Orticoltura

coltivazione di piante, principalmente per l'alimentazione, i materiali, il comfort e la bellezza

L'orticoltura[1] è un settore dell'agricoltura che riguarda la scienza, l'arte, la tecnologia e l'attività economica di coltivare piante. Include la coltivazione di piante ortive, piante ornamentali, piante medicinali, piante aromatiche, piante industriali, piante erbacee da frutto (ad es. la fragola), alghe, ecc. Si occupa anche di conservazione delle specie vegetali, ristrutturazione paesaggistica, progettazione e manutenzione di giardini, ibridazione e creazione varietale, gestione di collezioni di interesse botanico, cura di orti botanici, arboricoltura, ecc. Attività svolta fin dall'antichità per fini alimentari e artigianali si è sviluppata e specializzata con le grandi scoperte geografiche, soprattutto nel mondo anglosassone dove la coltivazione di piante insolite divenne ben presto un fattore culturale. Vedi Royal Horticultural Society.

Giardino dell'Orticultura, Firenze.

Può essere praticata per hobby o come attività professionale. Le coltivazioni possono avvenire su terra o su altro tipo di substrato, con metodo convenzionale, biologico o integrato.

I substrati, oltre alla terra, possono essere diversi e variamente mescolati tra loro: pomice, lapillo vulcanico, corteccia, torba, marna, fibra di cocco, sabbia, tufo, compost, ecc.

La storia dell'orticoltura si sovrappone alla storia dell'agricoltura e alla storia della botanica.

Le origini dell'orticoltura risiedono nella transizione delle comunità umane da uno stile di vita nomade come cacciatori-raccoglitori a comunità orticole sedentarie o semi-sedentarie. Nella foresta pluviale amazzonica precolombiana, i nativi usavano il biochar per migliorare la produttività del suolo bruciando i rifiuti vegetali[2]. I coloni europei chiamarono questo suolo Terra Preta de Indio[3]. Nelle aree forestali, tale orticoltura veniva spesso praticata in "swiddens" (aree di terra in cui sono state utilizzate tecniche di taglio e bruciatura per prepararla alla coltivazione[4]) o aree "taglia e brucia"[5]. Nel Nord America prima del contatto, le comunità orticole semi-sedentarie dei boschi orientali, che coltivavano mais, zucca e girasole, contrastavano nettamente con le comunità nomadi e le comunità di cacciatori-raccoglitori del popolo delle pianure. Le culture mesoamericane si concentrarono nella coltivazione di colture su piccola scala, come la "milpa" o il campo di mais, intorno alle loro abitazioni o in appezzamenti specializzati che venivano visitati occasionalmente durante le migrazioni da un'area all'altra[6]. In America centrale, l'orticoltura Maya comportava l'aumento della foresta con alberi utili come papaia, avocado, cacao, ceiba e sapota. Nei campi di grano venivano coltivate più colture come fagioli, zucche e peperoncini e, in alcune culture, queste colture erano coltivate principalmente o esclusivamente da donne[7].

Tecniche e pratiche

modifica

Propagazione

modifica

La propagazione delle piante in orticoltura è il processo in cui la moltiplicazione di una specie o cultivar è controllata per soddisfare il desiderio dell'orticoltore. Viene utilizzato principalmente per aumentare il numero di singole piante preservando le caratteristiche genetiche e morfologiche desiderate. La propagazione coinvolge metodi sia sessuati che asessuati[8]. Nella propagazione sessuata vengono utilizzati i semi, mentre la propagazione asessuata comporta la divisione delle piante, la separazione di tuberi, cormi e bulbi e tecniche come il taglio, la stratificazione, l'innesto[9].

La propagazione dei semi è un metodo comune sia per le piante autoimpollinanti che per quelle a impollinazione incrociata[10]. Se conservati in un ambiente fresco e asciutto, i semi possono durare anni e sono un modo efficiente in termini di spazio per conservare le piante e trasmettere raramente virus. Tuttavia, i semi non conservano l'omogeneità genetica e, a seconda della specie, possono impiegare molto tempo per crescere in una pianta matura.

La propagazione asessuata o vegetativa si basa sulla rigenerazione dei tessuti vegetali. La propagazione asessuata conserva caratteristiche genetiche e morfologiche e consente la propagazione di specie che non producono semi. Tuttavia, la ridotta diversità genetica significa che ogni individuo prodotto è suscettibile alle stesse malattie[11].

Controllo delle variabili ambientali

modifica

Il controllo ambientale è coinvolto a tutti i livelli dell'orticoltura, sebbene l'ampiezza del controllo vari tra l'hobbista e l'orticoltura commerciale. Il controllo di base coinvolge la posizione di impianto, la disponibilità di luce solare, la disponibilità di acqua, la latitudine e la longitudine.

Un controllo più intensivo può comportare l'uso di strutture fredde, serre e case ombreggianti. I telai freddi forniscono un ambiente chiuso, sono costruiti vicino al suolo e con un piano in vetro o plastica. Il vetro o la plastica permettono alla luce solare di entrare nel telaio durante il giorno e prevengono la perdita di calore che sarebbe andata persa come radiazione a onde lunghe durante la notte. Ciò consente alle piante di iniziare a crescere prima dell'inizio della stagione di crescita. Le serre sono simili nella funzione, ma sono più grandi nella costruzione e riscaldate con una fonte esterna, come il vapore. Possono essere costruite in vetro, anche se sono realizzate principalmente con fogli di plastica. Le serre più costose e moderne possono includere il controllo della temperatura attraverso il controllo dell'ombra e della luce o l'aria condizionata e l'irrigazione automatica[11].

Il controllo della temperatura può essere effettuato attraverso una varietà di metodi. Coprire le piante con plastica sotto forma di coni o tunnel può avere lo stesso effetto delle serre. La pacciamatura è anche un metodo efficace per proteggere le piante dal gelo. Altri metodi di prevenzione del gelo includono l'uso di macchine eoliche, riscaldatori e irrigatori[11].

Il controllo della luce aumentando o diminuendo artificialmente la lunghezza effettiva del giorno attraverso l'uso di luci fluorescenti determina il tempo in cui può avvenire la fotosintesi. Ciò aumenta il tempo in cui la pianta può crescere e svilupparsi. Il controllo della quantità di luce controlla anche quali piante fioriscono, l'allungamento del giorno incoraggia la fioritura delle piante a giorno lungo e scoraggia la fioritura delle piante a giorno breve o "brevidiurne"[11].

I metodi di gestione del suolo includono l'uso della rotazione pianificata delle colture per prevenire il degrado dei suoli che si osserva nelle monocolture (necessità di riferimento), l'applicazione di fertilizzanti e l'analisi del suolo[11].

I metodi di gestione dell'acqua prevedono l'utilizzo di sistemi di irrigazione e drenaggio, controllando l'umidità del suolo in base alle esigenze della specie. I metodi di irrigazione[12][13] includono l'irrigazione superficiale, l'irrigazione a pioggia, la subirrigazione e l'irrigazione a goccia. Il volume dell'acqua, la pressione e la frequenza vengono modificati per ottimizzare l'ambiente di crescita. Su piccola scala l'irrigazione può essere effettuata manualmente[11].

Selezione delle piante

modifica

Quando si selezionano le piante da coltivare, un orticoltore può considerare gli aspetti delle piante in base all'uso previsto e può includere la morfologia, la rarità e l'utilità delle piante[14].

Preparazione del letto pre-impianto

modifica

Prima della semina, le aiuole vengono diserbate, viene rimosso il pacciame extra, vengono aggiunti fertilizzanti o altri arricchimenti del suolo, il letto viene dissodato e il sistema di irrigazione viene testato[14].

Aggiunta di piante

modifica

Se si trapiantano piante da un vaso a un letto di terra, le piante vengono piantate alla stessa profondità del vaso e sono distanziate in modo da non affollare le piante[14].

La potatura ha molteplici funzioni. Se si coltivano arbusti, la potatura della crescita eccessiva aiuta a preservare la forma. La potatura può anche aumentare la quantità di boccioli di fiori su alcune specie di piante da fiore[14].

Pacciamatura

modifica

La pacciamatura è il processo di applicazione di uno strato di pacciame sopra lo strato di terreno di un giardino. Il pacciame è un soppressore naturale delle infestanti, conserva l'umidità e aiuta a moderare la temperatura del suolo. Esistono diversi tipi di pacciame e comprende substrati di foglie e corteccia[14].

Gestione delle infestanti

modifica

Le erbe infestanti possono essere soppresse e gestite attraverso tecniche come la pacciamatura, la selezione di specie che riducono le erbe infestanti e l'utilizzo di tecniche colturali[14].

Organizzazioni

modifica

Esistono varie organizzazioni in tutto il mondo che si concentrano sulla promozione e l'incoraggiamento della ricerca e dell'istruzione in tutti i rami della scienza orticola; tali organizzazioni includono l'International Society for Horticultural Science[15] e l'American Society of Horticultural Science[16].

