Apri il menu principale
I cavalieri dell'onore
Streets of Laredo (film).JPG
William Holden (Jim Dawkins)
Titolo originaleStreets of Laredo
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno1949
Durata93 min
Rapporto1.37 : 1
Generewestern
RegiaLeslie Fenton
SoggettoLouis Stevens, Elizabeth Hill
SceneggiaturaCharles Marquis Warren, King Vidor
ProduttoreRobert Fellows
Casa di produzioneParamount Pictures
Distribuzione in italianoParamount
FotografiaRay Rennahan
MontaggioArchie Marshek
MusicheVictor Young
ScenografiaHenry Bumstead, Hans Dreier (art director)
Sam Comer, Bertram C. Granger (set decorator)
TruccoHedy Mjorud, Wally Westmore
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

I cavalieri dell'onore (Streets of Laredo) è un film del 1949 diretto da Leslie Fenton.

È un film western statunitense con William Holden, Macdonald Carey, Mona Freeman e William Bendix. È un remake di I cavalieri del Texas del 1936.

TramaModifica

ProduzioneModifica

Il film, diretto da Leslie Fenton su una sceneggiatura di Charles Marquis Warren e King Vidor con il soggetto di Louis Stevens e Elizabeth Hill (autori della sceneggiatura originale de I cavalieri dell'onore liberamente ispirata al romanzo The Texas Rangers di Walter Prescott Webb[1]), fu prodotto da Robert Fellows[2] per la Paramount Pictures[3] e girato nel ranch di Corriganville a Simi Valley, a Gallup nel Nuovo Messico, nel Melody Ranch a Newhall e nel Paramount Ranch ad Agoura, in California,[4] dal 13 luglio 1948 al 17 settembre 1948.[5]

Colonna sonoraModifica

DistribuzioneModifica

Il film fu distribuito con il titolo Streets of Laredo negli Stati Uniti dal 27 maggio 1949 (première a New York l'11 maggio)[6] al cinema dalla Paramount Pictures.[3]

Altre distribuzioni:[6]

  • in Svezia il 7 novembre 1949 (Striden på Laredos gator)
  • in Francia il 30 marzo 1950 (La chevauchée de l'honneur e, in DVD, Streets of Laredo)
  • in Danimarca il 10 aprile 1950
  • in Finlandia il 21 aprile 1950 (He kuolivat uhmaten)
  • in Portogallo il 7 luglio 1950 (A Caminho do Inferno)
  • in Giappone il 18 luglio 1951
  • in Germania Ovest il 15 aprile 1953 (Die Todesreiter von Laredo)
  • in Austria nel maggio del 1953 (Die Todesreiter von Laredo)
  • in Spagna il 1º aprile 1956 (Tres tejanos)
  • in Svezia il 10 ottobre 1959 (redistribuzione)
  • in Finlandia il 20 maggio 1960 (redistribuzione)
  • in Danimarca il 18 settembre 1961 (redistribuzione)
  • in Danimarca il 28 settembre 1964 (redistribuzione)
  • in Spagna il 15 ottobre 2008 (in DVD)
  • in Germania il 30 gennaio 2009 (in DVD)
  • in Grecia (I pagida tou tromou)
  • in Brasile (Os Mosqueteiros do Mal)
  • in Italia (I cavalieri dell'onore)

CriticaModifica

Secondo Leonard Maltin il film è un "confuso western".[7]

PromozioneModifica

Le tagline sono:[8]

  • "No man can kill a Texas Ranger... and get away with it!".
  • "RIDE TO WILD ADVENTURE...With The Texas Rangers And Their "Blonde Bobcat"!".
  • "HERE'S THE BIG THRILL-STORY OF THE FIRST TEXAS RANGERS!".
  • "Three Outlaw Buddies And A "blonde Bobcat" Fighting For Life And Love On The Bullet-Swept "STREETS OF LAREDO"".

NoteModifica

  1. ^ (EN) I cavalieri dell'onore - American Film Institute, su afi.com. URL consultato il 17 aprile 2013.
  2. ^ (EN) I cavalieri dell'onore - IMDb - Cast e crediti completi, su imdb.com. URL consultato il 17 aprile 2013.
  3. ^ a b (EN) I cavalieri dell'onore - IMDb - Crediti per le compagnie, su imdb.com. URL consultato il 17 aprile 2013.
  4. ^ (EN) I cavalieri dell'onore - IMDb - Luoghi delle riprese, su imdb.com. URL consultato il 17 aprile 2013.
  5. ^ (EN) I cavalieri dell'onore - IMDb - Box office / incassi, su imdb.com. URL consultato il 17 aprile 2013.
  6. ^ a b (EN) I cavalieri dell'onore - IMDb - Date di uscita, su imdb.com. URL consultato il 17 aprile 2013.
  7. ^ Leonard Maltin, Guida ai film 2009[collegamento interrotto], Dalai editore, 2008, p. 367, ISBN 8860181631. URL consultato il 17 aprile 2013.
  8. ^ (EN) I cavalieri dell'onore - IMDb - Tagline, su imdb.com. URL consultato il 17 aprile 2013.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema