Apri il menu principale

Humphrey Stafford, I duca di Buckingham

militare inglese
Humphrey Stafford in una stampa di fine Settecento

Humphrey Stafford, sesto conte di Stafford e primo duca di Buckingham (15 agosto 140210 luglio 1460), è stato un militare inglese che partecipò come comandante militare sia alla guerra dei cent'anni contro la Francia, sia alla guerra delle due rose. Venne insignito del titolo di duca di Buckingham nel 1444 e perse la vita durante una delle battaglie della guerra delle due rose.

Indice

Gli incarichi e i titoliModifica

Humphrey nacque a Stafford, nella regione inglese dello Staffordshire, figlio del conte Edmund Stafford e di sua moglie Anne di Gloucester, di stirpe reale essendo la figlia di Thomas Woodstock, I duca di Gloucester ultimogenito di Edoardo III d'Inghilterra. Quando Humphrey aveva un anno suo padre morì alla Battaglia di Shrewsbury nel luglio del 1403 ed egli divenne possessore di numerose terre oltre che del titolo di sesto conte di Stafford. Le proprietà di cui divenne il padrone erano sparse in diverse contee, ma più della metà erano di appannaggio della madre motivo per cui egli ricevette una rendita ridotta, pari a poco meno di 1260 £, fino al compimento del suo sedicesimo compleanno. Fino a che non divenne maggiorenne Humphrey fu posto sotto la tutela reale di Enrico IV d'Inghilterra e della moglie Giovanna di Navarra[1]. Il 22 aprile 1421, all'età di diciannove anni, divenne cavaliere e nel 1424 entrò a far parte del Consiglio Privato, dopo che era già entrato a far parte del consiglio di reggenza a seguito della morte di Enrico V d'Inghilterra avvenuta nel 1422. In queste vesti esercitò una moderata influenza sulle lotte di potere che in quegli anni si consumarono fra Humphrey di Lancaster ed Enrico Beaufort entrambi parenti del giovane Enrico VI d'Inghilterra[1]. Per i suoi meriti e per la nobiltà della sua nascita venne insignito del titolo di membro dell'Ordine della Giarrettiera nel 1429. Per due anni, tra il 1430 ed il 1432 fu Lieutenant-General (Luogotenente Generale) di Normandia e nel 1431 fu nominato conte di Perche, una provincia normanna occupata dagli inglesi e controllata da re Enrico VI. Questo titolo era molto importante per quello che riguardava la salvaguardia dei territori controllati dalla corona inglese in terra francese. Alla morte della madre nel 1438 Humphrey ricevette quanto restava della sua eredità compreso il titolo di Conte di Buckingham il 14 settembre 1444 egli fu nominato primo duca di Buckingham facendo di lui uno dei più grandi proprietari terrieri d'Inghilterra. Tre anni dopo gli venne donata la precedenza su ogni altro duca che non fosse di sangue reale. A dispetto di tutti questi onori durante il periodo in cui fu Capitano di Calais Humphrey fu spesso in difficoltà con le spese, egli era infatti responsabile che l'intera guarnigione venisse stipendiata e quando lasciò l'incarico nel 1451 la corona gli era debitrice di una somma ingente che non era ancora stata ripagata. Nel 1450 Humphrey divenne Lord guardiano dei cinque porti e Conestabile del Castello di Dover, rappresentò la corona nei colloqui di pace con la Francia fra il 1445 e il 1446 e fu fra coloro che arrestarono Humphrey di Lancaster il 18 febbraio 1447 con l'accusa di tradimento.

La guerra dei cuginiModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Guerra delle due rose.

Fin dal 1451 il Consiglio privato andò nelle mani di Edmund Beaufort, II duca di Somerset ed Humphrey lo supportò nel tentativo di mantenere la pace fra lui e Riccardo Plantageneto, III duca di York. Dall'agosto 1453 Enrico VI andò in una sorta di stato catatonico e York venne nominato Protettore del regno, quando il re si riprese due anni dopo annullò molte delle decisioni da lui prese e in breve scoppiò la guerra che divenne nota come la Guerra delle due rose. Per quanto Humphrey fosse un sostenitore di Somerset e per quanto sua figlia Margaret fosse sposata con Edmund Beaufort, II duca di Somerset egli era restio a prendere le armi per schierarsi con lui. Quando Somerset venne arrestato per ordine di York Humphrey riuscì a farlo rilasciare nel febbraio 1455 ed egli stava cercando ancora di mediare la pace alla vigilia della Prima battaglia di St Albans il 22 maggio. Humphrey comandò uno dei contingenti di Enrico e benché la battaglia portò con sé poche perdite vide non solo la vittoria di York, ma anche la morte di Somerset che cadde nello scontro ed egli stesso venne catturato. York era riuscito a piegare la politica inglese al proprio comando, si nominò Conestabile d'Inghilterra e quando Enrico tornò ad ammalarsi egli tornò ad essere il Protettore del regno Humphrey cercò di mantenere un rapporto civile con York e per questo perse la stima della regina Margherita d'Angiò, egli si oppose alla decisione della sovrana di togliere il proprio fratellastro Henry Bourchier, I conte di Essex (fra il 1404 e il 1406-4 aprile 1483) e Thomas Bourchier rispettivamente dagli incarichi di Lord gran tesoriere e Vescovo quanto ella disapprovò il fatto che egli più di una volta supportò York nelle decisioni di stampo militare. Alla fine comunque Humphrey si schierò con i Lancaster e accompagnò Margherita all'incontro con gli York che si tenne il 2 marzo 1458 e che doveva essere un tentativo di pacificazione. Quando nell'autunno 1459 le ostilità si rinfocolarono nuovamente sfociando nella Battaglia di Ludford Bridge egli combatté contribuendo alla disfatta degli yorkisti e venne ricompensato con diverse terre provenienti dalle proprietà di William Odhall (1390forse-1460)[1]. Richard Neville, XVI conte di Warwick ricompattò quindi le proprie forze attraccando a Sandwich nel luglio del 1460. La Battaglia di Northampton si andava profilando ed Humphrey non si dichiarò disposto ad ulteriori conciliazioni con gli inviati mandati da Warwick. La battaglia scoppiò il 10 luglio 1460 e le sue sorti furono cambiate dall'improvviso volta faccia di Edmund Grey, I conte di Kent (26 ottobre 1416-22 maggio 1490) che ordinò ai propri uomini di deporre le armi e permettere il passaggio degli yorkisti. Nello scontro Humphrey perse la vita insieme a John Talbot, II conte di Shrewsbury e a Thomas Percy, I barone di Egremont

FamigliaModifica

Stafford sposò Anne Neville (1414-1480) figlia di Ralph Neville e di Joan Beaufort, contessa di Westmoreland prima del 18 ottobre 1424 presso Castello di Raby. Dalla loro unione nacquero dieci figli, sei maschi e quattro femmine:

Humphrey Stafford Padre:
Edmund Stafford, V conte di Stafford
Nonno paterno:
Hugh de Stafford, II conte di Stafford
Bisnonno paterno:
Ralph Stafford, primo conte Stafford
Trisnonno paterno:
Edmund de Stafford, I barone Stafford
Trisnonna paterna:
Margaret Bassett
Bisnonna paterna:
Margaret de Audley, II baronessa Audley
Trisnonno paterno:
Hugh de Audley, I conte di Gloucester
Trisnonna paterna:
Margaret de Clare
Nonna paterna:
Philippa de Beauchamp
Bisnonno paterno:
Thomas de Beauchamp, XI conte di Warwick
Trisnonno paterno:
Guy de Beauchamp, X conte di Warwick
Trisnonna paterna:
Alice de Toeni
Bisnonna paterna:
Katherine Mortimer
Trisnonno paterno:
Ruggero Mortimer, I conte di March
Trisnonna paterna:
Giovanna de Geneville, II baronessa di Geneville
Madre:
Anne di Gloucester
Nonno materno:
Thomas Woodstock, I duca di Gloucester
Bisnonno materno:
Edoardo III d'Inghilterra
Trisnonno materno:
Edoardo II d'Inghilterra
Trisnonna materna:
Isabella di Francia
Bisnonna materna:
Filippa di Hainaut
Trisnonno materno:
Guglielmo I di Hainaut
Trisnonna materna:
Giovanna di Valois (1294-1342)
Nonna materna:
Eleanor de Bohun
Bisnonno materno:
Humphrey di Bohun, VII conte di Hereford
Trisnonno materno:
William de Bohun, I conte di Northampton
Trisnonna materna:
Elizabeth de Badlesmere
Bisnonna materna:
Joan de Bohun, Contessa di Hereford
Trisnonno materno:
Richard FitzAlan, X conte di Arundel
Trisnonna materna:
Eleanor di Lancaster

NoteModifica

BibliografiaModifica

  • Rawcliffe, Carole. The Staffords, Earls of Stafford and Dukes of Buckingham 1394–1521. Cambridge University Press, 1978.
  • Haigh, Philip A. (1995). Military campaigns of the Wars of the Roses. Far Thrupp, Stroud, Gloucestershire: A. Sutton.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN88545532 · LCCN (ENno2009080698 · WorldCat Identities (ENno2009-080698