Apri il menu principale

BiografiaModifica

Stagioni 1990-1997Modifica

Originaria di Neusiedl di Waidmannsfeld, Michaela Dorfmeister esordì nel Circo bianco ai Mondiali juniores di Zinal del 1990. In Coppa del Mondo ottenne i suoi primi punti il 21 dicembre 1991 a Serre Chevalier, piazzandosi 26ª nella discesa libera vinta dall'austriaca Petra Kronberger, e il primo podio il 16 dicembre 1995, quando vinse la discesa libera di Sankt Anton am Arlberg davanti alle connazionali Alexandra Meissnitzer e Renate Götschl.

Esordì ai Campionati mondiali a Sierra Nevada 1996, dove si classificò 11ª nella discesa libera, 29ª nel supergigante, 9ª nello slalom gigante e 12ª nella combinata. L'anno dopo, nella rassegna iridata di Sestriere, si piazzò 16ª nella discesa libera, 8ª nel supergigante, 17ª nello slalom gigante e nuovamente 12ª nella combinata. Ai XVIII Giochi olimpici invernali di Nagano 1998, sua prima presenza olimpica, si meritò la medaglia d'argento nel supergigante - preceduta soltanto dalla statunitense Picabo Street -, si classificò 18ª nella discesa libera e non completò la combinata.

Stagioni 1999-2001Modifica

Ai Mondiali di Vail/Beaver Creek 1999 conquistò la medaglia d'argento nella discesa libera e quella di bronzo nel supergigante, mentre nella combinata fu 6ª; nella stessa stagione in Coppa del Mondo, dopo aver ottenuto sette podi con una vittoria, si piazzò al 2º posto nella classifica di supergigante (superata dalla Meissnitzer di 86 punti), al 3º in quella di discesa libera e al 6º in quella generale.

Nel 1999-2000 si aggiudicò la sua prima Coppa del Mondo di slalom gigante, con 82 punti in più della svizzera Sonja Nef, mentre fu 2ª nella classifica generale, sopravanzata dalla Götschl di 325 punti, e 3ª in quella di discesa libera; i suoi podi stagionali furono nove, con cinque vittorie. Nel 2001 ai Mondiali di Sankt Anton conquistò la medaglia d'oro nella discesa libera e si classificò 24ª nel supergigante e 8ª nello slalom gigante; quell'anno in Coppa del Mondo i suoi podi furono quattro (due le vittorie) e si piazzò 3ª nella classifica di supergigante e 5ª in quella generale.

Stagioni 2002-2003Modifica

Ai XIX Giochi olimpici invernali di Salt Lake City 2002 si classificò 9ª nella discesa libera, 6ª nel supergigante, 4ª nello slalom gigante e 5ª nella combinata, ma la sua stagione fu contraddistinta dal trionfo nella classifica generale di Coppa del Mondo: grazie anche a dieci podi (cinque le vittorie) superò a fine annata la Götschl di 240 punti e fu anche 2ª nella classifica di discesa libera (battuta dall'italiana Isolde Kostner di 99 punti), 2ª in quella di slalom gigante (con 80 punti in meno della Nef) e 3ª in quella di supergigante.

Nella stagione seguente incrementò il proprio palmarès vincendo la medaglia d'oro nel supergigante ai Mondiali di Sankt Moritz, dove fu anche 12ª nella discesa libera e 4ª nello slalom gigante, e la sua prima Coppa del Mondo di discesa libera, superando la Götschl di 4 punti; in classifica generale fu 4ª e i suoi podi quell'anno furono sei (due le vittorie).

Stagioni 2004-2006Modifica

Nel 2003-2004 in Coppa del Mondo ottenne il 3º posto nella classifica di supergigante e otto podi (ma nessuna vittoria), mentre il 2004-2005 fu caratterizzato dalla vittoria della sua prima coppa di cristallo in supergigante, con 77 punti in più della Götschl, dal 3º posto nella classifica di discesa libera, dal 4º in quella generale (con sei podi e cinque vittorie) e dalla partecipazione ai Mondiali di Bormio/Santa Caterina Valfurva, sua ultima presenza iridata, dove tuttavia non completò nessuna delle tre gare disputate (discesa libera, supergigante e slalom gigante).

Fu nel 2006, anno che rappresentò anche la sua ultima stagione agonistica, che l'atleta raggiunse l'apice della carriera. Ai XX Giochi olimpici invernali di Torino 2006, sulla pista di San Sicario, riuscì a vincere la medaglia d'oro sia nella discesa libera sia nel supergigante; inoltre vinse altre due coppe di specialità, nella discesa libera (con 88 punti in più della statunitense Lindsey Vonn) e nel supergigante (superando la Meissnitzer di 189 punti), e si piazzò al 3º posto in classifica generale di Coppa del Mondo, con dodici podi e quattro vittorie: l'ultimo successo della sua carriera nel massimo circuito internazionale fu quello ottenuto il 3 marzo a Lillehammer Hafjell in supergigante e l'ultimo podio il 2º posto nel supergigante delle finali a Åre, il 16 marzo. Si congedò dalle competizioni due giorni dopo con il 13º posto ottenuto nello slalom gigante di Coppa del Mondo disputato nella medesima località.

PalmarèsModifica

OlimpiadiModifica

MondialiModifica

Coppa del MondoModifica

Coppa del Mondo - vittorieModifica

Data Località Paese Specialità
16 dicembre 1995 Sankt Anton am Arlberg   Austria DH
6 marzo 1999 Sankt Moritz   Svizzera SG
4 dicembre 1999 Serre Chevalier   Francia GS
9 dicembre 1999 Val-d'Isère   Francia GS
5 gennaio 2000 Maribor   Slovenia GS
8 gennaio 2000 Berchtesgaden   Germania GS
11 febbraio 2000 Santa Caterina Valfurva   Italia SG
24 novembre 2000 Aspen   Stati Uniti SG
9 dicembre 2000 Sestriere   Italia GS
27 ottobre 2001 Sölden   Austria GS
19 gennaio 2002 Berchtesgaden   Germania GS
31 gennaio 2002 Åre   Svezia GS
6 marzo 2002 Altenmarkt-Zauchensee   Austria DH
7 marzo 2002 Altenmarkt-Zauchensee   Austria SG
21 dicembre 2002 Lenzerheide   Svizzera DH
1º marzo 2003 Innsbruck   Austria DH
5 dicembre 2004 Lake Louise   Canada SG
6 gennaio 2005 Santa Caterina Valfurva   Italia DH
16 gennaio 2005 Cortina d'Ampezzo   Italia DH
19 febbraio 2005 Åre   Svezia SG
11 marzo 2005 Lenzerheide   Svizzera SG
18 dicembre 2005 Val-d'Isère   Francia SG
20 gennaio 2006 Sankt Moritz   Svizzera SG
21 gennaio 2006 Sankt Moritz   Svizzera DH
3 marzo 2006 Lillehammer Hafjell   Norvegia SG

Legenda:
DH = discesa libera
SG = supergigante

GS = slalom gigante

Coppa EuropaModifica

  • Miglior piazzamento in classifica generale: 5ª nel 1991
  • 1 podio (dati dal 1995):
    • 1 vittoria

Coppa Europa - vittorieModifica

Data Località Paese Specialità
23 agosto 2001 Schönried   Svizzera SG

Legenda:

SG = supergigante

Nor-Am CupModifica

  • Miglior piazzamento in classifica generale: 23ª nel 2001
  • 2 podi:
    • 1 vittoria
    • 1 secondo posto

Nor-Am Cup - vittorieModifica

Data Località Paese Specialità
18 marzo 2001 Snowbasin   Stati Uniti DH

Legenda:

DH = discesa libera

South American CupModifica

  • Miglior piazzamento in classifica generale: 13ª nel 2002
  • 2 podi:
    • 1 vittoria
    • 1 secondo posto

South American Cup - vittorieModifica

Data Località Paese Specialità
23 agosto 2001 La Parva   Cile DH

Legenda:

DH = discesa libera

Campionati austriaciModifica

Campionati austriaci junioresModifica

StatisticheModifica

La Dorfmeister si presentò al cancelletto di partenza 319 volte in Coppa del Mondo, salendo complessivamente 64 volte sul podio, tra cui spiccano 25 primi posti.

NoteModifica

  1. ^ a b c (DE) Michaela Dorfmeister, su oesv.at - ÖSV-Siegertafel, Federazione sciistica dell'Austria (Österreichischer Skiverband). URL consultato il 22 settembre 2015.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica