Apri il menu principale

La donna che inventò l'amore

film del 1952 diretto da Ferruccio Cerio

TramaModifica

1910. Un nobile e spiantato ufficiale di cavalleria prende in prestito una somma di denaro da un usuraio. Questi, saputo che l'ufficiale è l'amante di sua figlia, vuole mandarlo in rovina, ma la ragazza brucia la cambiale a garanzia. L'uomo la caccia di casa e denuncia il fatto al colonnello superiore, che costringe il nobile alle dimissioni. Sposata la giovane per interesse, va a vivere con lei a casa dell'usuraio, riprendendo contemporaneamente la relazione con un'altra donna. La moglie accetta la corte di un uomo anziano e ricchissimo per indurlo a spendere parole di favore per il marito da indurlo alla riammissione nell'alta società. Ma un suo amico rivela ogni cosa al marito, il quale, in preda alla disperazione, parte volontario per la guerra libica. Poco prima della partenza, però, la donna riesce a provare che il supposto tradimento è stato soltanto platonico. Lui le crede e parte con fiducia, convinto che al suo ritorno una donna lo aspetterà.

CommentoModifica

Il film, girato negli studi di Cinecittà, venne presentato alla Commissione di Revisione Cinematografica il 31 maggio 1952, ottenne il visto di censura n. 12.126 del 9 giugno 1952 con una lunghezza della pellicola dichiarata di 2.522 metri e accertata di 2.400 metri; non sappiamo in cosa consistono i 122 metri mancanti del film[1].

Ebbe la prima proiezione pubblica il 2 agosto del 1952[2]. Il film venne proiettato in Francia, con il titolo La femme qui inventa l'amour, il 25 settembre 1953, e in Germania, con il titolo Die frau, die liebe erfand.

Altri tecniciModifica

NoteModifica

  1. ^ Come si evince dal visto di censura originale tratto dal sito Italia Taglia.
  2. ^ Come si evince dalla pagina delle proiezioni tratta dal sito IMDB.

BibliografiaModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema