Imposta sul valore aggiunto

Nota disambigua.svg Disambiguazione – "IVA" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi IVA (disambigua).

L'imposta sul valore aggiunto, in acronimo IVA, è un'imposta – adottata in sessantotto Paesi del mondo (tra i quali anche vari membri dell'UE) – applicata sul valore aggiunto di ogni fase della produzione, di scambio di beni e servizi.

Indice

Cenni storiciModifica

La trasformazione dell'IGE in IVA ha risposto all'esigenza di armonizzare il nostro sistema tributario con quelli degli altri Paesi Comunitari. Tutti gli stati aderenti alla UE si sono uniformati a uno dei principi ispiratori dei Trattati di Roma (1957), inteso a realizzare "uno sviluppo armonioso delle attività economiche nell'insieme della Comunità" (art. 2), anche se rimangono ancora differenze sensibili fra le aliquote dell'imposta nei diversi paesi. L'IVA è stata introdotta in Italia con il DPR n. 633/1972[1], in seguito più volte integrato e modificato allo scopo di adeguarne la disciplina alle successive direttive della Comunità Europea. Le imposte indirette sugli scambi (dette "sugli affari") occupano un posto di rilievo nei moderni ordinamenti tributari, per il notevole gettito che assicurano. In Italia, l'IVA fornisce quasi il 30% degli incassi tributari dello Stato, e circa il 60% di quelli delle imposte indirette.[2]

Ambito di applicazioneModifica

Basi imponibiliModifica

Nella teoria economica ci sono tre tipi di basi imponibili, dipendenti dalla definizione di valore aggiunto:

  • Tipo prodotto (VAp)
  • Tipo reddito (VAr)
  • Tipo consumo (VAc)

La differenza si basa sulla deducibilità delle spese di investimento: nel tipo prodotto nessuna spesa di investimento è deducibile, pertanto la base imponibile è il prodotto lordo (PL); nel tipo reddito sono deducibili le spese per accantonamenti per ammortamenti (PL-Invs); nel tipo consumo sono deducibili gli acquisti di beni strumentali nell'anno in cui vengono compiuti (PL-Invs-Inva).

Metodi di calcoloModifica

Valore aggiuntoModifica

L'imposta sul valore aggiunto può essere calcolata generalmente con due metodi, uno dei quali però più articolato.

  • Per addizione: in questo caso si applica semplicemente l'aliquota dell'imposta alla somma delle remunerazioni dovute ai fattori produttivi (L+IP+∏)
  • Per sottrazione:
    • su base effettiva: aliquota applicata alla differenza fra valore dei beni prodotti in un dato arco temporale e valore delle materie prime impiegate alla produzione
    • su base finanziaria
base da base: si applica l'aliquota alla differenza tra fatturato delle vendite realizzato in un dato arco temporale e tra il fatturato degli acquisti di materie prime dello stesso periodo. A questo vanno aggiunte le dovute ed eventuali quote di ammortamento o il fatturato di acquisti di beni strumentali a seconda della definizione di base imponibile. In altre parole l'aliquota dell'imposta (tc) viene moltiplicata alla differenza fra le vendite (V) e gli acquisti (A)
Imposta da imposta: si sottrae dall'imposta riscossa sui beni prodotti e venduti l'imposta pagata sugli acquisti di materie prime (e di beni strumentali in caso di IVA consumo) compiuti nel medesimo periodo. In altre parole si applica l'aliquota tc a ciascun valore di vendita che sottrae l'aliquota tc per ciascun acquisto
Ti.d.i. = (tc*V) - (tc*A)

Tale ultimo sistema (detrazione imposta da imposta) è stato preso come modello dalle direttive CEE per la creazione di un sistema comune sulla cifra d'affari nei Paesi europei.

Il sistema, così come è concepito, non ha più uno stretto collegamento con il “valore aggiunto”, anche se la denominazione è rimasta tale per motivi “storici”.

In particolare la detrazione “imposta da imposta” consente:

  • Variazioni di aliquota nei vari stadi (dalla produzione alla commercializzazione) senza incidere nel totale dell'imposta che grava il bene al consumo.
  • Esenzioni in uno qualsiasi degli stadi.
  • Massima trasparenza, in qualsiasi stadio, sull'ammontare dell'imposta assolta fino a quello stadio.
  • Conseguentemente la possibilità di detassare il bene (con particolare riguardo all'esportazione).
  • Possibilità di recuperare integralmente una eventuale evasione, purché sia avvenuta in uno stadio precedente a quello finale (dettaglio).

ScorporoModifica

Lo scorporo dell'IVA è un'operazione contabile che consiste nel separare l'IVA dal prezzo comprensivo dell'IVA stessa, determinando l'imponibile.

Formula generale per trovare l'imponibile  , conoscendo il prezzo ivato  , supponendo che l'aliquota sia pari al 22%:

 

Il denominatore è ottenuto sommando l'IVA all'unità: dunque nell'ipotesi dell'IVA al 22%, esso è pari a 1,22.

Legislazioni stataliModifica

ItaliaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Imposta sul valore aggiunto (Italia).

Aliquote nel mondoModifica

Stati membri dell'Unione EuropeaModifica

Stato Valore normale Valore ridotto Abbr. Nome
  Austria 20% 13% (Alimenti per animali e simili) 10%(Generi di prima necessità, giornali, alcuni medicinali) MWSt Mehrwertsteuer
  Belgio 21% 6% o 0% in alcuni casi BTW
TVA
MWSt
Belasting over de toegevoegde waarde
Taxe sur la Valeur Ajoutée
Mehrwertsteuer
  Bulgaria 20%[3] 9%[4] o 0% ДДС Данък добавена стойност
  Croazia 25%[3] 10% o 5% PDV Porez na dodanu vrijednost
  Cipro 19%[3] 5% (9% per taxi e autobus) ΦΠΑ Φόρος Προστιθέμενης Αξίας
  Rep. Ceca 21%[3] 15% DPH Daň z přidané hodnoty
  Danimarca 25%[3][5] nessuno moms Meromsætningsafgift
  Estonia 20%[3] 9% km käibemaks
  Finlandia 24%[3][6] 14% o 10% ALV
Moms
Arvonlisävero
Mervärdesskatt
  Francia 20%[3] 7% o 5,5% (ad esempio sui libri) o 2,1% TVA Taxe sur la valeur ajoutée
  Germania 19% 7% o 0% MwSt./USt. Mehrwertsteuer/Umsatzsteuer
  Grecia 24%[3][7]
(24% sulle isole)
24% per hotel e farmacie)
(24% e 4% sulle isole)
ΦΠΑ Φόρος Προστιθέμενης Αξίας
  Irlanda 23%[3] 13,5% o 9% o 4,8% CBL
VAT
Cáin Bhreisluacha
Value Added Tax
  Italia 22%[3][8] 10% (prodotti turistici, alcuni prodotti alimentari e particolari opere di recupero edilizio), 5% (prestazioni sociali, sanitarie o educative delle cooperative sociali[9]) o 4% (generi alimentari di prima necessità, stampa e libri, opere per l'abbattimento delle barriere architettoniche, sementi, fertilizzanti) IVA Imposta sul Valore Aggiunto
  Lettonia 21%[3] 12% PVN Pievienotās vērtības nodoklis
  Lituania 21%[3] 9% o 5% PVM Pridėtinės vertės mokestis
  Lussemburgo 17%[3] 14% o 8% o 3% TVA Taxe sur la Valeur Ajoutée
  Malta 18%[3] 5% VAT Taxxa tal-Valur Miżjud
  Paesi Bassi 21%[3] 6% o 0% BTW Belasting over de toegevoegde waarde
  Polonia 23%[3] 8% o 5% o 0% PTU/VAT Podatek od towarów i usług
  Portogallo 23%[3][10]
15% a Madeira e nelle Azzorre (minimo 70% del valore normale[11])
13% o 6%
8% o 4% a Madeira e nelle Azzorre (minimo 70% del valore normale[11])
IVA Imposto sobre o Valor Acrescentado
  Regno Unito 20%[3][12] 5% o 0% VAT Value Added Tax
  Romania 19% [13] 9% o 5% per acquisto prime case sono particolari condizioni TVA Taxa pe valoarea adăugată
  Slovacchia 20%[3] 10% o 6% DPH Daň z pridanej hodnoty
  Slovenia 22%[3] 8,5% DDV Davek na dodano vrednost
  Spagna 21%[3][14]
7% nelle Canarie
10% o 4%[15]
2% o 0% nelle Canarie [3][16]
IVA
IGIC
Impuesto sobre el Valor Añadido
Impuesto General Indirecto Canario
  Svezia 25%[3] 12% o 6% Moms Mervärdesskatt
  Ungheria 27%[3] 18% o 5% ÁFA Általános forgalmi adó

Resto del mondoModifica

Stato Valore normale Valore ridotto Nome
  Albania 20% 0% TVSH = Tatimi mbi Vlerën e Shtuar
  Andorra[17] 4,5% 1% IVA = Impost sobre el Valo Afegit
  Azerbaigian 18% 10,5% o 0% ƏDV = Əlavə dəyər vergisi
  Argentina 21% 10,5% o 0% IVA = Impuesto al Valor Agregado
  Armenia 20% 0% AAH = Avelac'vaç aržek'i hark
ԱԱՀ = Ավելացված արժեքի հարկ
  Australia 10% 0% GST = Goods and Services Tax
  Bielorussia 20% 10%[4] ПДВ = Падатак на дададзеную вартасьць
  Barbados 17,5% VAT = Value Added Tax
  Bosnia ed Erzegovina 17% 0% PDV = Porez na dodanu vrijednost
  Brasile 12% + 25% + 5% 0% *IPI - 12% = Imposto sobre produtos industrializados (tassa sui prodotti industriali) - tassa federale
ICMS - 25% = Imposto sobre circulação e serviços (tassa sui servizi e commerci) - tassa statale
ISS - 5% = Imposto sobre serviço de qualquer natureza (tassa su ogni altro servizio) - tassa comunale

*La IPI può giungere fino al 60% per i prodotti importati.
  Bolivia 13% IVA = Impuesto al Valor Agregado
  Canada 5% GST+0%-10%PST(HST) 5%/0% GST = Goods and Services Tax, TPS = Taxe sur les produits et services; HST = Harmonized Sales Tax, TVH = Taxe de vente harmonisée
  Cile 19% IVA = Impuesto al Valor Agregado
  Colombia 16% IVA = Impuesto al Valor Agregado
  Cina 17% 6% o 3% 增值税 (pinyin: zēng zhí shuì)
  Rep. Dominicana 18% 12% o 0% ITBIS = Impuesto sobre Transferencia de Bienes Industrializados y Servicios
  Ecuador 12% IVA = Impuesto al Valor Agregado
  Egitto 10% VAT = Value Added Tax (الضريبة على القيمة المضافة)
  El Salvador 13% IVA = Impuesto al Valor Agregado
  Etiopia 15% VAT = Value Added Tax
  Figi 15% 0% VAT = Value Added Tax
  Georgia 18% 0% DGhG = Damatebuli Ghirebulebis gdasakhadi
დღგ = დამატებული ღირებულების გადასახადი
  Guatemala 12% IVA = Impuesto al Valor Agregado
  Guyana[18] 16% 0% VAT = Value Added Tax
  Iran 3% VAT = Value Added Tax (مالیات بر ارزش افزوده)
  Islanda 25,5% 7% VSK, VASK = Virðisaukaskattur
  India 12,5% 4%, 1%, o 0% VAT = Valued Added Tax
  Indonesia 10% 5% PPN = Pajak Pertambahan Nilai
  Israele 18% Ma'am = מס ערך מוסף
  Giappone 8% Consumption tax = 消費税
  Corea del Sud 10% VAT = 부가세 (附加稅, Bugase) = 부가가치세 (附加價値稅, Bugagachise)
  Jersey 3% 0% GST = Goods and Services Tax
  Giordania 16% GST = Goods and Sales Tax
  Kazakistan 12% ҚCҚ = Қосымша салық құны (Kazakh)
НДС = Налог на добавленную стоимость (Russian)
VAT = Value Added Tax
  Kosovo 16% TVSH = Tatimi mbi Vlerën e Shtuar
  Libano 10% TVA = Taxe sur la valeur ajoutée
  Liechtenstein[19] 8% 3,6% (immobili) o 2,4% MWST = Mehrwertsteuer
  Marocco 20% GST = Goods and Sales Tax (الضريبة على القيمة المضافة)
  Moldavia 20% 8%, 5% o 0% TVA = Taxa pe Valoarea Adăugată
  Macedonia 18% 5% ДДВ = Данок на Додадена Вредност, DDV = Danok na Dodadena Vrednost
  Malesia 10% GST = Goods and Services Tax (tassa governativa)
  Messico 16% 11%, 0% IVA = Impuesto al Valor Agregado
  Montenegro 17% PDV = Poez na dodatu vrijednost
  Mauritius 15% VAT = Value Added Tax
  Nuova Zelanda 15% GST = Goods and Services Tax
  Norvegia 25% 14% o 8% MVA = Merverdiavgift (bokmål) o meirverdiavgift (nynorsk) (colloquialmente moms)
  Palestina 14,5% VAT = Value Added Tax
  Pakistan 16% 1% o 0% GST = General Sales Tax
  Panama 7% ITBMS = Impuesto de Transferencia de Bienes Muebles y Servicios
  Paraguay 10% 5% IVA = Impuesto al Valor Agregado
  Perù 18% IGV = Impuesto General a la Ventas
  Filippine 12% RVAT = Refomed Value Added Tax, conosciuta localmente come Karagdagang Buwis / Dungag nga Buhis
  Russia 18% 10% o 0% НДС = Налог на добавленную стоимость, NDS = Nalog na dobavlennuju stoimost’
  Serbia 18% 8% o 0% ПДВ = Порез на додату вредност, PDV = Porez na dodatu vrednost
  Singapore 7% GST = Goods and Services Tax
  Sudafrica 14% 0% VAT = Valued Added Tax
  Sri Lanka 12%
  Svizzera 8%[20] 3,8% (settore alberghiero) e 2,5% (cibo, libri, quotidiani, medicinali)[20] MWST = Mehrwertsteuer, TVA = Taxe sur la valeur ajoutée, IVA = Imposta sul valore aggiunto, TPV = Taglia sin la Plivalur
  Taiwan 5%
  Thailandia 7% VAT = Value Added Tax, ภาษีมูลค่าเพิ่ม
  Trinidad e Tobago 15%
  Turchia 18% 8% o 1% KDV = Katma değer vergisi
  Ucraina 20% 0% ПДВ = Податок на додану вартість, PDV = Podatok na dodanu vartist’.
  Uruguay 22% 10% IVA = Impuesto al Valor Agregado
  Uzbekistan 20% НДС = Налог на добавленную стоимость
  Vietnam 10% 5% o 0% GTGT = Giá Trị Gia Tăng
  Venezuela 12% 8% o 0% IVA = Impuesto al Valor Agregado

NoteModifica

  1. ^ Agenzia delle Entrate: "Decreto del Presidente della Repubblica del 26 ottobre 1972 n. 633 - Istituzione e disciplina dell'imposta sul valore aggiunto."
  2. ^ "Corso di finanza pubblica", Francesco Poma, ED. Principato ISBN 978-88-416-6096-6
  3. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y EU VAT rates, TMF Group. URL consultato l'11 ottobre 2012.
  4. ^ a b Federation of International Trade Associations
  5. ^ http://www.skat.dk/getFile.aspx?ID=4262&newwindow=true
  6. ^ (EN) Value Added Tax, Ministero delle Finanze finlandese
  7. ^ Οι νέοι συντελεστές ΦΠΑ από 1 Ιουλίου | Madata.GR
  8. ^ Decreto del Presidente della Repubblica del 26/10/1972 n. 633 Archiviato il 25 novembre 2011 in Internet Archive.
  9. ^ circolare dell'Agenzia delle entrate 15-7-2016 (PDF), su agenziaentrate.gov.it. URL consultato il 5 febbraio 2017.
  10. ^ Página não encontrada 1473144 - Economia - PUBLICO.PT
  11. ^ a b LEGISLAÇÃO GERAL - LEI N.º 2-B/85 DE 28 DE FEVEREIRO
  12. ^ Budget: How the rise in VAT will wok, BBC, 23 giugno 2010. URL consultato il 2 novembre 2010.
  13. ^ anaf.ro
  14. ^ LondonStockExchange.com
  15. ^ LondonStockExschange.com
  16. ^ https://www.serviziocontabileitaliano.it/come-aprire-partita-iva.html
  17. ^ eora crea un IVA con un tipo general del 4,5% y uno reducido del 1%, in La Vanguardia, 4 luglio 2010. URL consultato il 13 ottobre 2010.
  18. ^ Ram & McRae's Investors Information Package
  19. ^ Value added tax, su liechtenstein.li, Government Spokesperson's Office. URL consultato il 13 ottobre 2010.
  20. ^ a b Switzerland VAT

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica