One Step Closer (Linkin Park)

singolo dei Linkin Park del 2000

One Step Closer è un singolo del gruppo musicale statunitense Linkin Park, pubblicato il 28 settembre 2000 come primo estratto dal primo album in studio Hybrid Theory.[5]

One Step Closer
singolo discografico
One Step Closer.png
Screenshot tratto dal video del brano
ArtistaLinkin Park
Pubblicazione28 settembre 2000 Stati Uniti
15 gennaio 2001 Europa
Durata2:36
Album di provenienzaHybrid Theory
GenereNu metal
Alternative metal
EtichettaWarner Bros.
ProduttoreDon Gilmore
Registrazione1999–2000, NRG Recording Studios, North Hollywood (California)
FormatiCD, MC, 10"
Certificazioni originali
Dischi d'oroAustralia Australia[1]
(vendite: 35 000+)
Regno Unito Regno Unito[2]
(vendite: 400 000+)
Dischi di platinoStati Uniti Stati Uniti[3]
(vendite: 1 000 000+)
Certificazioni FIMI (dal 2009)
Dischi d'oroItalia Italia[4]
(vendite: 35 000+)
Linkin Park - cronologia
Singolo precedente
Singolo successivo
(2001)

Uscito dapprima nelle stazioni radiofoniche statunitensi, il singolo è stato commercializzato il 15 gennaio 2001 nei mercati britannico ed australiano,[6] paesi nei quali ha ottenuto delle certificazioni.

DescrizioneModifica

Seconda traccia dell'album, il titolo originario del brano era Plaster, secondo quanto affermato dal rapper del gruppo Mike Shinoda, il quale ha descritto il brano in un'intervista concessa a ShoutWeb nell'ottobre 2000:[7]

«Il brano parla in generale di essere alla fine della propria vita. [...] È un brano molto auto-descrittivo ed è facile da comprendere e probabilmente molto facile relazionarsi con esso.»

Versioni alternative e coverModifica

Nel 2001 il brano venne remixato dagli Humble Brothers e incluso in alcuni dischi promozionali diffusi negli Stati Uniti d'America, oltre ad apparire come easter egg nell'album video Frat Party at the Pankake Festival. Una nuova versione del remix, caratterizzata dalla partecipazione vocale di Jonathan Davis dei Korn, è stata pubblicata l'anno seguente nell'album di remix Reanimation con titolo di 1stp Klosr. Nell'EP Collision Course del 2004 è presente un mash-up del brano con 99 Problems di Jay-Z e Points of Authority, intitolato Points of Authority/99 Problems/One Step Closer.

La canzone è stata reinterpretata dai Richard Cheese and the Lounge Against the Machine nel 2002 (per l'album Tuxicity) e dai No Doubt nel 2003. Nel 2020 il cantante statunitense Grandson ha pubblicato una propria versione del brano esclusivamente su Spotify.[8]

Video musicaleModifica

Il video, nato da un'idea del DJ del gruppo Joe Hahn e diretto dall'ex-regista porno Gregory Dark a Los Angeles, mostra il gruppo attorniato da acrobati e samurai intento a eseguire il brano presso i sotterranei di un tunnel, vicino ad un ospedale abbandonato.

Al video ha partecipato anche il bassista Scott Koziol, il quale curò le parti di basso del brano durante le sessioni di registrazione di Hybrid Theory. Sul muro del tunnel appare il soldato alato dalla copertina di Hybrid Theory, mentre sul DJ set di Hahn si può notare il logo del gruppo mentre si chiamava ancora Hybrid Theory.

ApparizioniModifica

One Step Closer venne inserito nei videogiochi Rock Band 2, come brano suonabile con tutti gli strumenti, e Guitar Hero: On Tour Decades. Il brano apparve inoltre nei film del 2001 Dracula's Legacy - Il fascino del male e The Experiment - Cercasi cavie umane.[9][10]

TracceModifica

Testi e musiche dei Linkin Park, eccetto dove indicato.

CD promozionale (Stati Uniti)
  1. One Step Closer (Album Version) – 2:36
  2. One Step Closer (Rock Mix) – 2:36
CD singolo (Europa), MC (Regno Unito), 10" (Regno Unito)
  1. One Step Closer – 2:39
  2. My December – 4:21 (Mike Shinoda)
CD maxi-singolo (Australia, Europa)
  1. One Step Closer – 2:39
  2. My December – 4:21 (Mike Shinoda)
  3. High Voltage – 3:45
  4. One Step Closer (Video) – 2:55
CD promozionale (Stati Uniti) – Humble Brothers Remixes
  1. One Step Closer (Humble Brothers Remix) (Extended) – 6:13
  2. One Step Closer (Humble Brothers Remix) (FM Radio) – 3:12
  3. One Step Closer (LP) – 2:35
CD promozionale (Stati Uniti) – Humble Brothers Extended Remix
  1. One Step Closer (Humble Brothers Extended Remix) – 6:19
Download digitale – 100 Gecs Reanimation
  1. One Step Closer (100 Gecs Reanimation) – 2:21

FormazioneModifica

Gruppo
Altri musicisti
Produzione

ClassificheModifica

Classifica (2001-17) Posizione
massima
Australia[11] 4
Austria[11] 38
Germania[11] 32
Paesi Bassi[11] 57
Regno Unito[12] 24
Regno Unito (rock & metal)[13] 3
Stati Uniti[14] 75
Stati Uniti (alternative)[14] 5
Stati Uniti (mainstream rock)[14] 4
Stati Uniti (rock & alternative)[14] 14
Svezia[11] 46
Svizzera[11] 42

NoteModifica

  1. ^ (EN) ARIA Charts - Accreditations - 2001 Singles, su Australian Recording Industry Association. URL consultato il 19 gennaio 2013.
  2. ^ (EN) One Step Closer, su British Phonographic Industry. URL consultato il 18 settembre 2021.
  3. ^ (EN) Linkin Park - One Step Closer – Gold & Platinum, su Recording Industry Association of America. URL consultato il 9 agosto 2017.
  4. ^ One Step Closer (certificazione), su FIMI. URL consultato il 28 giugno 2021.
  5. ^ (EN) Linkin Park, 15 years ago, the band's first single came out., su Twitter, 28 settembre 2015. URL consultato il 28 settembre 2015.
  6. ^ (EN) One Step Closer, su Linkin Park. URL consultato il 1º agosto 2014 (archiviato dall'url originale il 21 settembre 2014).
  7. ^ (EN) ShoutWeb Interview, in ShoutWeb, ottobre 2000. URL consultato il 28 settembre 2015 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  8. ^ (EN) Graham Hartmann, Fever 333 + grandson Unleash Linkin Park 'In the End' + 'One Step Closer' Covers, su Loudwire, 28 novembre 2020. URL consultato il 1º novembre 2020.
  9. ^ Appitalism - The place for premium and free music, eBooks, apps and games
  10. ^ Das Experiment (2001) - IMDb
  11. ^ a b c d e f (EN) Linkin Park - One Step Closer, su Ultratop. URL consultato il 21 maggio 2013.
  12. ^ (EN) Official Singles Chart Top 100: 21 January 2001 - 27 January 2001, su Official Charts Company. URL consultato il 21 maggio 2013.
  13. ^ (EN) Official Rock & Metal Singles Chart Top 40: 21 January 2001 - 27 January 2001, su Official Charts Company. URL consultato il 21 maggio 2013.
  14. ^ a b c d (EN) Linkin Park – Chart history, su Billboard. URL consultato il 29 novembre 2021. Cliccare sulla freccia all'interno della casella nera per visualizzare le varie classifiche.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Heavy metal: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di heavy metal