Max Houben

bobbista, atleta e calciatore belga

«Gareggiare nel bob è meno pericoloso che attraversare le strade di Bruxelles»

(Max Houben[1])
Max Houben
Max Houben (1932).jpg
Max Houben a Lake Placid nel 1932
Nazionalità Belgio Belgio
Altezza 168 cm
Bob Bobsleigh pictogram.svg
Ruolo Frenatore
Pilota (dal 1932)
Palmarès
Olimpiadi 0 1 0
Mondiali 0 1 1
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Ala destra[1]
Carriera
Squadre di club1
?-?R.C.S. Verviétois
?-1933Union SG
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Atletica leggera Athletics pictogram.svg
Specialità Velocità
Record
100 m 10"80 (1920)
Società RCA Spa
Palmarès
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al 10 febbraio 1949

Max Houben (Verviers, 5 maggio 1898Lake Placid, 10 febbraio 1949) è stato un bobbista, calciatore e velocista belga.

Atleta poliedrico distintosi in diverse discipline, fu medaglia d'argento olimpica nel bob a quattro a Sankt Moritz 1948; come calciatore ha vinto il campionato belga nella stagione 1932-33 con la squadra dell'Union Saint-Gilloise.

Suo figlio Claude gareggiò con lui ai campionati mondiali di Sankt Moritz 1947, dove vinsero l'argento.[1]

BiografiaModifica

Atletica leggera, calcio e automobilismoModifica

Iniziò la sua carriera sportiva come velocista nell'atletica leggera; partecipò infatti ai Giochi olimpici di Anversa 1920, dove gareggiò nei 200 metri piani, raggiungendo i quarti di finale, e nella staffetta 4×100 m, dove si fermò alle batterie. Sempre nel 1920 vinse inoltre il titolo nazionale nei 100 m.

Giocò professionalmente a calcio per diversi anni, militando stabilmente nella prima divisione del campionato belga prima con la squadra del R.C.S. Verviétois e poi con l'Union Saint-Gilloise, con la quale vinse lo scudetto nella stagione 1932-33[1].

Nel 1948, all'età di 50 anni, partecipò inoltre alla 24 ore di Spa, celebre corsa automobilistica di durata, sostituendo il nipote al volante di una BMW 328 e terminando la gara al dodicesimo posto assoluto e al secondo nella sua classe.[1][2]

BobModifica

Attivo nel bob a partire dalla seconda metà degli anni venti sino alla fine degli anni quaranta, durante la sua carriera ha gareggiato per la squadra nazionale belga alternandosi in entrambi i ruoli di questo sport, frenatore e pilota.

Ha partecipato a quattro edizioni dei Giochi olimpici invernali: a Sankt Moritz 1928 si classificò al sesto posto nel bob a cinque[3] gareggiando da frenatore; a partire dalla rassegna di Lake Placid 1932 passò invece a guidare le slitte, piazzandosi nono nel bob a due, e a Garmisch-Partenkirchen 1936 gareggiò in entrambe le specialità, cogliendo la nona posizione nella disciplina biposto e la quinta in quella a quattro. Dopo il termine della seconda guerra mondiale disputò la sua quarta olimpiade a Sankt Moritz 1948 all'età di 49 anni, concludendo al quarto posto nel bob a due e conquistando la medaglia d'argento nel bob a quattro con i compagni Freddy Mansveld, Louis-Georges Niels e Jacques Mouvet.

 
Steven Langton e Steven Holcomb sollevano il Max Houben Memorial Trophy dopo la vittoria del titolo mondiale nel bob a due a Lake Placid 2012

Ha inoltre preso parte ad almeno due edizioni dei campionati mondiali, conquistando in totale due medaglie nella rassegna di Sankt Moritz 1947: quella di bronzo vinta nel bob a due in coppia con Jacques Mouvet e quella d'argento colta nella specialità a quattro con il figlio Claude, Albert Lerat e Jacques Mouvet. Nell'edizione successiva di Lake Placid 1949 ebbe un grave incidente durante una discesa di prova nel bob a due, Houben perì sul colpo mentre il suo frenatore Jacques Mouvet sopravvisse nonostante le gravi lesioni al cranio e alla schiena.

Dopo l'incidente la comunità di Lake Placid, dove Houben trovò la morte, donò un trofeo alla FIBT, la Federazione internazionale di Bob e Skeleton, da consegnare negli anni a venire ai vincitori del titolo mondiale nel bob a due; tale trofeo venne dedicato alla sua memoria e nominato Max Houben Memorial Trophy in suo onore.[4]

PalmarèsModifica

BobModifica

OlimpiadiModifica

MondialiModifica

CalcioModifica

ClubModifica

Union Saint-Gilloise: 1933

Atletica leggeraModifica

Anno Manifestazione Sede Evento Risultato Prestazione Note
1920 Olimpiadi   Anversa 200 m piani Quarti di finale n/d
4×100 m Batterie 43"70 [5]

Campionati nazionaliModifica

  • 1 volta campione nazionale assoluto dei 100 m piani (1920)
1920
  •   Oro ai campionati assoluti belgi, 100 m piani

NoteModifica

  1. ^ a b c d e (NL) Jan Hertoghs, Bob till you drop: In memoriam Max Houben, Belgisch medaillewinnaar op de Olympische Winterspelen van 1948, su humo.be, Humo, The Wild Site (archiviato dall'url originale il 26 settembre 2007).
  2. ^ (EN) Spa 24 Hours (Race Results), su racingsportscars.com, RacingSportsCars. URL consultato il 16 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 19 giugno 2017).
  3. ^ In quegli anni gli equipaggi potevano essere costituiti anche da cinque componenti.
  4. ^ (EN) Bo-Dyn Bobsled Project, Inc. congratulates USA on World Championship successes, su bodynbobsled.com, Bo-Dyn Bobsled, 3 marzo 2012 (archiviato dall'url originale il 2 maggio 2012).
  5. ^ con Julien Lehouck, Omer Smet e Paul Brochart

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica