontro.

Produzione modifica

Sebbene il regista Kensho Yamashita e lo sceneggiatore Hiroshi Kashiwabara avessero maturato una certa esperienza nel produrre film "teen idol", di certo non furono da meno per il genere kaijū, avendo entrambi assunto ruoli minori nella produzione di Distruggete Kong! La Terra è in pericolo!.

I due decisero di girare un film meno serio dei suoi predecessori. Si concentrarono sui personaggi umani, soprattutto Miki Saegusa, interpretata da Megumi Odaka nei film precedenti. Il loro desiderio di girare un film relativamente allegro fu tale da tagliare una scena nella quale Godzilla tentava disperatamente di liberare il proprio figlio dalla prigione cristallina di SpaceGodzilla, mossa disapprovata dallo stesso Kenpachiro Satsuma, interprete di Godzilla.[1]

L'idea d'un Godzilla spaziale ebbe origine nel 1978: fu disegnato in omaggio al suo apparente progenitore Biollante, con un ruggito sibilante evocativo di quest'ultimo e zanne sporgenti.[1] L'artista Shinji Nishikawa inizialmente visualizzava SpaceGodzilla come una creatura simile ad un drago, con enormi pinne dorsali simili ad ali. Il disegno approvato deriva dalla forma finale di Godzilla nel videogioco Super Godzilla, anch'esso disegnato da Nishikawa.[2]

Il direttore degli effetti speciali Koichi Kawakita, ridisegnò il figlio di Godzilla con tratti da caricatura, poiché detestava la versione, molto simile ad un dinosauro, del film precedente. Intendeva inoltre utilizzare il personaggio per una serie di cortometraggi per bambini intitolati "Le avventure sotterranee di Little Godzilla".

Il costume di M.O.G.U.E.R.A., costituito da tre pezzi indossati separatamente[1], fu indossato da Wataru Fukuda, che aveva assunto il ruolo di Mechagodzilla nel film precedente.

Il nuovo costume di Godzilla utilizzato per la maggior parte del film combinò i tratti di quelli usati in Godzilla contro Biollante/Godzilla contro King Ghidorah e Gojira VS Mekagojira, avendo una robusta corporatura a pera, spalle large e un collo molto meno segmentato. Gli occhi furono ingranditi, resi bianchi e più prominenti, dando così al personaggio un aspetto meno minaccioso.

Tra le innovazioni tecniche del costume, ricordiamo una testa capace di ruotare intorno al corpo[3] e l'incorporazione d'un tubo d'aria per la ventilazione interna.[4]

Il costume utilizzato in Gojira VS Mekagojira sarà adoperato anche per le scene che vedono Godzilla emergere o entrare in mare e nella scena in cui SpaceGodzilla lancia il mostro telecineticamente.[3]

Il compositore Akira Ifukube rifiutò di collaborare al film, poiché includeva musica rap.[5]

Note modifica

  1. ^ a b c David Kalat, A Critical History and Filmography of Toho's Godzilla Series, 2nd, Jefferson, N.C., McFarland & Co., 2010, pp. 202–09, ISBN 978-0-7864-4749-7.
  2. ^ David Milne, "Shinji Nishikawa Interview" Archiviato il 5 ottobre 2016 in Internet Archive., Kaiju Conversations (December 1995)
  3. ^ a b Robert Biondi, "The Evolution of Godzilla – G-Suit Variations Throughout the Monster King’s Twenty One Films", G-FAN #16 (July/August 1995)
  4. ^ Steve Ryfle, Japan’s Favorite Mon-Star: The Unauthorized Biography of the Big G, Toronto: ECW Press, 1998, pp. 298, ISBN 1-55022-348-8.
  5. ^ David Milner, "Akira Ifukube Interview III" Archiviato il 6 ottobre 2016 in Internet Archive., Kaiju Conversations (December 1995)

Collegamenti esterni modifica