Apri il menu principale
Milan Šašik, C.M.
vescovo della Chiesa greco-cattolica rutena
Milan Šášik.jpg
Coat of arms of Milan Šašik.svg
Blahovѣstyty nyschymъ
 
TitoloMukačevo
Incarichi attualiEparca di Mukačevo dei Ruteni
Incarichi ricopertiAmministratore apostolico di Mukačevo dei Ruteni
 
Nato17 settembre 1952 (66 anni) a Lehota
Ordinato presbitero6 giugno 1976
Nominato vescovo12 novembre 2002 da papa Giovanni Paolo II
Consacrato vescovo6 gennaio 2003 da papa Giovanni Paolo II
 

Milan Šašik (Lehota, 17 settembre 1952) è un vescovo cattolico slovacco della Chiesa greco-cattolica rutena, attuale eparca di Mukačevo.

Indice

BiografiaModifica

Nato il 17 settembre 1952 a Lehota, in Slovacchia. Dopo le scuole primarie e secondarie ha studiato filosofia e teologia presso il seminario di Bratislava.

Il 31 luglio 1971 è entrato nella Congregazione della missione (Lazzaristi). Il 27 settembre 1973 ha emesso i voti per la professione perpetua.

Il 6 giugno 1976 è stato ordinato sacerdote. Più tardi ha prestato vari servizi pastorali, prima come cappellano e poi come parroco. Con il permesso della Santa Sede, Milan Šašik può celebrare due riti liturgici: greco-cattolica e latino.

Dal 1990 al 1992 ha studiato presso il Pontificio istituto di spiritualità Teresianum a Roma, dove ha conseguito un master.

Dal 5 ottobre 1992 al 7 luglio 1998 ha lavorato presso la nunziatura apostolica in Ucraina. In seguito è diventato direttore del seminario dei Lazzaristi in Slovacchia. Nell'agosto 2000 è tornato in Ucraina come parroco in Transcarpazia.

Il 12 novembre 2002 Giovanni Paolo II lo ha nominato vescovo titolare di Bononia e amministratore apostolico ad nutum Sanctae Sedis dell'eparchia di Mukačevo. Il 6 gennaio 2003 è stato ordinato vescovo dallo stesso papa.

Il 17 marzo 2010 Benedetto XVI lo ha nominato vescovo eparchiale di Mukačevo.

Oltre al nativo slovacco sa parlare correttamente ucraino, italiano, ceco, russo e polacco.

Genealogia episcopaleModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN307174832 · ISNI (EN0000 0004 2846 9409 · LCCN (ENn2014018610 · WorldCat Identities (ENn2014-018610