Lactuca sativa

specie di pianta della famiglia Asteraceae
(Reindirizzamento da Lattuga)
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Lattuga" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Lattuga (disambigua).
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Incappucciata" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Incappucciata (personaggio).
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Lactuca sativa
Iceberg lettuce in SB.jpg
Lactuca sativa cv. iceberg
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Superdivisione Spermatophyta
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Sottoclasse Asteridae
Ordine Asterales
Famiglia Asteraceae
Sottofamiglia Cichorioideae
Tribù Cichorieae
Sottotribù Lactucinae
Genere Lactuca
Specie L. sativa
Classificazione APG
Regno Plantae
(clade) Angiosperme
(clade) Eudicotiledoni
(clade) Tricolpate basali
(clade) Asteridi
(clade) Euasteridi II
Ordine Asterales
Famiglia Asteraceae
Sottofamiglia Cichorioideae
Tribù Cichorieae
Sottotribù Lactucinae
Nomenclatura binomiale
Lactuca sativa
Linnaeus

La lattuga (Lactuca sativa L.) è una pianta angiosperma, dicotiledone appartenente alla famiglia delle Asteraceae. Nel linguaggio colloquiale italiano essa viene spesso, ed erroneamente, chiamata insalata, essendo spesso parte o ingrediente principale dell'omonima pietanza. Essa è ricca di vitamine e di sali minerali.

CaratteristicheModifica

È una specie biennale, il primo anno forma una rosetta, il secondo lo scapo fiorale. L'apparato radicale è composto da corto fittone e da radici superficiali, sottili e carnose. Le foglie basali sono di varia forma, ovate o allungate, e colore verde o rossastro; formano un grumolo o "testa" più o meno compatto. Lo scapo fiorale, emesso il secondo anno, alto 100–150 cm, porta ramificazioni corimbiformi terminanti con un capolino. I fiori sono ermafroditi, ligulati e gialli, i semi sono costituiti da un achenio di colore bianco marrone e nero, separato dal pappo.

VarietàModifica

Ne esiste un gran numero di varietà. Tra di esse si possono citare:[1][2]

  • liscia o novellina: è una lattuga molto comune.
  • romana o marulla o spadona (Lactuca sativa L. var. longifolia): ha foglie di forma molto allungata, con costa robusta e nervature evidenti. Il nome marulla è comune ad Ancona, mentre spadona è usato a Foligno.[3]
  • gentile (o gentilina): di colore verde oppure rossiccio, ha forma leggermente allungata e foglie ondulate.
  • iceberg (o brasiliana): forma tonda molto compatta, foglie estremamente croccanti, dal colore chiaro, sapore molto delicato.[4]
  • incappucciata (o cappuccia): forma tonda, simile alla iceberg, ma presenta foglie di colore verde chiaro piuttosto croccanti. È molto usata nella cucina napoletana.

Apporto nutrizionaleModifica

Essendo composta per circa il 95% di acqua, la lattuga ha un bassissimo contenuto energetico ma, in base alle varietà, contiene molte vitamine, tra cui la vitamina C, la vitamina A e la vitamina K; alcune varietà di colore scuro, come la romana, contengono un'alta concentrazione di beta-carotene. Con l'eccezione della varietà iceberg, la lattuga è anche una buona fonte di folacina e di ferro.[5]

Aspetti mediciModifica

 
Le pratiche descritte non sono accettate dalla medicina, non sono state sottoposte a verifiche sperimentali condotte con metodo scientifico o non le hanno superate. Potrebbero pertanto essere inefficaci o dannose per la salute. Le informazioni hanno solo fine illustrativo. Wikipedia non dà consigli medici: leggi le avvertenze.

Per la presenza di una proteina allergizzante (Lac s 1) la lattuga può, se pur raramente, essere causa di allergia alimentare.[6]

Le lattughe alimentari, in diversa misura in funzione della varietà e della fase vitale della pianta, contengono in piccola quantità sostanze a moderata azione sedativa.[7]

NoteModifica

  1. ^ Lattuga - Lactuca sativa L. http://www.alimentipedia.it/lattuga.html, su alimentipedia.it. URL consultato il 6 dicembre 2013 (archiviato dall'url originale il 18 dicembre 2013).
  2. ^ Le piante di insalata http://www.dimeoremo.it/piante_insalata.html, su dimeoremo.it. URL consultato il 18 dicembre 2013 (archiviato dall'url originale il 19 dicembre 2013).
  3. ^ Rivista L'Oro della Terra, n° 3, estate 2011, articolo Tu chiamala se vuoi (solo) insalata (PDF), su orodellaterra.it. URL consultato l'8 gennaio 2015 (archiviato dall'url originale l'8 gennaio 2015).
  4. ^ Stefano Rizzato, Iceberg, l’insalata pigliatutto venuta dal caldo, in La Stampa, 30 dicembre 2014. URL consultato il 30 luglio 2018.
  5. ^ Lattuga: calorie e valori nutrizionali, su dietabit.it. URL consultato il 30 luglio 2018 (archiviato dall'url originale il 30 luglio 2018).
  6. ^ [1]
  7. ^ [2]

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàLCCN (ENsh85076251 · GND (DE4155983-6 · NDL (ENJA00573107