Ho-Oh

specie di Pokémon

Ho-Oh (ホウオウ Houou?) è un Pokémon base della seconda generazione di tipo Fuoco/Volante. Il suo numero identificativo Pokédex è 250.

Ho-Oh
UniversoPokémon
Nome orig.ホウオウ (Houou)
Lingua orig.Giapponese
AutoreKen Sugimori
StudioGame Freak
EditoreNintendo
1ª app.1 aprile 1997
1ª app. inPocket Monsters Sekiei League
Caratteristiche immaginarie
EpitetoPokémon Arcobaleno

Ideato dal team di designer della Game Freak, Ho-Oh è il primo Pokémon leggendario apparso nell'anime Pokémon, oltre ad essere il primo Pokémon della seconda generazione visto dall'allenatore Ash Ketchum nel primo episodio della serie animata.[1] Compare inoltre nella maggior parte dei titoli successivi, in videogiochi spin-off, nei film, nel Pokémon Trading Card Game e nel merchandising derivato dalla serie.

Ho-Oh compare nella copertina dei videogiochi Pokémon Oro e Pokémon Oro HeartGold.[2]

DescrizioneModifica

Si dice che Ho-Oh sorvoli instancabilmente il mondo con splendide ali iridate, lasciando un arcobaleno dietro di sé.[3][4] Si dice che le sue piume portino felicità e che viva ai piedi di un arcobaleno.[5]

Nei giochi Ho-Oh è responsabile di aver riportato in vita con i suoi poteri i Pokémon Raikou, Entei e Suicune, periti nella distruzione della Torre d'Ottone.

ApparizioniModifica

VideogiochiModifica

 
Ho-Oh selvatico
 
Altro disegno di Ho-Oh, presente nella custodia e nella cartuccia di Pokémon Oro

Nei videogiochi Pokémon Oro e Argento, Pokémon Cristallo e Pokémon Oro HeartGold e Argento SoulSilver Ho-Oh è disponibile all'interno della Torre Campana[6], situata ad Amarantopoli.

Per catturare il Pokémon leggendario è necessario lo strumento Ala d'Iride, ottenibile dal manager della stazione radio di Fiordoropoli[7], da un uomo situato nella città di Plumbeopoli[8] o dal guardiano della torre dopo aver catturato i tre Pokémon leggendari Raikou, Entei e Suicune[9].[10][11]

In Pokémon X e Y Ho-Oh può partecipare alle Lotte Aeree.[12] Nella versione Rubino Omega è possibile catturare Ho-Oh nei pressi di Ciclamare se si è in possesso dello strumento Campana Chiara.[13]

Nel videogioco Pokémon Colosseum è possibile ottenere Ho-Oh purificando ogni Pokémon ombra nella Modalità Storia e in seguito usando il party con cui il giocatore ha completato questa modalità per vincere l'equivalente di Mt. Battle per la Modalità Storia (non è necessario usare un party di Orre). È possibile importare Pokémon da Rubino, Zaffiro, Smeraldo, Rosso Fuoco o Verde Foglia per utilizzarli nella Modalità Storia.

In Pokémon Mystery Dungeon: Squadra rossa e Squadra blu Ho-Oh si trova al quarantesimo piano del Monte Remoto. Il Pokémon è anche disponibile in Pokémon Mystery Dungeon: Esploratori del tempo ed Esploratori dell'oscurità all'interno del Monte Mistral disponendo di Lastraenigma o di Pezzoenigma.

Infine Ho-Oh è presente in una delle Poké Ball del videogioco Super Smash Bros. Melee. Una volta liberato, Ho-Oh volerà lungo lo schermo utilizzando l'attacco Magifuoco.

Eventi NintendoModifica

Nei videogiochi Pokémon Rosso Fuoco e Verde Foglia e Pokémon Smeraldo Ho-Oh è ottenibile al livello 70 all'interno del Monte Cordone, l'ottava isola del Settipelago, raggiungibile solamente con lo strumento Biglietto Magico. Sull'isola è inoltre presente il Pokémon leggendario Lugia.

In Giappone, il Biglietto Magico è stato distribuito per la prima volta durante varie località Pokémon Festa 2004 dal 17 luglio al 15 agosto 2004,[14] mentre negli Stati Uniti il biglietto è stato distribuito per la prima volta al Nintendo World Store il 14 maggio 2005.[15] In Europa non è mai stato distribuito e non è quindi ottenibile legittimamente nelle versioni europee.

AnimeModifica

Ho-Oh appare per la prima volta al termine dell'episodio L'inizio di una grande avventura (Pokémon, I Choose You!) in cui Ash Ketchum scorge un grande uccello dorato.[16] Quando consulta il suo Pokédex, gli viene spiegato che non sono disponibili informazioni sulla creatura, aggiungendo che esistono molti Pokémon non ancora identificati.[17]

In I campanelli rubati (For Ho-Oh the Bells Toll) Ash viene a conoscenza del nome e della storia del Pokémon da Angelo, capopalestra di Amarantopoli, e da Eugenius, esperto di Pokémon leggendari, in particolare di Suicune.[18]

Il ragazzo avvista di nuovo Ho-Oh nel corso di Addii e partenze (Gotta Catch Ya Later!), quando si appresta a partire per la regione di Hoenn.[19] È inoltre apparso in Il Leggendario Ho-Oh (Battling the Enemy Within)[1][20] e nel sesto episodio di Pokémon Generazioni, Il ritorno.

NoteModifica

  1. ^ a b (EN) Ho-Oh (anime) da Bulbapedia
  2. ^ (EN) Scopri le star delle copertine dei giochi Pokémon!, su Nintendo, 23 settembre 2016.
  3. ^ Game Freak, Descrizione Pokédex Pokémon Oro, Pokémon Verde Foglia e Pokémon Oro HeartGold, Nintendo, 2001/2004/2010.
    «Narra la leggenda che questo POKéMON sorvoli instancabilmente il mondo con splendide ali dai sette colori.»
  4. ^ Game Freak, Descrizione Pokédex Pokémon Argento, Pokémon Rosso Fuoco e Pokémon Argento SoulSilver, Nintendo, 2001/2004/2010.
    «Narra la leggenda che il suo corpo brilli di sette colori. Volando lascia un arcobaleno dietro di sé.»
  5. ^ Game Freak, Descrizione Pokédex Pokémon Rubino e Zaffiro e Pokémon Rubino Omega e Zaffiro Alpha, Nintendo, 2003/2014.
    «Il piumaggio di HO-OH brilla in sette colori a seconda dell'angolazione dei raggi luminosi. Si dice che le sue piume portino felicità a chi le possiede. Si narra che viva ai piedi di un arcobaleno.»
  6. ^ Torre di Latta nei titoli della seconda generazione.
  7. ^ In Pokémon Oro e Pokémon Oro HeartGold.
  8. ^ In Pokémon Argento e Pokémon Argento SoulSilver.
  9. ^ In Pokémon Cristallo.
  10. ^ (EN) Rainbow Wing da Serebii.net
  11. ^ (EN) Pokémon Heart Gold & Soul Silver - Legendary Pokémon
  12. ^ (EN) Pokémon X & Y - Sky Battles da Serebii.net
  13. ^ (EN) Pokémon Omega Ruby & Alpha Sapphire - Legendary Pokémon da Serebii.net
  14. ^ Pokemon.co.jp - Pokémon Festa 2004, su pokemon.co.jp. URL consultato il 30 ottobre 2020 (archiviato dall'url originale l'11 agosto 2004).
  15. ^ Pokémon.com : The Official Pokémon Website, su web.archive.org, 4 giugno 2008. URL consultato il 30 ottobre 2020 (archiviato dall'url originale il 4 giugno 2008).
  16. ^ (EN) Episode 001 - Pokémon I Choose You da Serebii.net
  17. ^ (EN) EP001 da Bulbapedia
  18. ^ (EN) Episode 229 - For Ho-oh the Bells Toll da Serebii.net
  19. ^ (EN) Episode 275 - Gotta Catch Ya Later! da Serebii.net
  20. ^ (EN) Episode 454 - Battling the Enemy Within da Serebii.net

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Pokémon: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Pokémon