Miele di donna

film del 1981 diretto da Gianfranco Angelucci

Miele di donna è un film del 1981 diretto da Gianfranco Angelucci.

Miele di donna
Clio Goldsmith in Miele di donna.jpg
Anny (Clio Goldsmith) in una scena del film
Paese di produzioneItalia, Spagna
Anno1981
Durata91 min
Rapporto1,85 : 1
Genereerotico, commedia
RegiaGianfranco Angelucci
SoggettoGianfranco Angelucci,
Liliana Betti
SceneggiaturaGianfranco Angelucci,
Liliana Betti,
Eligio Herrera
Casa di produzioneSelecciones Huguet, Vogue Film
FotografiaJaime Deu Casas
MontaggioRoberto Perpignani
MusicheRiz Ortolani
ScenografiaLuciano Calosso
CostumiLuciano Calosso
TruccoGiovanni Morosi
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

TramaModifica

In un giorno d'agosto una scrittrice costringe, pistola in pugno, un editore a leggere un suo racconto che narra la storia d'una ragazza, Anny, appena arrivata in città. Prende così vita la vicenda della giovane che s'aggira nella pensione Desiderio, dove fa amicizia con la conturbante padrona e con gli altri inquilini. La pensione si rivela una sorta di luogo onirico, dove ogni stanza conduce spesso a situazioni erotiche. Anny assiste, nuda, ad un rapporto tra la cameriera della pensione ed il pensionato, viene coinvolta in una lezione di danza e infine subirà le morbose attenzioni dell'istitutrice. Anche la cena sarà solo una scusa per farla finire con il misterioso uomo della stanza, che avrà con lei un rapporto. Quando l'editore finita la lettura, aspetta le decisioni della scrittrice, essa ricompare dopo aver indossato i panni di Anny rivelando così che i due sono una coppia ed il tutto è un gioco seduttivo tra di loro già ripetuto più volte.

ProduzioneModifica

Le riprese avvennero tra Barcellona (Spagna) e Roma (dove si trova la pensione).

DistribuzioneModifica

Il film arrivò nelle sale cinematografiche italiane il 25 maggio 1981. In Spagna venne distribuito il 30 novembre dello stesso anno.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema