L'eredità in corsa

film del 1939 diretto da Oreste Biancoli
L'eredità in corsa
Paese di produzioneItalia
Anno1939
Durata88 min
Dati tecniciB/N
Generecommedia
RegiaOreste Biancoli
SoggettoEmerich Wojtek Emo, Per Schwenzen
SceneggiaturaOreste Biancoli, Dino Falconi
ProduttoreFono Roma - Tiberia Film
Distribuzione in italianoS.AN.GRA.F. (1939)
FotografiaAldo Tonti
MontaggioInes Donarelli
MusicheCostantino Ferri
ScenografiaGiorgio Pinzauti
Interpreti e personaggi

L'eredità in corsa è un film del 1939 diretto da Oreste Biancoli.

ProduzioneModifica

Prodotto dalla Fono - Roma di Salvatore Persichetti in associazione con Tiberia Film, la pellicola è la versione italiana del film austriaco 13 Stuble; girata a Cinecittà nell'estate del 1939 e presentata nelle sale in prima il 2 dicembre 1939.

TramaModifica

Una vecchia signora decide di lasciare in eredità a un suo nipote 12 sedie in stile veneziano. Le sedie vengono vendute a un rigattiere e, solo dopo la cessione, il nipote apprende, leggendo una lettera della zia, che nell'imbottitura di una di esse è stata nascosta la somma di 100.000 lire in banconote. Da questo momento, inizia l'inseguimento della sedia che passa per varie mani, con finale sorprendente.

La criticaModifica

Dal Il Popolo d'Italia, del 16 dicembre 1939 « La trama non è originale, ma si lascia tuttavia seguire per la forza dinamica che in ogni ansiosa ricerca degli oggetti smarriti, anche se, come qui, diventa alla fine meccanica, per l'eccessivo ripetersi delle delusioni. La interpretazione e la regia sembrano volenterose. Ma tutta la pellicola è realizzata in forma strettamente economica »

BibliografiaModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema