Apri il menu principale
Gulfstream G550
2010-07-21 G550 NetJets CS-DKE EDDF 01.jpg
Un G550 Netjets Europe in fase di atterraggio all'aeroporto di Francoforte sul Meno
Descrizione
TipoBusiness jet
Equipaggio2-4
CostruttoreStati Uniti Gulfstream
Data primo volo2004
Utilizzatore principaleStati Uniti USAF
Esemplarioltre 500
Costo unitario53,5 milioni $ (2011)
Sviluppato dalGulfstream V
Dimensioni e pesi
Gulfstream G500.svg
Tavole prospettiche
Lunghezza29,4 m (96 ft 5 in)
Apertura alare28,5 m (93 ft 6 in)
Altezza7,9 m (25 ft 10 in)
Peso a vuoto21 900 kg (48 300 lb)
Peso carico24 700 kg (54 500 lb)
Peso max al decollo41 300 kg (91 500 lb)
Passeggeri14-19
Capacità2 800 kg (6 200 lb)
Propulsione
Motore2 turboventola Rolls-Royce BR710
Spinta68,44 kN (15 385 lbf) ciascuno
Prestazioni
Velocità max941 km/h (585 mph, 508 kt)
Velocità di crociera904 km/h (562 mph, 488 kt)
Corsa di decollo1 800 m (5 910 ft)
Atterraggio880 m (2 770 ft )
Autonomia12 500 km (7 768 mi, 6 750 nmi)
Quota di servizio15 545 m (51 000 ft)

i dati sono estratti dal sito Gulfstream[1]

voci di aerei civili presenti su Wikipedia

Il Gulfstream G550 e la sua variante a minore autonomia G500, indicati anche con il nome di Gulfstream V-SP, sono dei business jet sviluppati dall'azienda aeronautica statunitense Gulfstream Aerospace, divisione della General Dynamics, nei primi anni duemila, i primi velivoli commerciali ad essere dotati di sistema di visione sintetica come equipaggiamento standard.

I due modelli sono sviluppo del precedente Gulfstream V e sono destinati principalmente al mercato dell'aviazione commerciale, ambito nel quale si rivolgono principalmente a compagnie di aerotaxi. I velivoli hanno avuto successo commerciale anche presso clienti governativi e forze aeree, dai quali sono utilizzati per trasporti di personalità politiche e militari.

In ambito specificatamente militare è stata realizzata la variante Airborne Early Warning (AEW), sviluppata in collaborazione con l'israeliana IAI per l'Heyl Ha'Avir.

Per il suo sviluppo, grazie all'equipaggiamento con il sistema di visione sintetica, nel 2004 l'azienda venne premiata con il Collier Trophy.

UtilizzatoriModifica

CiviliModifica

I modelli sono utilizzati da numerose compagnie di aerotaxi di cui le seguenti sono le più rappresentative:

  Stati Uniti

GovernativiModifica

  Azerbaigian
  • Governo azero
un G550 4K-A106 per trasporto VIP[senza fonte]
  Germania
opera con un G550 per missioni speciali.
  Kuwait
  • Governo kuwaitiano
opera con un Gulfstream G550.
  Tanzania
  Uganda
  • Governo ugandese

MilitariModifica

  Australia
4 MC-55A Peregrine basati sulla cellula del Gulfstream G550 che saranno equipaggiati per la guerra elettronica.[2][3]
  Israele
  Italia
  Polonia
2 G550 in allestimento VIP, destinati al trasporto presidenziale, ordinati con consegne entro la fine del 2017.[4] Il primo esemplare è stato consegnato a giugno 2017.[5]
  Singapore
  Stati Uniti
1 G550 ridesignato NC-37B modificato con le stesse carenature sulla cellula come l'omologo G550 CAEW israeliano, ordinato nel 2016 e consegnato a settembre 2018, destinato alla telemetria ed ai test di volo di missili e missili navali.[6][7][8]
  Svezia
  Turchia

NoteModifica

  1. ^ Gulfstream, G550.
  2. ^ AUSTRALIA TO FIELD FOUR SPECIAL MISSION PEREGRINE AIRCRAFT", su janes.com, 18 marzo 2019, URL consultato il 21 marzo 2019.
  3. ^ "Alla RAAF quattro G550 per guerra elettronica" - "Aeronautica & Difesa" N. 391 - 05/2019 pp. 26-27
  4. ^ "Polonia. Quasi pronto il primo G550 VIP" - Aeronautica & Difesa" N. 365 - 03/2017 pag. 77
  5. ^ "POLAND RECEIVES FIRST G550 VIP JET" Archiviato il 22 giugno 2017 in Internet Archive., su janes.com, 21 giugno 2017, URL consultato il 22 giugno 2017.
  6. ^ "BEHOLD THE FIRST OFFICIAL PHOTO OF THE NAVY'S NEW NC-37B MISSILE TRAKING JET", su thedrive.com, 7 settembre 2018, URL consultato il 5 ottobre 2018.
  7. ^ "US NAVY PURCHASE CAEW-BASED GULFSTREAM 550 FOR RANGE SUPPORT", su flightglobal.com, 21 marzo 2016, URL consultato il 5 ottobre 2018.
  8. ^ "Un nuovo Gulfstream elettronico per l'US Navy" - "Aeronautica & Difesa" N. 391 - 05/2019 pag. 41

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica