Apri il menu principale
Graeme Dott
Graeme Dott.JPG
Nazionalità Scozia Scozia
Biliardo 8 ball icon.svg
Specialità Snooker
Ranking 21º
Best ranking
Statistiche aggiornate al 12 agosto 2019

Graeme Dott (Larkhall, 12 maggio 1977) è un giocatore di snooker scozzese.[1]

CarrieraModifica

Soprannominato The Pocket Dynamo, Dott è diventato professionista nel 1994.

Si è fatto strada in patria raggiungendo la finale dello Scottish Open nel 1999 perdendo contro il suo connazionale Stephen Hendry per 9-1. Nello stesso anno realizzò al British Open, quello che finora è il suo unico 147 in carriera.

Nel 2006 ha vinto il campionato mondiale di snooker.[2] Nel Ranking mondiale ha raggiunto la seconda posizione nella stagione 2007-2008.

È di nuovo in finale nel Campionato mondiale di snooker 2010 ma perde contro Neil Robertson.[3]

Century Breaks: 211Modifica

Break Massimi da 147: 1Modifica

Anno Competizione Avversario
1 1999   British Open   David Roe

Tornei vintiModifica

Titoli Ranking: 2Modifica

Titoli Non-Ranking: 1Modifica

TITOLI RANKING
Competizione Anno Avversario
  Campionato mondiale 2006   Peter Ebdon
  China Open 2007[4]   Jamie Cope
TITOLI NON-RANKING
Competizione Anno Avversario
  World Series of Snooker Berlin 2008   Shaun Murphy

Finali perseModifica

Vita privataModifica

È sposato con Elanie Lombie ed ha un figlio, nato nel 2004. È tifoso del Rangers Football Club.

NoteModifica

  1. ^ WSC Real 2008: World Snooker Championship - Play for Real, su web.archive.org, 7 maggio 2009. URL consultato il 24 settembre 2019 (archiviato dall'url originale il 7 maggio 2009).
  2. ^ WebCite query result, su archive.fo, 8 ottobre 2009. URL consultato il 24 settembre 2019.
  3. ^ (EN) Clive Everton at The Crucible, Neil Robertson grinds down Graeme Dott to take world crown, in The Guardian, 4 maggio 2010. URL consultato il 24 settembre 2019.
  4. ^ Hermund, Graeme Dott claims China Open trophy, su billiardpulse.com. URL consultato il 24 settembre 2019.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN232993805 · ISNI (EN0000 0003 6750 947X · LCCN (ENnb2012006644 · WorldCat Identities (ENnb2012-006644