Nel Regno Unito ci sono due principali società di orticoltura. L'Ancient Society of York Florists è la più antica società orticola del mondo ed è stata fondata nel 1768[17]. Inoltre, la Royal Horticultural Society, fondata nel 1804, è un ente di beneficenza nel Regno Unito che guida l'incoraggiamento e il miglioramento della scienza, dell'arte e della pratica dell'orticoltura in tutti i suoi rami[18].

Il Chartered Institute of Horticulture (CIoH) è l'organismo professionale che rappresenta gli orticoltori in Gran Bretagna e Irlanda[19] pur avendo una filiale internazionale per i membri al di fuori di queste isole. L'Australian Society of Horticultural Science è stata fondata nel 1990 come società professionale per promuovere e migliorare la scienza e l'industria dell'orticoltura australiana[20]. Infine, il New Zealand Horticulture Institute è un'altra nota organizzazione orticola[21].

In India, la Horticultural Society of India (ora Indian Academy of Horticultural Sciences) è la società più antica che è stata fondata nel 1941 a Lyallpur, Punjab (ora in Pakistan), ma è stata successivamente trasferita a Delhi nel 1949[22]. L'altra organizzazione degna di nota funzione dal 2005 è la Società per la promozione dell'orticoltura con sede a Bangalore[23]. L'orticoltura nello stato indiano del Kerala è guidata dalla Kerala State Horticulture Mission[24].

La National Junior Horticultural Association (NJHA) è stata fondata nel 1934 ed è stata la prima organizzazione al mondo dedicata esclusivamente ai giovani e all'orticoltura. I programmi NJHA sono progettati per aiutare i giovani a ottenere una conoscenza di base dell'orticoltura e sviluppare competenze in questa arte e scienza in continua espansione[25].

La Global Horticulture Initiative (GlobalHort) promuove partenariati e azioni collettive tra le diverse parti interessate nel settore dell'orticoltura. Questa organizzazione si concentra in particolare sull'orticoltura per lo sviluppo (H4D), che prevede l'utilizzo dell'orticoltura per ridurre la povertà e migliorare la nutrizione in tutto il mondo. GlobalHort è organizzato in un consorzio di organizzazioni nazionali e internazionali che collaborano in attività di ricerca, formazione e generazione di tecnologia progettate per raggiungere obiettivi concordati. GlobalHort è un'organizzazione senza scopo di lucro registrata in Belgio[26].

Stress abiotici

modifica

L'orticoltura commerciale è necessaria per supportare una popolazione in rapida crescita con richieste per i suoi prodotti[27]. A causa del cambiamento climatico globale[28], le temperature estreme, l'intensità degli eventi di precipitazione, la frequenza delle inondazioni e la durata e la frequenza della siccità stanno aumentando. Insieme ad altri fattori di stress abiotico come la salinità, la tossicità dei metalli pesanti, i danni da raggi UV e l'inquinamento atmosferico[29], vengono creati ambienti stressanti per la produzione delle colture poiché l'evapotraspirazione aumenta, i suoli vengono degradati dai loro nutrienti e i livelli di ossigeno si esauriscono, con un risultato fino al 70% di perdita di resa del raccolto.

Stress biotici

modifica

Organismi viventi come batteri, virus, funghi, parassiti, insetti, erbe infestanti e piante autoctone sono fonti di stress biotici e possono privare l'ospite dei suoi nutrienti[30]. Le piante rispondono a questi stress utilizzando meccanismi di difesa come barriere morfologiche e strutturali, composti chimici, proteine, enzimi e ormoni[31]. L'impatto degli stress biotici può essere prevenuto utilizzando pratiche come l'incorporazione della lavorazione del terreno, l'irrorazione o la gestione integrata dei parassiti (IPM)[32].

Trasporti

modifica

Dopo il raccolto, le colture orticole vengono vendute commercialmente. Le condizioni di carico e di transito rappresentano una sfida per mantenere la qualità dei prodotti[33]. La distanza, il tempo di trasporto ei metodi di trasporto sono fattori che devono essere considerati per ridurre al minimo le ammaccature e i danni ai prodotti orticoli.

