Il forte del massacro

film del 1959 diretto da Joseph M. Newman
Il forte del massacro
Titolo originaleFort Massacre
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno1958
Durata80 min
Rapporto2.35 : 1
Generewestern
RegiaJoseph M. Newman
SceneggiaturaMartin Goldsmith
ProduttoreWalter Mirisch
Casa di produzioneMirisch Corporation
FotografiaCarl E. Guthrie
Effetti specialiDaniel Hays
MusicheMarlin Skiles
CostumiBert Henrikson
TruccoEmile LaVigne
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Il forte del massacro (Fort Massacre) è un film del 1958 diretto da Joseph M. Newman.

È un western statunitense con Joel McCrea, Forrest Tucker e Susan Cabot.

TramaModifica

ProduzioneModifica

Il film, diretto da Joseph M. Newman su una sceneggiatura di Martin Goldsmith, fu prodotto da Walter Mirisch[1] tramite la Mirisch Corporation (compagnia fondata dai fratelli Walter, Marvin e Harold Mirisch)[2] e girato a Gallup e nel Red Rock State Park a Church Rock, in Nuovo Messico, e a Kanab, nello Utah,[3] dal 9 ottobre 1957. Per le riprese con gli indiani furono utilizzate come comparse alcuni nativi della tribù dei Navajo del Nuovo Messico.[4]

DistribuzioneModifica

Il film fu distribuito con il titolo Fort Massacre negli Stati Uniti nel maggio 1958[5] (première a Los Angeles il 14 maggio 1958[4]) al cinema dalla United Artists.[2]

Altre distribuzioni:[5]

  • in Finlandia il 1º agosto 1958 (Surmanpartio)
  • in Svezia l'8 settembre 1958 (Fort Massacre)
  • in Danimarca il 24 novembre 1958 (Fort Massakre)
  • in Germania Ovest il 28 novembre 1958 (Die Letzten der 2. Schwadron)
  • in Austria nel gennaio del 1959 (Die Letzten der 2. Schwadron)
  • in Belgio il 6 febbraio 1959
  • in Francia il 22 luglio 1959 (Fort Massacre) (Sergent Vinson)
  • in Giappone il 9 luglio 1960
  • in Iran il 4 aprile 1962
  • in Brasile (Forte Massacre)
  • in Grecia (To ohyro tis megalis sfagis)
  • in Iran (Ghale koshtar)
  • in Italia (Il forte del massacro)
  • nei Paesi Bassi (De vuist van satan)
  • nei Paesi Bassi (Het duivelsfort)

CriticaModifica

Secondo il Morandini è un "film di routine con velleità psicologiche mal riposte".[6]

PromozioneModifica

La tagline è: THE WEST'S MOST SAVAGE STORY OF HATE, PRIDE AND CUNNING!.[7]

NoteModifica

  1. ^ (EN) IMDb - Cast e crediti completi, su imdb.com. URL consultato il 29 gennaio 2014.
  2. ^ a b (EN) IMDb - Crediti per le compagnie, su imdb.com. URL consultato il 29 gennaio 2014.
  3. ^ (EN) IMDb - Luoghi delle riprese, su imdb.com. URL consultato il 29 gennaio 2014.
  4. ^ a b (EN) American Film Institute, su afi.com. URL consultato il 29 gennaio 2014.
  5. ^ a b (EN) IMDb - Distribuzioni, su imdb.com. URL consultato il 29 gennaio 2014.
  6. ^ MYmovies, su mymovies.it. URL consultato il 29 gennaio 2014.
  7. ^ (EN) IMDb - Tagline, su imdb.com. URL consultato il 29 gennaio 2014.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema