Apri il menu principale

Governo Depretis VIII

25º Governo del Regno d'Italia
Governo Depretis VIII
Agostino Depretis.jpg
StatoItalia Italia
Presidente del ConsiglioAgostino Depretis
(Sinistra storica)
CoalizioneSinistra storica
LegislaturaXVI
Giuramento4 aprile 1887
Dimissioni29 luglio 1887
Governo successivoCrispi I
29 luglio 1887
Left arrow.svg Depretis VII Crispi I Right arrow.svg

Il Governo Depretis VIII è stato in carica dal 4 aprile 1887 al 29 luglio 1887 (quando Depretis muore) per un totale di 116 giorni, ovvero 3 mesi e 25 giorni.

Indice

Presidente del Consiglio dei ministriModifica

MinisteriModifica

Affari EsteriModifica

Ministro Agostino Depretis

Agricoltura, Industria e CommercioModifica

Ministro Luigi Miceli

FinanzeModifica

Ministro Bernardino Grimaldi

Grazia e Giustizia e CultiModifica

Ministro Giuseppe Zanardelli

GuerraModifica

Ministro Ettore Bertolè-Viali

InternoModifica

Ministro Francesco Crispi

Lavori PubbliciModifica

Ministro Giuseppe Saracco

MarinaModifica

Ministro Benedetto Brin

Pubblica IstruzioneModifica

Ministro Michele Coppino

TesoroModifica

Ministro Agostino Magliani ad interim

CronologiaModifica

  • 21 giugno 1887: il dazio sul frumento viene aumentato da 1.40 a 3 lire al quintale: tale provvedimento, motivato dall'esigenza di finanziare la politica coloniale, è approvato con 205 voti favorevoli e 48 contrari. Successivamente è approvata la nuova tariffa generale che aumenta in modo rilevante i dazi protettivi applicati all'importazione di alcuni prodotti agricoli e della maggior parte dei beni già prodotti dall'industria nazionale: la scelta protezionista che ottiene dalla Camera 199 voti favorevoli e 37 contrari sarà ratificata in Senato il 10 luglio (69 sì e 12 no)[1].
  • 29 luglio 1887: all'età di 74 anni scompare a Stradella il Presidente del Consiglio Agostino Depretis; lo sostituità Francesco Crispi[2].

NoteModifica

  1. ^ cronologia.leonardo.it/storia/a1887.htm
  2. ^ Agostino Depretis in Dizionario Biografico Treccani, su treccani.it. URL consultato il 5 ottobre 2013.