Apri il menu principale
Türk Hava Kuvvetleri
Seal of the Turkish Air Force.svg
Emblema dell'Aeronautica turca
Descrizione generale
Attiva1911[1]
NazioneTurchia Turchia
ServizioAeronautica militare
Dimensione60.000 effettivi
668 aeromobili (2017)[2]
Stato MaggioreAnkara
Battaglie/guerreGuerra del Kosovo
Sito internethttp://www.hvkk.tsk.tr/
Parte di
Comandanti
GeneraleHasan Küçükakyüz (22 agosto 2017 - oggi)[3]
Simboli
CoccardaRoundel of Turkey.svg
Voci su forze aeree presenti su Wikipedia

La Türk Hava Kuvvetleri è l'attuale aeronautica militare della Turchia e parte integrante delle forze armate turche.

Nel 2013 l'aviazione militare turca è stata considerata la terza per grandezza tra tutti i paesi della NATO dopo la United States Air Force statunitense e la Royal Air Force britannica. Secondo la fonte specialistica Flight International e l'International Institute for Strategic Studies, la Turkish Air Force è costituita da 60000 effettivi e ha in dotazione approssimativamente 643 aeromobili pilotati.

La forza armata fa risalire le sue origini al giugno 1911 quando fu fondata dall'Impero Ottomano col nome di Osmanlı tayyare bölükleri, sebbene come forza aerea come oggi è conosciuta è stata fondata nel 1923 con la creazione delle Repubblica di Turchia.

Indice

Aeromobili in usoModifica

Aeromobile Origine Tipo Versione
(denominazione locale)
In servizio
(2018)[4]
Note Immagine
Aerei da combattimento
Lockheed Martin F-16 Fighting Falcon   Stati Uniti caccia multiruolo
conversione operativa
F-16C
F-16D
157[5][4]
87[4]
La Turkish Aerospace Industries ha costruito 232 F-16C/D Block 30 e 40[6][7] e ha iniziato il retrofit dei Block 30 con mission computer e avionica sviluppati dalla turca ASELSAN. La variante risultante prende il nome di Özgür[8][9] A marzo 2018 gli F-16C sono 157 in quanto uno è precipitato.[5]
McDonnell Douglas F-4 Phantom II   Stati Uniti cacciabombardiere
Aereo da ricognizione
F-4E Terminator 2020
RF-4E
49[10][4][11] Dei 189 F-4E e 44 RF-4E consegnati, al novembre 2017 ne risultano in servizio 49 tra F-4E ed RF-4E.[10][11] Aggiornati dalla Israel Aerospace Industries e dalla Turkish Aerospace Industries.[12] Aggiornati nell'avionica a partire dal 2010 con il programma Şimşek a cura della ASELSAN.[13]
Lockheed Martin F-35 Lightning II   Stati Uniti cacciabombardiere F-35A 2[4][14][15] 30 F-35A ordinati (più opzione per altri 70), il primo dei quali a volato il 10 maggio 2018.[16][17] Il primo esemplare è stato presentato (ne sono stati consegnati 2) il 21 giugno 2018.[15][14]
Aerei AEW e AWACS
Boeing 737 AEW&C   Stati Uniti AWACS B-737 AEW&C 4[4] 4 consegnati.[18]
Aerei per impieghi speciali
Transall C-160   Germania aereo da guerra elettronica C-160EW 1[4]
CASA CN-235   Spagna aereo da pattugliamento marittimo CN235 MPA 2[4]
Bombardier Global 6000   Canada aereo da guerra elettronica Global 6000 EW 0 4 Global 6000 ordinati, che saranno equipaggiati con sistemi per la Guerra elettronica.[19][20][21]
Aerei per rifornimento in volo
Boeing KC-135 Stratotanker   Stati Uniti rifornimento in volo KC-135R 7[4]
Aerei da addestramento
Northrop F-5 Freedom Fighter   Stati Uniti conversione operativa NF-5B 24[4] Aggiornati alla standard F-5 2000 dalla Turkish Aerospace Industries.[22][23]
Northrop T-38 Talon   Stati Uniti aereo da addestramento T-38M 68[4][24][25] 55 aerei sono aggiornati, dal 2012 al 2014, allo standard T-38M dalla Turkish Aerospace Industries con avionica moderna e sistemi di sicurezza migliorati.[24]
KAI KT-1   Corea del Sud aereo da addestramento basico KT-1T 40[4]
TAI Hürkuş   Turchia aereo da addestramento basico Hürkuş-B 0 15 Hürkuş-B ordinati, più 40 in opzione.[26][27][4]
Aermacchi SF-260   Italia aereo da addestramento basico SF-260D 34[28][4] 40 SF-260D ricevuti a partire dal 1990.[28] A tutto il 2017 gli esemplari in servizio erano 35.[4] A febbraio 2018 gli esemplari in servizio sono 34 in quanto un aereo è andato perso.[28]
PAC MFI-395 Super Mushshak   Pakistan aereo da addestramento basico MFI-395 0 52 ordinati a maggio 2017.[4][29]
Aerei da trasporto
Airbus A400M Atlas   Unione europea Aereo da trasporto A400M 7[4][30][31] 10 A400M ordinati.[32]
Lockheed C-130 Hercules   Stati Uniti aereo da trasporto C-130B
C-130E
19[33][34][4] L'avionica di 7 C-130E e 6 C-130B è stata aggiornata dalla Turkish Aerospace Industries. Ai 7 C-130E sono stati affiancati 6 C-130E ex sauditi acquistati nel 2010 e sottoposti anch'essi allo stesso aggiornamento portando così la flotta a 19 esemplari.[33][35]
Transall C-160   Germania aereo da trasporto C-160T 14[4]
CASA CN-235   Spagna aereo da trasporto CN235-100M 41[4]
Airbus A340   Unione europea aereo da trasporto VIP A340-542 1[36] 1 esemplare ex tunisino mai utilizzato, gestito da Turkish Airlines, viene utilizzato per il trasporto presidenziale, ma dotato di apparati di comunicazione militari e quindi di competenza dell'aeronautica.[36]
Airbus A330   Unione europea aereo da trasporto VIP A330-243 1[36] 1 consegnato e gestito da Turkish Airlines, utilizzato per il trasporto presidenziale, ma dotato di apparati di comunicazione militari e quindi di competenza dell'aeronautica.[36]
Airbus A318   Unione europea aereo da trasporto VIP A318 1[36] 1 consegnato.[36]
Airbus A319   Unione europea aereo da trasporto VIP A319CJ 2[36] 2 consegnati.[36]
Bombardier CRJ-200   Canada aereo da trasporto VIP CRJ-200 1[36] 2 consegnato.[36]
Gulfstream G550   Stati Uniti aereo da trasporto VIP G550 2[36] 2 consegnati.[36]
Gulfstream IV   Stati Uniti aereo da trasporto VIP G-IV 2[36] 2 consegnati.[36]
Cessna Citation V   Stati Uniti aereo da trasporto VIP Citation V 2[36] 2 consegnati.[36]
Elicotteri
Eurocopter Cougar   Francia elicottero utility AS-532 21[4] Aggiornati dalla Turkish Aerospace Industries.[37]
Bell UH-1 Huey   Stati Uniti elicottero utility UH-1H 59[4] Aggiornati dalla Turkish Aerospace Industries.[37]

Aeromobili ritiratiModifica

GradiModifica

NoteModifica

  1. ^ La forza armata individua nell'addestramento del capitano Fesa Bey e del tenente Yusuf Kenan Bey nel 1911 il suo inizio delle attività e ha celebrato il suo centenario nel 2011. "Türk Hava Kuvvetleri 100 Yaşında" sul sito ufficiale della Türk Hava Kuvvetleri Archiviato il 26 giugno 2011 in Internet Archive. .
  2. ^ "TOP 12 MOST INTERESTING AIR FORCES AROUND THE WORLD", su defenceaviation.com, 21 febbraio 2017, URL consultato il 19 marzo 2017.
  3. ^ "KOMUTAN", su hvkk.tsk.tr, URL consultato il 5 maggio 2018.
  4. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v (EN) World Air Force 2019 (PDF), su Flightglobal.com, p. 30. URL consultato l'11 gennaio 2019.
  5. ^ a b "TURKISH F-16 CRASHES, KILLING PILOT", su janes.com, 23 marzo 2018, URL consultato il 23 marzo 2018.
  6. ^ Request Rejected Archiviato il 10 ottobre 2014 in Internet Archive..
  7. ^ Request Rejected Archiviato il 9 ottobre 2014 in Internet Archive..
  8. ^ Ozgur, su ssm.gov.tr.
  9. ^ Request Rejected Archiviato il 9 ottobre 2014 in Internet Archive..
  10. ^ a b "MCDONNELL DOUGLAS F-4 PHANTOM II: L'EPICA STORIA DI UN VERO MULTIRUOLO", su difesaonline.it, 3 novembre 2018.
  11. ^ a b "Gli ultimi Phantom II" - "Aeronautica & Difesa" N. 369 - 07/2017 pag. 9
  12. ^ TÜRK HAVA KUVVETLERİNİN EFSANE UÇAĞI F-4E PHANTOM II - gencucus26 - Blogcu.com.
  13. ^ F4-E'ler şimdi daha güçlü | Para Haberleri. 03 marzo 2010
  14. ^ a b "US DELIVERS FIRST F-35 TO TURKEY AS CONGRESSIONAL OPPOSITION TO FURTHER DELIVERIES GROWS", su janes.com, 21 giugno 2018, URL consultato il 21 giugno 2018.
  15. ^ a b "CONSEGNATI I PRIMI 2 F-35 PER LA TURCHIA", su portaledifesa.it, 21 giugno 2018, URL consultato il 21 giugno 2018.
  16. ^ "Vola il primo F-35 turco e si apre un dibattito" - "Aeronautica & Difesa" N. 380 - 06/2018 pag. 21
  17. ^ "F-35: LA TURCHIA ACQUISTA SECONDO LOTTO", su difesaonline.it, 2 novembre 2016, URL consultato il 2 novembre 2016.
  18. ^ "Consegnato all'aeronautica turca l'ultimo Peace Eagle" - "Aeronautica & Difesa" N. 352 - 02/2016 pag. 70.
  19. ^ "TURKEY RECEIVES FIRST TWO BOMBARDIER AIRCRAFT TO BE FITTED WITH AIRBORNE STAND-OFF JAMMERS", su janes.com, 20 marzo 2019, URL consultato il 21 marzo 2019.
  20. ^ "AEREI DA GUERRA ELETTRONICA PER ANKARA", su portaledifesa.it, 19 marzo 2019, URL consultato il 21 marzo 2019.
  21. ^ "Turchia. I primi Global 6000 HAVA SOJ" - "Aeronautica & Difesa" N. 391 - 05/2019 pag. 80
  22. ^ http://www.ole-nikolajsen.com/TURKISH%20FORCES%202004/f5%20fotos.pdf.
  23. ^ "Turkish Air Force." Archiviato il 1º ottobre 2010 in Internet Archive. scramble.nl. URL consultato il 9 gennaio 2010.
  24. ^ a b "TAI UPGRADES T-38 TRAINER FOR AIR FORCE", su hurriyetdailynews.com, 27 aprile 2012, URL consultato il 4 maggio 2018.
  25. ^ "T-38 (ARI)", su tai.com.tr, URL consultato il 4 maggio 2018.
  26. ^ "Vola l'addestratore turco Hürkuş-B" - "Aeronautica & Difesa" N. 377 - 03/2018 pag. 71
  27. ^ "Vola l'Hurkus-B" - "Rivista italiana difesa" N. 3 - 03/2018 pag. 12
  28. ^ a b c "TURKISH SF-260D JET TRAINER CRASHES" Archiviato il 17 febbraio 2018 in Internet Archive., su janes.com, 16 febbraio 2018, URL consultato il 17 febbraio 2018.
  29. ^ "TURKEY BUYS 52 SUPER MUSHSHAK TRAINING AIRCRAFT FROM PAKISTAN" Archiviato l'11 maggio 2017 in Internet Archive., su janes.com, 11 maggio 2017, URL consultato il 11 maggio 2017.
  30. ^ "Internazionale. A400M sempre in rosso" - "Aeronautica & Difesa" N. 374 - 12/2017 pag. 74
  31. ^ Turkish A400M Atlas Turboprop Military Transport Aircraft | Global Military Review.
  32. ^ "AIRBUS CONFIDENT OF A400M EXPORTS BUT SAYS NUMBERS MAY BE MODEST", su janes.com, 14 febbraio 2019, URL consultato il 15 febbraio 2019.
  33. ^ a b "FIRST TURKISH C-130 WITH UPGRADED AVIONICS DELIVERED", su airforcesmonthly.keypublishing.com, 21 agosto 2014, URL consultato il 4 maggio 2018.
  34. ^ "ERCIYES (C-130)", su tai.com.tr, URL consultato il 4 maggio 2018.
  35. ^ Request Rejected Archiviato il 10 dicembre 2014 in Internet Archive..
  36. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p "LA FÓRMULA TURCA PARA EL TRANSPORTE AÉREO DE AUTORIDADES QUE LIBERA DE CARGAS A SU FUERZA AÉREA", su defensa.com, 4 maggio 2018, URL consultato il 6 maggio 2018.
  37. ^ a b Request Rejected Archiviato il 4 marzo 2016 in Internet Archive..

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàISNI (EN0000 0001 2310 2817 · LCCN (ENno2015037357