Apri il menu principale

L'ultimo bazooka tuona

film del 1956 diretto da Allan Dwan
L'ultimo bazooka tuona
Titolo originaleHold Back the Night
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno1956
Durata80 min
Dati tecniciB/N
Genereguerra, drammatico
RegiaAllan Dwan
SoggettoPat Frank
SceneggiaturaWalter Doniger, John C. Higgins
ProduttoreHayes Goetz
Produttore esecutivoWalter Mirisch (non accreditato)
Casa di produzioneAllied Artists
FotografiaEllsworth Fredericks
MontaggioRobert S. Eisen
Effetti specialiAugie Lohman (non accreditato)
MusicheHans J. Salter
ScenografiaJoseph Kish
TruccoEmile LaVigne
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

L'ultimo bazooka tuona (Hold Back the Night) è un film di guerra del 1956 diretto da Allan Dwan, basato sul romanzo Hold Back the Night del giornalista e scrittore Pat Frank.

È il quarto film del regista americano interpretato da John Payne, dopo La campana ha suonato (1954), La jungla dei temerari (1955) e Veneri rosse (1956).

TramaModifica

Impegnato nella guerra di Corea al comando di una pattuglia americana, il capitano Sam MacKenzie porta sempre con sé una bottiglia di Scotch regalatagli durante la seconda guerra mondiale dalla moglie Anne come portafortuna. Viene incaricato di proteggere il ritiro della sua divisione ma l'operazione si risolve in un bagno di sangue e MacKenzie viene gravemente ferito. Attraverso una serie di flashback scopriamo le diverse occasioni in cui il capitano è stato tentato di aprire la bottiglia, rinunciandovi ogni volta. Ora tutti sperano nella sua guarigione per poter finalmente brindare.

ProduzioneModifica

Dopo l'uscita del romanzo di Pat Frank, la Allied Artists decise di trarne una pellicola cinematografica e si rivolse al Corpo dei Marines per l'assistenza. Il Corpo rifiutò perché ritenne il film troppo simile a Valanga gialla del 1952 e la produzione considerò quindi l'idea di riscrivere la sceneggiatura e di coinvolgere l'Esercito degli Stati Uniti, ma alla fine il progetto venne accantonato.[1]

L'inizio della produzione venne nuovamente annunciato nel novembre 1954, con Richard Basehart e Neville Brand come attori principali e la regia di Thomas Carr. Tuttavia, nel marzo 1955 il produttore esecutivo Walter Mirisch annunciò che il film era stato eliminato dal programma di produzione a causa dell'indisponibilità di alcuni degli attori. Il progetto venne ripreso nei primi mesi del 1956, stavolta con la collaborazione del Corpo dei Marines, venne scelto un nuovo cast e la regia fu affidata a Allan Dwan.[2]

Il film venne girato al Mountain Warfare Training Center di Pickel Meadows, in California, dove furono ricreati gli eventi della battaglia di Chosin Reservoir, e per alcune sequenze nel Bronson Canyon.[3]

DistribuzioneModifica

Il film venne distribuito nelle sale statunitensi a partire dal 29 luglio 1956.[4]

Date di uscitaModifica

  • USA (Hold Back the Night) - 29 luglio 1956
  • Giappone (敵中突破せよ!) - 24 ottobre 1956
  • Austria (Teufelskommando) - 1957
  • Germania Ovest (Teufelskommando) - 25 gennaio 1957
  • Danimarca (Slagmarkens helte) - 21 ottobre 1957
  • Irlanda (Hold Back the Night) - 6 dicembre 1957
  • Finlandia (Torju yön uhka) - 18 settembre 1959

CriticaModifica

Il critico Morando Morandini nel suo dizionario giudica il film «convenzionale e propagandistico, come si faceva negli anni '50».[5]

NoteModifica

  1. ^ Suid (2002), p. 140.
  2. ^ Hold Back the Night - Notes, www.tcm.com. URL consultato il 26 giugno 2016.
  3. ^ Weaver (2014), p. 139.
  4. ^ L'ultimo bazooka tuona - Release Info, www.imdb.com. URL consultato il 26 giugno 2016.
  5. ^ L'ultimo bazooka tuona, www.trovacinema.repubblica.it. URL consultato il 26 giugno 2016.

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema