Il demonio

film del 1963 diretto da Brunello Rondi
Il demonio
Il demonio (film).JPG
Daliah Lavi in una scena del film
Lingua originaleitaliano
Paese di produzioneItalia, Francia
Anno1963
Durata105 min
Dati tecniciB/N
rapporto: 1,66:1
Generedrammatico, orrore
RegiaBrunello Rondi
SoggettoBrunello Rondi
SceneggiaturaBrunello Rondi
ProduttoreUgo Guerra, Federico Magnaghi, Luciano Martino
Casa di produzioneLes Films Marceau-Cocinor, Titanus, Vox Films, Devon Film
Distribuzione in italianoTitanus Distribuzione
FotografiaCarlo Bellero
MontaggioMario Serandrei
MusichePiero Piccioni
ScenografiaAndrea Fantacci
CostumiAnna Maria Palleri
TruccoFrancesco Freda
Interpreti e personaggi

Il demonio è un film del 1963, diretto da Brunello Rondi.

Ispirato agli studi antropologici di Ernesto de Martino in Basilicata, è tra le prime pellicole sul tema delle possessioni, filone reso popolare da L'esorcista,[1] benché il film sia più considerato una denuncia contro l'arretratezza e il bigottismo del suo tempo, che porta un individuo anticonformista ad un forte disagio, sfociando nella follia.[2]

TramaModifica

In un borgo rurale della Lucania, la contadina Purificata (detta "Purif") è disperata perché l'uomo che ama, Antonio, con il quale aveva avuto una relazione in passato, è promesso a un'altra. Dopo essere stata rifiutata più volte da lui, Purificata gli scaglia contro il malocchio e si dà alla fuga. La donna inizia a manifestare altri bizzarri comportamenti che intimoriscono i suoi compaesani, convinti che sia posseduta dal Demonio. A seguito di alcuni eventi la donna viene sottoposta a un esorcismo e ad alcuni riti di bassa magia cerimoniale (durante uno dei quali viene stuprata) con il fine di liberarla dalle presunte forze demoniache. Allontanata dal villaggio, dopo aver rischiato il linciaggio dei suoi compaesani, trova rifugio in un convento, dove vive finché gli abitanti del villaggio, guidati da Antonio, non la raggiungono.

ProduzioneModifica

Le riprese sono state effettuate in Basilicata: a Matera, Montescaglioso e Miglionico.[3]

Influenza culturaleModifica

Si ritiene che il film di Rondi abbia esercitato una certa influenza su L'esorcista, non solo per alcuni spunti narrativi ma anche per la presenza di una scena in cui la protagonista Daliah Lavi si esibisce in una camminata a quattro zampe con il ventre all'insù, che ricorda il noto spider walk di Regan MacNeil nel film di William Friedkin.[1][4]

Il personaggio di Purif sembra aver ispirato anche la maciara interpretata da Florinda Bolkan in Non si sevizia un paperino di Lucio Fulci.[2]

NoteModifica

  1. ^ a b Il demonio, il film che ha ispirato l'esorcista di William Friedkin, su cinema.everyeye.it. URL consultato il 6 dicembre 2020.
  2. ^ a b Il demonio, di Brunello Rondi (1963), su re-movies.com. URL consultato il 9 dicembre 2020.
  3. ^ Film girati a Matera, su sassiweb.it. URL consultato il 15 gennaio 2010.
  4. ^ Il demonio" lucano di Brunello Rondi, su ilmattinodifoggia.it. URL consultato il 6 dicembre 2020.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema