Apri il menu principale

SocietàModifica

Evoluzione demograficaModifica

Abitanti censiti

 

MonumentiModifica

La grande croce di Hendaye (in francese: Croix d'Hendaye); (in euskera: Gurutze di Hendaia) è una colonna corinzia in pietra sormontata da una croce greca (con una base che reca strani simboli forse astronomico-alchemici) che si trova sulla piazza principale del villaggio di Hendaye.

Altro edificio storico della città è il Castello d'Abbadia.

Avvenimenti storiciModifica

Nel 1924 lo scrittore Miguel de Unamuno si auto-esiliò in questa località dopo essere stato amnistiato dal regime di Miguel Primo de Rivera.

Nel 1940, Ramón Serrano Súñer, il dittatore spagnolo Francisco Franco, il führer tedesco Adolf Hitler e il suo ministro degli esteri Joachim von Ribbentrop si riunirono nella stazione ferroviaria di Hendaye (allora nella Francia di Vichy, formalmente indipendente ma occupata e condizionata dalla Germania nazista) per convincere Franco ad intervenire nella Seconda guerra mondiale, ovviamente in favore dell'Asse Roma-Berlino-Tokyo. Franco, del tutto riluttante a coinvolgere il suo paese dopo i lutti e le rovine della sanguinosa guerra civile spagnola, non si fece convincere, e Hitler decise di non forzare la mano sulla questione principale, facendogli sottoscrivere alcuni accordi commerciali ed un impegno solenne sulla neutralità. Anche se ufficialmente neutrale, durante i cinque anni successivi la Spagna franchista rimase un paese molto favorevole all'Asse italo-tedesco.

La scrittrice Irene Nemirovsky vi ambienta un suo romanzo, Il malinteso.

Galleria d'immaginiModifica

NoteModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN127486095 · LCCN (ENn98092336 · GND (DE4552178-5 · BNF (FRcb15270082t (data)
  Portale Francia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Francia