Apri il menu principale

Liliane Montevecchi

attrice, ballerina e cantante francese

BiografiaModifica

Montevecchi giunse negli Stati Uniti nel 1954 con la compagnia di danza di Roland Petit[1]. Con l'intento di replicare il successo ottenuto da Leslie Caron, i produttori di Hollywood la fecero debuttare nello stesso anno nel musical La scarpetta di vetro, cui seguì l'anno successivo Papà Gambalunga (1955]), girato accanto a Fred Astaire, e il film d'avventura Il covo dei contrabbandieri (1955), diretto da Fritz Lang[1].

Nel 1956 Montevecchi apparve in un altro musical, Donne... dadi... denaro!, al fianco di Cyd Charisse e Dan Dailey, dopodiché fu coprotagonista accanto a grandi star maschili come Jerry Lewis in Il marmittone (1957), Marlon Brando, Dean Martin e Montgomery Clift in I giovani leoni (1958), Elvis Presley in La via del male (1958), Danny Kaye in Io e il colonnello (1958).

Nello stesso periodo recitò nel musical di Broadway La Plume de ma tante (1958-1960), e più tardi, nel 1964, nel musical Folies Bergères. Dopo diversi anni di anonimato, la Montevecchi ritornò negli Stati Uniti e riprese a recitare a Broadway, interpretando il personaggio di Liliane La Fleur nel musical Nine (1982-1984), con il quale ottenne un grande successo personale e vinse il Tony Award alla miglior attrice non protagonista in un musical[1]. Tra gli altri spettacoli cui partecipò, da ricordare Follies, Grand Hotel, Hello, Dolly!, Gigi, Irma La Douce.

Apparsa anche in televisione in serie come Mr. Broadway e Avventure in paradiso, dopo i trionfi di Broadway negli anni ottanta, ritornò sul grande schermo con un ruolo in Wall Street (1987) di Oliver Stone e, più recentemente, nella commedia Come farsi lasciare in 10 giorni (2003).

FilmografiaModifica

CinemaModifica

TelevisioneModifica

OnorificenzeModifica

  Ufficiale dell'Ordre des Arts et des Lettres
«Servizi al teatro»
— 2013

NoteModifica

  1. ^ a b c Dominique Lebrun, Paris-Hollywood. Les français dans le cinema américain, Editions Hazan, 1987, pag. 249

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN39566183 · ISNI (EN0000 0000 0337 8886 · LCCN (ENno99046246 · GND (DE1062383834 · BNF (FRcb13938550m (data) · WorldCat Identities (ENno99-046246