Apri il menu principale

I figli della Terra

I figli della Terra è una serie di romanzi fantasy storici scritti da Jean M. Auel, ambientati all'incirca 30.000 anni fa, nel periodo della preistoria, prima dell'ultima glaciazione.

Il sesto romanzo è stato pubblicato nel 2011. L'annuncio è stato dato direttamente dalla casa editrice Crown, che ha contemporaneamente smentito la pubblicazione di un settimo episodio.[1]

TramaModifica

Il ciclo narra le avventure di Ayla, una donna Cro-Magnon che, orfana, viene allevata da un gruppo di Neanderthal. Successivamente, scacciata dal gruppo che la considera troppo diversa, conosce gli altri (la sua specie) nella persona di Giondalar, un uomo con il quale instaurerà un rapporto dapprima diffidente che sfocerà nell'amore. Le successive avventure si snodano attraverso il lungo viaggio, dall'Ucraina alla Francia meridionale, che porterà i due a ritrovare il villaggio natale di Giondalar.

Nel complesso, la serie costituisce un romanzo di formazione. Nonostante poi gli elementi di pura fantasia (i protagonisti sono di fatto gli sviluppatori di tutte le prime tecnologie umane, come la pietra focaia, l'addomesticazione degli animali selvatici, il propulsore per le lance) e nonostante la trama a tratti decisamente rosa, presenta spunti interessanti riguardanti la botanica, la fitoterapia e l'erboristeria, l'antropologia e l'archeologia.

Su questi ultimi aspetti, l'autrice sembra sposare la teoria della possibile commistione Neanderthal-Cromagnon, teoria dibattuta da un punto di vista paleoantropologico per tutto il XX secolo e affrontata a livello genetico negli anni duemila dal Max Planck Institute di Lipsia. Gli studi in questione hanno constatato una leggera correlazione del Neanderthal all'uomo moderno, specie fuori dall'Africa.[2]

NoteModifica

  1. ^ Publisher Weekly, URL consultato il 05-07-2010.
  2. ^ Max Planck Institute for Evolutionary Anthropology, URL consultato il 05-07-2010.

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica