Apri il menu principale

Nicola Peralta d'Aragona, noto anche come Nicolò o Niccolò (XIV secolo1399), è stato un militare e politico italiano del XIV secolo. Fu conte di Caltabellotta, Caltanissetta e Sclafani, marchese di Mazara e signore di Aliminusa e Bivona.

BiografiaModifica

Nacque da Guglielmo ed Eleonora d'Aragona. Nel 1388 sposò Elisabetta Chiaramonte di Sciacca, dalla quale ebbe tre figlie.

Nel 1391 ottenne dal padre l'investitura a conte di Caltabellotta. L'anno successivo ottenne anche la contea di Caltanissetta ed il marchesato di Mazara.

Fedele al re Federico il semplice, in un primo tempo favorì l'insediamento al trono dell'isola della figlia Maria, andata in sposa a Martino, ma quando la regina abolì alcuni privilegi baronali, si alleò con il cognato Andrea Chiaramonte, contro i Sovrani.

Sconfitto nella battaglia della Mofarda, nel 1394 i monarchi gli confiscarono tutti i suoi beni e feudi. Riappacificatosi nel 1397 con il re Martino, costui gli concesse le cariche di castellano regio e maestro giustiziere. Morì a Sciacca due anni più tardi.

BibliografiaModifica

  • A. Musco - I francescani e la politica ... - Palermo, Officina di Studi Medievali, 2007, ISBN 8888615636.
  • M. A. Russo - Peralta e il Val di Mazara nel XIV e XV secolo: sistema di potere, strategie familiari e controllo territoriale - Caltanissetta, Sciascia, 2003, ISBN 8882411745.