Apri il menu principale
Nuvola61
Logo dell'emittente
Logo di Nuvolari, utilizzato dal 2000 al 2016
Stato Italia Italia
Lingua italiano
Tipo sportivo
Target maschile
Slogan La TV a motore
Versioni Nuvolari 576i (SDTV)
(data di lancio: 14 febbraio 2000)
Nuvola61 576i (SDTV)
(data di lancio: 24 febbraio 2014)
Data chiusura 31 dicembre 2017
Nomi precedenti Nuvolari (2000-2016)
Share 0,01% (novembre 2017) ()
Sostituito da Life 120 Channel
Editore LT Multimedia (2000-2015)
GM Comunicazione (2015-2016)
Publishare/GM Comunicazione (2016-2017)
Direttore Silvia Candrarelli (2016-2017)

Nuvola61, precedentemente denominato Nuvolari, è stato un canale gratuito dedicato in origine esclusivamente al mondo dei motori e successivamente anche agli altri sport. Era visibile sul digitale terrestre al canale 61.

Indice

StoriaModifica

Il canale inizia le trasmissioni il 14 febbraio 2000[1] come Nuvolari, l'emittente è distribuita inizialmente in chiaro sulla piattaforma Telepiù e dal 31 luglio 2003 sulla neonata piattaforma Sky (nata dalla fusione tra Telepiù e Stream TV).

La programmazione del canale era composta principalmente da eventi e trasmissioni riguardanti il mondo dei motori, prevalentemente di provenienza anglosassone e trasmesse intorno alla prima metà del decennio tra il 2001 e il 2010.

Per gli eventi in diretta il canale si avvaleva delle telecronache di giornalisti ed esperti, tra cui Mauro Coppini (per le auto) e Giovanni Di Pillo (per le moto).

Nel 2010 Sky Italia perde l'esclusività del canale, che inizia così ad essere diffuso in chiaro via satellite e sul digitale terrestre.

Il 31 dicembre 2013 alle ore 23:59 Nuvolari cessa le trasmissioni in seguito alla fusione con il nuovo canale Sport Tre, in onda sulla piattaforma satellitare Tivùsat, cedendo così la numerazione 222 del digitale terrestre a Leonardo.

Nuvolari torna nuovamente in onda il 24 febbraio 2014 come canale autonomo sul satellite e sulla piattaforma satellitare Tivùsat[2], dopo la chiusura dei canali Sport Uno, Sport Due e Sport Tre.

Dall'11 marzo dello stesso anno torna disponibile anche sul digitale terrestre al canale 224 (e dal 17 aprile successivo anche sul canale 60).

Nello stesso anno arrivano sul canale nuovi programmi e nuovi eventi sportivi, tra cui lo show di wrestling TNA Thursday Night Impact! e dal 17 maggio 2014, in diretta esclusiva, nove tra le partite di preparazione delle nazionali di Spagna, Paesi Bassi, Belgio, Russia e Portogallo per il campionato mondiale di calcio 2014, con le telecronache affidate al telecronista Simone Braconcini, al giornalista Luciano Cesaretti e ai commentatori tecnici Sergio Brio, Morgan De Sanctis, Ezio Sella e Stefano Di Chiara.

Tra maggio e giugno 2014 vengono trasmesse le amichevoli di alcune nazionali partecipanti ai mondiali di calcio in Brasile, mentre il 25 agosto 2014 è la volta della finale di Supercoppa turca tra Fenerbahçe e Galatasaray. Nella stagione 2014-15 arriva anche il rugby con tutte le partite di Zebre e Treviso del Pro12 e una partita a settimana del Top 14 francese.

Il 13 marzo 2015 Nuvolari, Leonardo, Marcopolo e Alice abbandonano la piattaforma Tivùsat per rimanere in chiaro esclusivamente sul digitale terrestre[3].

Dall'8 luglio 2015 Nuvolari, assieme a Canale 61 e Canale 62, viene ceduto a GM Comunicazione lasciando così il gruppo LT Multimedia che continuerà comunque a curarne la raccolta pubblicitaria[4].

Il 5 agosto 2015, a seguito di un accordo, Nuvolari cede la LCN 60 a Sportitalia[5] (che già lo occupava prima della chiusura nel 2013) e si trasferisce sul 62.

Il nuovo editore, GM Comunicazione[4], stringe un accordo con Sportelevision per la trasmissione della motocross. La collaborazione dura poco e i diritti passano a Sportitalia, che la trasmette in differita.

È stato visibile gratuitamente in streaming sulla piattaforma Italia Smart, non più disponibile dopo il cambio di editore.

Il 14 marzo 2016 Nuvolari lascia il canale 62 a Top Calcio 24 e si trasferisce sul canale 61 in sostituzione di Sport 1.

Dall'8 aprile fino a dicembre 2016 in esclusiva su Nuvola61 approda la ICW (Insane Championship Wrestling Fight Club) con la telecronaca di Massimo Piva.

La nuova denominazioneModifica

Il 15 giugno 2016 Nuvolari viene rinominato Nuvola61[6].

Dal 13 settembre 2016 arriva in esclusiva B-Lab LIVE (precedentemente in onda su Sportitalia) e che viene trasmesso dal lunedì alla domenica. Il martedì e il mercoledì BLab Speciale Champions League, il giovedì BLab Speciale Europa League, il sabato BLab Speciale Serie B, la domenica BLab Speciale Serie A.

Dal 12 ottobre al 18 novembre in esclusiva assoluta, ritorna il calcio femminile con la UEFA Women's Champions League grazie a una collaborazione con Professione Sport per la trasmissione delle partite di Associazione Sportiva Dilettantistica AGSM Verona Calcio Femminile e Associazione Calcio Femminile Brescia Femminile.

Nella stagione 2016-17 prosegue la collaborazione con Professione Sport per alcune gare di serie A femminile, tutte le gare della Serie B femminile, alcuni eventi di calcio femminile come la Coppa Italia e le Coppe regionali femminili Under-18.

Nel gennaio 2017 GM Comunicazione trova un accordo con Fight Network per la trasmissione dei documentari agli atleti italiani, della Impact Wrestling e delle arti marziali miste (MMA); tale accordo termina a fine aprile.

Il 1º giugno 2017 viene trasmessa, con la collaborazione di Professione Sport, la finale di Champions League femminile Lione-PSG.

Il 31 dicembre 2017, Nuvola61 viene sostituito da Life 120 Channel, ma le trasmissioni del canale continuano su Odeon 24, circuito interregionale edito dalla stessa GM Comunicazione.

ProgrammiModifica

Trasmessi nella gestione Publishare/Gold TVModifica

  • Scommetti con noi
  • MTB Granfondo
  • Passione Nuvolari
  • YouMotor
  • YouMotor News
  • Sportoutdoor.tv
  • Bike Show TV
  • Influencer Girls
  • Magazine ACI Sport
  • Professione Motori
  • L'altra metà del calcio
  • Il Mercoledì in Rosa
  • Donne e dune
  • Saranno Campioni
  • American Dream
  • A - Z
  • Supersea
  • Safe Drive
  • Codice Rally
  • Blu sport
  • Hard Treck
  • Smile's Talent
  • Mattinata Con Te (televendite)
  • Pomeriggio Con Te (televendite)
  • B-Lab Live

Eventi sportivi in collaborazione con Fight Network ItaliaModifica

ConduttoriModifica

AscoltiModifica

Share 24h di Nuvola61 (Nuvolari, fino a giugno 2016)Modifica

gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre Media anno
2011 0,03% 0,02% 0,03% 0,04% 0,04% 0,05% 0,06% 0,07% 0,05% 0,04% 0,04% 0,06% 0,04%
2012 0,06% 0,06% 0,05% 0,04% 0,05% 0,05% 0,07% 0,06% 0,04% 0,05% 0,05% 0,05% 0,05%
2013 0,05% 0,05% 0,05% 0,04% 0,05% 0,06% 0,03% 0,03% 0,03% 0,02% 0,03% 0,03% 0,03%
2014 N.D. N.D. N.D. N.D. 0,06% 0,08% 0,10% 0,10% 0,09% 0,07% 0,06% 0,08%
2015 0,06% 0,06% 0,06% 0,06% 0,05% 0,05% 0,03% 0,02% 0,02% 0,01% 0,01% 0,01%
2016 0,00% N.D. N.D. N.D. 0,01% 0,01% 0,01% 0,01% 0,01% 0,01% 0,01% 0,01%
2017 0,01% 0,01% 0,01% 0,01% 0,01% 0,01% 0,01% 0,01% 0,01% 0,01% 0,01% chiuso

LoghiModifica

Dal 15 giugno 2016 il logo cambia leggermente: al posto di nuvolari compare la scritta nuvola61, sempre di colore grigio tridimensionale.

NoteModifica

  1. ^ NUVOLARI: LA TV A MOTORE | marketpress notizie, su www.marketpress.info. URL consultato il 6 gennaio 2019.
  2. ^ La nuova offerta tv LT Multimedia: Marcopolo arriva sul digitale terrestre - Digital-News, in Digital News, 17 febbraio 2014. URL consultato il 3 gennaio 2018.
  3. ^ I canali LT lasciano satellite (e TivùSat) per il solo digitale terrestre - Digital-News, in Digital News, 13 marzo 2015. URL consultato il 3 gennaio 2018.
  4. ^ a b LT Miltimedia cede canale Nuvolari | LT Multimedia Corporate, su web.archive.org, 3 settembre 2015. URL consultato il 6 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 3 settembre 2015).
  5. ^ SPORTITALIA TORNA A CASA SUL CANALE 60 DTT!, su sportitalia.com. URL consultato il 5 agosto 2015 (archiviato dall'url originale il 7 agosto 2015).
  6. ^ SkyTg24 cambia stile mentre Persidera fa spazio., in Diario TV, 16 giugno 2016. URL consultato il 3 gennaio 2018.

Collegamenti esterniModifica