Apri il menu principale

Il reato di Paperino

film cortometraggio d'animazione del 1945 diretto da Jack King
Il reato di Paperino
Titolo originaleDonald's Crime
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno1945
Durata8 min
Rapporto1.37:1
Genereanimazione, commedia
RegiaJack King
SceneggiaturaRalph Wright
ProduttoreWalt Disney
Casa di produzioneWalt Disney Productions
Distribuzione in italianoBuena Vista Distribution
MusicheEdward H. Plumb
ScenografiaErnie Nordli
AnimatoriPaul Allen, Joshua Meador, Harvey Toombs, Don Towsley
SfondiMerle Cox
Doppiatori originali
Doppiatori italiani
Doppiaggio originale (1984)

Ridoppiaggio (1993)

Il reato di Paperino (Donald's Crime) è un film del 1945 diretto da Jack King. È un cortometraggio animato della serie Donald Duck, prodotto dalla Walt Disney Productions e uscito negli Stati Uniti il 29 giugno 1945, distribuito dalla RKO Radio Pictures. Il cartone animato, che fa una parodia dei film noir all'epoca popolari, segue Paperino mentre lotta con il senso di colpa dopo aver rubato 1,25 dollari ai suoi nipoti. Questa fu la prima performance di Gloria Blondell come Paperina e segna il debutto della voce "normale" del personaggio. Il suo ultimo ruolo parlato era stato in Paperino e l'appuntamento, dove era stata doppiata da Clarence Nash e aveva una voce da anatra come Paperino.

Il reato di Paperino fu nominato per un Oscar al miglior cortometraggio d'animazione ai Premi Oscar 1946, ma perse a favore di Silenzio, prego!, un film della serie Tom & Jerry. Fu la quarta nomination per un film della serie Donald Duck.[1]

Indice

TramaModifica

Una sera, mentre attende con impazienza un appuntamento con Paperina, Paperino si rende conto di non avere soldi. Poi vede il salvadanaio di Qui, Quo e Qua e, dopo una breve battaglia con la sua coscienza, lo prende. Dopo aver mandato i nipoti a letto, Paperino rompe il salvadanaio, prende i soldi (per un totale di 1,25 dollari), e va all'appuntamento con Paperina.

Più tardi quella sera, Paperino porta a casa Paperina. Lei lo bacia e lo chiama "campione". Mentre Paperino torna a casa, però, la sua coscienza inizia a fargli capire che ha commesso un reato. Paperino comincia a sentirsi in colpa per aver rubato i soldi e si mette a correre, immaginando che la polizia lo stia inseguendo. Col tempo le sue visioni diventano sempre più disturbate e da incubo, fino a fargli credere di essere in carcere.

Paperino si imbatte però in un cartello fuori da un bar, dove si cerca un lavapiatti. Così il Papero decide di lavorare tutta la notte per ripagare i nipoti, mettendo per sbaglio nel loro salvadanaio anche una moneta in più. Tuttavia, quando i nipoti svegliano, vedono Paperino che cerca di riprendere la moneta dal salvadanaio ricostruito, e cominciano a piangere. E la coscienza di Paperino gli dice: "Hai visto, amico? Il crimine non paga mai".

DistribuzioneModifica

Edizione italianaModifica

Il corto dispone di due doppiaggi italiani. Il primo del 1984 è stato incluso nella VHS Buon compleanno Paperino. Il secondo del 1993 è invece trasmesso in TV e pubblicato nelle edizioni VHS e DVD del film Basil l'investigatopo.

Edizioni home videoModifica

VHSModifica

DVDModifica

Il cortometraggio è incluso, come contenuto speciale, nel DVD di Basil l'investigatopo.

NoteModifica

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica