Isabella di Brienne

Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando la regina di Gerusalemme e moglie di Federico II, vedi Jolanda di Brienne.
Isabella di Brienne
Contessa di Lecce, Conversano e Brienne
Stemma
In carica 1356 - 1360
Predecessore Gualtieri VI di Brienne
Successore Sohier d'Enghien
Nascita circa 1305
Morte 1360
Dinastia Brienne
Padre Gualtieri V di Brienne
Madre Giovanna di Châtillon
Coniuge Gautier III d'Enghien
Figli Gualtiero d'Enghien
Isabella d'Enghien
Sohier d'Enghien
Giovanni d'Enghien
Margherita d'Enghien
Luigi d'Enghien
Giacomo d'Enghien
Angliberto I d'Enghien
Francesca d'Enghien
Giovanna d'Enghien

Isabella di Brienne (... – 1360) contessa di Lecce, titolare del Ducato d'Atene e del Regno di Gerusalemme.

BiografiaModifica

Nata verso il 1306, era figlia di Gualtieri V di Brienne, duca d'Atene ecc., che fu ucciso nella battaglia di Halmyros vicino a Tebe nel 1311. Suo fratello Gualtieri VI di Brienne fu ucciso senza eredi nella Battaglia di Poitiers nel 1356, così Isabella ereditò tutti i titoli e le proprietà dei Brienne.

Suo marito Gualtieri d'Enghien (sposato nel 1320) era morto nel 1345 circa.

I suoi figli furono:

  1. Gualtiero d'Enghien (5 giugno, 1322 – 18 novembre, 1340)
  2. Isabella d'Enghien (+ 28 dicembre, 1357), badessa del monastero di Flines
  3. Sohier d'Enghien (+ 21 marzo, 1364), conte di Brienne, titolare del ducato d'Atene.
  4. Giovanni d'Enghien, (+ 1380), conte di Lecce e barone di Castro
  5. Margherita d'Enghien, che sposò Pietro di Préaux
  6. Luigi d'Enghien (+ 17 marzo, 1394), barone (poi conte) di Conversano, e alla morte del fratello Sohier, conte di Brienne e titolare del ducato d'Atene
  7. Giacomo d'Enghien, canonico a Liegi
  8. Guglielmo d'Enghien, (+ 1377), barone di Argo e Nauplia
  9. Angliberto I d'Enghien (c. 1330–20 febbraio, 1403), barone di Ramerupt, La Follie, e Seneffe
  10. Francesca d'Enghien, moglie di Pietro, conte di Montebello
  11. Giovanna d'Enghien, monaca al monastero di Flines.

Riguardo ai possedimenti in Grecia, va detto che Gualtieri VI di Brienne, fratello di Isabella, ne aveva perduto l'effettivo possesso fin dal 1340. Per cui il nipote Sohier d'Enghien ereditò solo il titolo nominale di duca d'Atene oltre ad alcuni diritti su Argo e Nauplia, la cui signoria fu invece data in appannaggio del fratello Guglielmo dal 1356 fino alla morte, nel 1377. La figlia di Guglielmo, Maria d'Enghien, moglie del veneziano Pietro Cornaro, vendette poi i possedimenti alla Repubblica di Venezia nel 1388.

L'eredità principale di Isabella toccò al suo terzo figlio maschio, Giovanni d'Enghien. Figli di Giovanni furono:

Voci correlateModifica