Apri il menu principale
Huawei Technologies Co. Ltd.
华为技术有限公司
Logo
Huawei 1.JPG
Quartier generale di Huawei a Shenzhen in Guangdong
StatoCina Cina
Forma societariaSocietà cooperativa
Fondazione1987 a Shenzhen
Fondata daRen Zhengfei
Sede principaleShenzhen
FilialiHiSilicon
Honor
Persone chiave
Settoretelecomunicazioni
Prodottitelefoni cellulari, computer, tablet e apparati per networking e telecomunicazioni
Fatturato$ 105,2 miliardi[1] (2018)
Utile netto$ 8,7 miliardi[1] (2018)
Dipendenticirca 180.000 (2017)
Slogan«Make it possible»
Sito web

Huawei[2] (ufficialmente Huawei Technologies Co. Ltd.) (华为技术有公司S, huá wéi jì shù yǒu gōng sīP) è una società cinese impegnata nello sviluppo, produzione e commercializzazione di prodotti, di sistemi e di soluzioni di rete e telecomunicazioni. È stata fondata nel 1987 e ha il quartier generale a Shenzhen, Guangdong, in Cina[3].

I prodotti e le soluzioni di Huawei sono utilizzati da 45 dei primi 50 operatori mondiale di telefonia mobile e sono impiegati da oltre 140 nazioni, che rappresentano circa un terzo della popolazione mondiale. Huawei è una società privata, detenuta al 100% dai suoi dipendenti assunti in Cina. La struttura organizzativa di Huawei opera sul mercato con oltre 180 000 dipendenti attraverso tre divisioni: Carrier, Enterprise e Consumer.

La società investe oltre il 10% del suo fatturato annuo in ricerca e sviluppo, settore in cui impiega circa il 45% dei dipendenti[4]. In particolare, in tale ambito, nel 2017 ha speso 11,6 miliardi di euro (il 15% dei ricavi), concentrandosi su intelligenza artificiale e cloud[5]. Huawei è il secondo produttore di smartphone al mondo (considerando anche quelli commercializzati col brand Honor), dopo Samsung, avendo sorpassato Apple nel secondo trimestre del 2018.

Indice

StoriaModifica

Fondata nel 1987 da Ren Zhengfei, è una società privata di proprietà dei suoi dipendenti. Le sue attività principali sono la ricerca e sviluppo (R&S), la produzione e commercializzazione di apparecchiature per le telecomunicazioni, e la fornitura di servizi di rete personalizzati per gli operatori di telecomunicazioni.

Huawei ha realizzato 16 centri di Ricerca & Sviluppo, 36 joint Innovation Center e 45 Training Center in tutto il mondo. L’investimento complessivo di Huawei in ricerca negli ultimi 10 anni ammonta a circa 48 miliardi di dollari.

A tutto il 2015 Huawei ha registrato oltre 50 000 brevetti. Secondo l’agenzia ONU World Intellectual Property Organization (WIPO), Huawei è la prima azienda al mondo per richieste di brevetti internazionali nel 2015 con 3.898 richieste.

Huawei è stata la prima azienda cinese in assoluto a entrare nella classifica dei ‘Top 100 Best Global Brands’ stilata da Interbrand, dove nel 2016 è salita al 72º posto. Scalando ben 99 posizioni in un anno, Huawei si è collocata al 129º posto nella classifica 2016 Fortune Global 500.

Il 1º dicembre 2018 il vicepresidente e CFO di Huawei, Meng Wanzhou, figlia del fondatore Ren Zhengfei, è stata arrestata in Canada, su richiesta degli Stati Uniti, che l'accusano di aver violato le sanzioni statunitensi contro l'Iran.[6][7]

Il 20 maggio 2019 il presidente degli Stati Uniti Donald Trump vieta alle aziende statunitensi come Microsoft, Google, Intel, Qualcomm di intrattenere alcun tipo di rapporto commerciale con il colosso cinese. In particolare, ha concesso proroga temporanea all'azienda Google e relativo sistema operativo proprietario Android di 90 giorni per i prodotti Huawei già in commercio, garantendo continuità negli aggiornamenti e forniture di Patch di Sicurezza. Contemporaneamente viene annunciato un nuovo sistema operativo sviluppato internamente a partire dal 2012 chiamato Hongmeng OS, e date le circostanze, ne viene data un'accelerazione allo sviluppo. [8]

Huawei in ItaliaModifica

Huawei è attiva in Italia dal 2004 e oggi può contare su circa 750 professionisti sul territorio nazionale attraverso le 2 sedi (Milano e Roma), gli uffici di altre 10 città, e 4 centri di Ricerca e Sviluppo, oltre a un Business Innovation Center.

Dal 2007 al 2009 Huawei ha partecipato alla realizzazione della rete HSDPA e HSUPA nelle regioni Basilicata, Calabria, Puglia e Sicilia per conto di Telecom Italia.

In Italia sono in fase operativa alcuni importanti progetti, tra i quali: lo sviluppo della tecnologia FTTC (Fiber to the Cabinet) e FTTH (Fiber to the Home), l'evoluzione delle reti fisse di accesso e trasporto degli operatori clienti, la continuazione del piano di modernizzazione della rete mobile con Single RAN per Telecom Italia, Wind e Vodafone.

Nel 2011 Huawei ha delocalizzato a Milano il Centro Globale di Ricerca e Sviluppo per le Tecnologie Microwave, attribuendogli funzioni di quartier generale con responsabilità a livello globale. Il Centro è focalizzato sulle tecnologie wireless delle alte frequenze per applicazioni 5G a trasmissione in ponte radio, e fa di Milano la capitale mondiale delle tecnologie microwave nell’organizzazione di Huawei.

Nel 2012 Huawei ha realizzato sul territorio italiano dei test EDGE coordinati dal Ministero dello Sviluppo Economico. Nel 2013 Huawei ha siglato un accordo per la realizzazione della rete ultra veloce di telefonia mobile EDGE dell'operatore Vodafone. Nel 2014 Huawei e Telecom Italia siglano un accordo di cooperazione della durata di tre anni per la realizzazione in Italia di un Business Innovation Center.

Nel 2013 Huawei lancia Ascend P6, uno smartphone Android presentato come il più sottile al mondo. Il 30 ottobre 2013 l'azienda firma un accordo triennale di sponsorizzazione con la società calcistica del Milan[9]. Nel 2014 Huawei lancia nel mercato italiano lo smartphone top di gamma Ascend P7 e gli smartphone con connettività LTE Ascend Mate7, octa-core con tecnologia di lettura delle impronte digitali, e Ascend G7.

Nel 2014 Huawei celebra 1 milione di smartphone consegnati in Italia. Nel settembre 2015 Huawei presenta all'Ifa 2015 il nuovo Mate S[10], un dispositivo di fascia alta che conferma come l'azienda cinese abbia già da tempo incominciato un riposizionamento nella parte top del mercato. Huawei è dal 3º trimestre 2015 il secondo produttore[11] di dispositivi Android per numero di vendite dopo Samsung nei 5 principali mercati europei.

Nei primi mesi del 2016 Huawei ha avviato la distribuzione del nuovo Huawei P9, le cui versioni normale e plus hanno la fotocamera sviluppata insieme con l'azienda Leica. A ottobre del 2016, Huawei apre a Milano e Roma i suoi primi centri di assistenza diretta in Europa. In Italia nel dicembre 2016 Huawei ha inaugurato a Pula (CA) un Joint Innovation Center in società con il CRS4 (Centro di Ricerca, Sviluppo e studi superiori della Regione Sardegna). È il primo laboratorio dedicato a progetti di ricerca sulle Smart & Safe City dedicato alle imprese e alla Pubblica Amministrazione. Nel progetto sono coinvolte le pubbliche amministrazioni locali, istituti di ricerca e università della Sardegna.

Il 30 novembre 2017 apre a Milano il primo "Huawei Experience Store" d'Europa.

NomeModifica

Non esistono dichiarazioni ufficiali in merito all'interpretazione del significato di Huawei. Il nome 华为 (pronunciato "huá wéi") è traslitterato in inglese in Huawei. Il carattere semplificato 华 (huá) significa "fiore", "fiorente", "prospero", "magnifico", "splendido", ma è anche usato per indicare la Cina, e ciò che è "cinese". Il carattere 为 (wéi) significa al contempo "atto", "azione" ed "essere", "essenza". La combinazione dei due caratteri può essere differentemente tradotta come "essere fiorente", "azione magnifica", "la Cina sa fare".

Dati economiciModifica

Nel 2017 ha registrato un fatturato di $ 92,549 miliardi con un utile pari a 7,2 miliardi.[1]

SmartphoneModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Lista dei telefoni Huawei.
  • Huawei Ascend Y520
  • Huawei Ascend Y600
  • Huawei Ascend Y625
  • Huawei Ascend P1
  • Huawei Ascend P2
  • Huawei Ascend P6
  • Huawei Ascend P7
  • Huawei P8 Lite Smart
  • Huawei P Smart
  • Huawei P Smart+
  • Huawei P Smart 2019
  • Huawei P Smart+ 2019
  • Huawei P8 Lite
  • Huawei P8
  • Huawei P8 Max
  • Huawei P8 Lite 2017
  • Huawei P9 Lite
  • Huawei P9
  • Huawei P9 Plus
  • Huawei P10 Lite
  • Huawei P10
  • Huawei P10 Plus
  • Huawei P20 Lite
  • Huawei P20
  • Huawei P20 Pro
  • Huawei P30
  • Huawei P30 Pro
  • Huawei Mate S
  • Huawei Mate 7
  • Huawei Mate 8
  • Huawei Mate 9
  • Huawei Mate 9 Pro
  • Huawei Mate 9 Porsche Design
  • Huawei Mate 10 Pro
  • Huawei Mate 10 Porsche Design
  • Huawei Mate 10
  • Huawei Mate RS Porsche Design
  • Huawei Mate 20 Lite
  • Huawei Mate 20
  • Huawei Mate 20 pro
  • Huawei Mate 20 X
  • Huawei U8150
  • Huawei Ascend Mate7
  • Huawei Ascend G615
  • Huawei Nexus 6P
  • Huawei G7
  • Huawei G Play Mini
  • Huawei ShotX
  • Huawei GX8
  • Huawei GT3
  • Huawei Nova Young
  • Huawei Nova Smart
  • Huawei Nova Lite+
  • Huawei Nova
  • Huawei Nova Plus
  • Huawei Y3II
  • Huawei Y5II
  • Huawei Y6II
  • Huawei Y3
  • Huawei Y5
  • Huawei Y6
  • Huawei Y6 Pro 2017
  • Huawei Y635
  • Huawei Y5 2018
  • Huawei Y6 2018
  • Huawei Y7 2018
  • Huawei Y9 2018

NoteModifica

  1. ^ a b c Huawei 2018 Annual Report: Solid Growth and Sustained Investment in the Future, su www-file.huawei.com. URL consultato il 30 marzo 2018.
  2. ^ Pronuncia "uàuei".
  3. ^ Huawei Contacts, su huawei. URL consultato il 2 novembre 2018.
  4. ^ Peter Griffin, China's technological challenger, The New Zealand Herald, 2007. URL consultato il 14 maggio 2010 (archiviato dall'url originale il 29 settembre 2007).
  5. ^ Investimenti Huawei 2017, su repubblica.it.
  6. ^ (EN) Daisuke Wakabayashi e Alan Rappeport, A Top Huawei Executive Is Arrested in Canada for Extradition to the U.S., in The New York Times, 5 dicembre 2018. URL consultato il 6 dicembre 2018.
  7. ^ Federico Rampini, Huawai, arresto Meng Wanzhou: un duro colpo alle relazioni diplomatiche, su repubblica.it, 6 dicembre 2018. URL consultato l'8 dicembre 2018.
  8. ^ Niccolò Roli, Ban Huawei sospeso: 90 giorni di proroga fino al 19 agosto, poi si vedrà, su hdblog.it, 22 maggio 2019. URL consultato il 25 maggio 2019.
  9. ^ Milan un po' più cinese: accordo di sponsorizzazione con Huawei - Il Sole 24 ORE, su www.ilsole24ore.com. URL consultato il 2 novembre 2018.
  10. ^ Huawei Mate S presentato all'Ifa 2015 - androidnotizie.it, in androidnotizie.it, 3 novembre 2015. URL consultato il 2 novembre 2018.
  11. ^ (EN) Huawei emerges as 2nd largest Android brand in EU5 - Global site - Kantar Worldpanel, su www.kantarworldpanel.com. URL consultato il 2 novembre 2018.

Voci correlateModifica

  • HiSilicon, società interamente posseduta da Huawei, produttrice dei SoC KIRIN e K3

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN126906150 · ISNI (EN0000 0000 8743 5787 · LCCN (ENn2010015606 · GND (DE1068466766 · BNF (FRcb17074707w (data)