Gestione del raccolto

modifica

È necessaria cura per ridurre i danni e le perdite alle colture orticole durante il raccolto[34]. Le forze di compressione si verificano durante la raccolta e le merci orticole possono subire una serie di impatti durante il trasporto e le operazioni di confezionamento. Vengono utilizzate diverse tecniche per ridurre al minimo le lesioni e il ferimento delle piante come[35]:

  • Raccolta manuale: questo è il processo di raccolta manuale delle colture orticole. I frutti, come mele, pere e pesche, possono essere raccolti con le cesoie
  • Servizi igienico-sanitari: i sacchi per la raccolta, le casse, le cesoie e le altre attrezzature devono essere puliti prima della raccolta[35].

Tecnologia emergente

modifica

Clustered Regularly Interspaced Short Palindromic Repeats (CRISPR/Cas9) ha recentemente ottenuto il riconoscimento come metodo altamente efficiente, semplificato, preciso e a basso costo per alterare i genomi delle specie[36]. Dal 2013, CRISPR è stato utilizzato per migliorare una varietà di specie di cereali, frutta e verdura. Le colture vengono modificate per aumentare la loro resistenza a fattori di stress biotici e abiotici come parassiti, malattie e siccità, nonché per aumentare la resa, la nutrizione e il sapore[37]. Inoltre, CRISPR è stato utilizzato per modificare tratti indesiderati, ad esempio, riducendo la produzione di sostanze tossiche delle patate. CRISPR è stato impiegato anche per risolvere problemi di bassi tassi di impollinazione e bassa resa di frutta comuni nelle serre.

Tipologie di coltura

modifica

Le colture su terra si possono suddividere in:

  • colture protette (con l'uso di serre più o meno riscaldate)
  • colture semiprotette (con l'uso di sistemi di protezione non praticabili come i tunnel)
  • colture non protette (in pieno campo)

Le colture su substrato comprendono invece differenti materiali e tipologie di coltivazione:

  • in corrente d'acqua (con riciclo dei reflui o con acque di refluo "a perdere") detta orticolpittura
  • su substrati naturali (torbe chiare e torbe scure..)
  • su substrati sintetici (polistirolo espanso, argilla espansa..).

Dato l'alto costo di gestione delle colture su substrato, a questo tipo di coltura vengono destinate principalmente le floricole o le orticole ad alto valore.

Con il termine orticoltura, soprattutto in ambito antropologico, si può intendere una coltivazione che non richieda pratiche particolari, se non quella dello slash'n'burn, né l'utilizzo di attrezzatura specifica, per differenziarla, nello studio dei modi di produzione dall'agricoltura.

Orticoltori storici e rilevanti

modifica

Luca Ghini, Ulisse Aldrovandi, Joseph Banks, James Dickson, William Forsyth, Richard Anthony Salisbury, Nikolaj Vavilov, Charles Baltet, Curt Backeberg, Guglielmo Betto, Tony Avent, Carlos Magdalena, Rene Stalder, Maxime Rome, Gianluca Corazza, Mick Mittermeier, David Scherberich, Viktor Moiseyenko, Alex Cespedes, Lucia Cortopassi, Razvan Chisu, Stijn Stappaerts, Angelo Porcelli, Ina Crossley, Nhu Nguyen, Michael Benedito, John Grimshaw, Oron Peri, Bjørn Malkmus-Hussein, Alberto Grossi, Rogier van Vugt, Geneviève Ferry, Margaret Young, Yoshitoyo Kondou, Vojtech Holubech,...

Coltivazioni

modifica

Si riporta di seguito un breve elenco delle piante orticole:

  1. ^ orticoltura in Vocabolario - Treccani, su treccani.it. URL consultato il 1º giugno 2023.
  2. ^ Solomon, Dawit, Johannes Lehmann, Janice Thies, Thorsten Schafer, Biqing Liang, James Kinyangi, Eduardo Neves, James Petersen, Flavio Luizao, and Jan Skjemstad, Molecular signature and sources of biochemical recalcitrance of organic carbone in Amazonian Dark Earths, Geochemica et cosmochemica ACTA 71.9 2285–2286 (2007) ("Amazonian Dark Earths (ADE) are a unique type of soils apparently developed between 500 and 9000 years B.P. through intense anthropogenic activities such as biomass-burning and high-intensity nutrient depositions on pre-Columbian Amerindian settlements that transformed the original soils into Fimic Anthrosols throughout the Brazilian Amazon Basin.") (internal citations omitted)
  3. ^ Glaser, Bruno, Johannes Lehmann, and Wolfgang Zech, Ameliorating physical and chemical properties of highly weathered soils in the tropics with charcoal – a review, Biology and Fertility of Soils 35.4 219-220 (2002) ("These so called Terra Preta do Indio (Terra Preta) characterize the settlements of pre-Columbian Indios. In Terra Preta soils large amounts of black C indicate a high and prolonged input of carbonized organic matter probably due to the production of charcoal in hearths, whereas only low amounts of charcoal are added to soils as a result of forest fires and slash-and-burn techniques.") (internal citations omitted)
  4. ^ swidden - definizione, su collinsdictionary.com.
  5. ^ McGee, J.R. and Kruse, M. (1986) Swidden horticulture among the Lacandon Maya [videorecording (29 mins.)]. University of California, Berkeley: Extension Media Center
  6. ^ von Hagen, V.W. (1957) The Ancient Sun Kingdoms Of The Americas. Ohio: The World Publishing Company
  7. ^ Thompson, S.I. (1977) Women, Horticulture, and Society in Tropical America. American Anthropologist, N.S., 79: 908–10
  8. ^ (EN) Richard N. Arteca, Introduction to Horticultural Science, Cengage Learning, 14 febbraio 2014, ISBN 978-1-305-17780-2. URL consultato il 7 dicembre 2022 (archiviato dall'url originale il 19 gennaio 2023).
  9. ^ (EN) K. V. Peter, Basics Of Horticulture, New India Publishing, 5 febbraio 2009, ISBN 978-81-89422-55-4. URL consultato il 7 dicembre 2022 (archiviato dall'url originale il 19 gennaio 2023).
  10. ^ (EN) Thomas J. Orton, Horticultural Plant Breeding, Academic Press, 21 novembre 2019, ISBN 978-0-12-815570-7. URL consultato il 7 dicembre 2022 (archiviato dall'url originale il 19 gennaio 2023).
  11. ^ a b c d e f (EN) Horticulture | Definition, Types, Techniques, & Uses | Britannica, su britannica.com. URL consultato il 7 dicembre 2022 (archiviato dall'url originale il 7 dicembre 2022).
  12. ^ Metodi o sistemi di irrigazione, su agraria.org. URL consultato il 1º giugno 2023.
  13. ^ dbxadmin, Tecniche di irrigazione: i vantaggi delle diverse tipologie, su Agritalia, 7 giugno 2019. URL consultato il 1º giugno 2023.
  14. ^ a b c d e f (EN) Horticultural Practices, su District of Saanich. URL consultato il 6 dicembre 2022 (archiviato dall'url originale il 6 dicembre 2022).
  15. ^ ISHS, su ishs.org (archiviato dall'url originale il 22 settembre 2012).
  16. ^ ASHS, su ashs.org. URL consultato l'11 giugno 2016 (archiviato dall'url originale l'11 agosto 2017).
  17. ^ Ancient society of York Florists,oldest horticultural society in world,longest running horticultural show in world established 1768, flower shows in york yorkshire uk,horticultural shows in york yorkshire uk, vegetable shows in york yorkshire uk, fruit shows in york yorkshire uk, floral art shows in york yorkshire uk,handicrafts and baking shows in york uk,dahlia shows in york yorkshire uk,gladioli shows in york yorkshire uk,chrysanthemum shows in york yorkshire uk, auricula shows in york yorkshire uk, sweet pea shows in york yorkshire uk, su ancientsocietyofyorkflorists.co.uk. URL consultato il 13 luglio 2016 (archiviato dall'url originale il 12 novembre 2018).
  18. ^ The Royal Horticultural Society, UK charity focussed on the art, science and practice of horticulture., su The Royal Horticultural Society Website. URL consultato il 13 gennaio 2018 (archiviato dall'url originale il 26 maggio 2019).
  19. ^ CIoH, su Chartered Institute of Horticulture (archiviato dall'url originale il 7 settembre 2015).
  20. ^ Australian Society of Horticultural Science – Australian Society of Horticultural Science, su aushs.org.au. URL consultato l'11 giugno 2016 (archiviato dall'url originale il 19 gennaio 2023).
  21. ^ RNZIH – Royal New Zealand Institute of Horticulture – Home Page, su rnzih.org.nz. URL consultato il 26 ottobre 2012 (archiviato dall'url originale il 19 gennaio 2023).
  22. ^ (EN) Headquarters, su IAHS. URL consultato il 19 agosto 2021 (archiviato dall'url originale il 19 agosto 2021).
  23. ^ SPH, su sph.iihr.res.in. URL consultato il 19 agosto 2021 (archiviato dall'url originale il 19 agosto 2021).
  24. ^ (EN) State Horticulture Mission – Government of Kerala, su shm.kerala.gov.in. URL consultato il 1º giugno 2023.
  25. ^ Home – NJHA, su njha.org. URL consultato l'11 giugno 2016 (archiviato dall'url originale il 19 gennaio 2023).
  26. ^ The Global Horticulture Initiative, su globalhort.org. URL consultato l'11 giugno 2016 (archiviato dall'url originale il 13 aprile 2018).
  27. ^ Avinash Chandra Rai (a cura di), Stress tolerance in horticultural crops: challenges and mitigation strategies, Cambridge, Woodhead Publishing, 2021, ISBN 978-0-323-85363-7, OCLC 1251764903.
  28. ^ Horticulture and its role in tackling climate change, su Harewood House. URL consultato il 1º giugno 2023.
  29. ^ (EN) Muhammad Saqib, Muhammad Akbar Anjum e Muhammad Ali, Horticultural Crops as Affected by Climate Change, Springer International Publishing, 2022, pp. 95–109, DOI:10.1007/978-3-030-79408-8_7, ISBN 978-3-030-79408-8. URL consultato il 1º giugno 2023.
  30. ^ Colin W. Wrigley, Harold Corke, Koushik Seetharaman e Jonathan Faubion (a cura di), Encyclopedia of food grains, Second, Kidlington, Oxford, UK, 2016, ISBN 978-0-12-394786-4, OCLC 939553708.
  31. ^ Elhadi M. Yahia e Armando Carrillo-Lopez (a cura di), Postharvest physiology and biochemistry of fruits and vegetables, Duxford, United Kingdom, 2019, ISBN 978-0-12-813279-1, OCLC 1061148070.
  32. ^ Xanthoula-Eirini Pantazi, Dimitrios Moshou e Dionysis Bochtis, Intelligent data mining and fusion systems in agriculture, London, 2020, ISBN 978-0-12-814392-6, OCLC 1124761701.
  33. ^ Brian Thomas, Denis J. Murphy e Brian G. Murray (a cura di), Encyclopedia of applied plant sciences, 2nd, Oxford, Academic Press, 2016, ISBN 9780123948083, OCLC 958565511.
  34. ^ (EN) Zaharan Hussein, Olaniyi A. Fawole e Umezuruike Linus Opara, Harvest and Postharvest Factors Affecting Bruise Damage of Fresh Fruits, in Horticultural Plant Journal, vol. 6, n. 1, 1º gennaio 2020, pp. 1–13, DOI:10.1016/j.hpj.2019.07.006, ISSN 2468-0141 (WC · ACNP). URL consultato il 7 dicembre 2022 (archiviato dall'url originale il 7 dicembre 2022).
  35. ^ a b Elhadi M. Yahia (a cura di), Postharvest technology of perishable horticultural commodities, Duxford, United Kingdom, 2019, ISBN 978-0-12-813277-7, OCLC 1109725060.
  36. ^ (EN) Yang Liu, Chunling Zhang, Xiaofei Wang, Xiuming Li e Chunxiang You, CRISPR/Cas9 technology and its application in horticultural crops, in Horticultural Plant Journal, vol. 8, n. 4, 1º luglio 2022, pp. 395–407, DOI:10.1016/j.hpj.2022.04.007, ISSN 2468-0141 (WC · ACNP). URL consultato il 7 dicembre 2022 (archiviato dall'url originale il 7 dicembre 2022).
  37. ^ (EN) Tian Wang, Chunjiao Zhang, Hongyan Zhang e Hongliang Zhu, CRISPR/Cas9-Mediated Gene Editing Revolutionizes the Improvement of Horticulture Food Crops, in Journal of Agricultural and Food Chemistry, vol. 69, n. 45, 17 novembre 2021, pp. 13260–13269, DOI:10.1021/acs.jafc.1c00104, ISSN 0021-8561 (WC · ACNP), PMID 33734711. URL consultato il 7 dicembre 2022 (archiviato dall'url originale il 7 dicembre 2022).

Bibliografia

modifica
  • Antonio Saltini, L'orto dell'Eden. Maghi, veggenti e scienziati dell'agricoltura "naturale", Edagricole, Bologna 1988

Voci correlate

modifica

Altri progetti

modifica

Collegamenti esterni

modifica
Controllo di autoritàThesaurus BNCF 11843 · LCCN (ENsh85062204 · GND (DE4019294-5 · BNF (FRcb119320437 (data) · J9U (ENHE987007529264505171 · NDL (ENJA00561945
  Portale Agricoltura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di agricoltura