Apri il menu principale

Orto botanico di Napoli

Orto botanico di Napoli
Napoli - Real orto botanico.jpg
L'ingresso
Ubicazione
StatoItalia Italia
LocalitàCoA Città di Napoli.svg Napoli
IndirizzoVia Foria, 223
Caratteristiche
TipoOrto botanico
FondatoriGiuseppe Bonaparte
Apertura1807
Sito web

Coordinate: 40°51′40.89″N 14°15′44.86″E / 40.861359°N 14.262462°E40.861359; 14.262462

L'Orto botanico di Napoli, conosciuto anche come Real orto botanico, è una struttura dell'Università Federico II, che fa parte della Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali; ha una estensione di 12 ettari e ospita circa 9000 specie vegetali e quasi 25000 esemplari. Si trova in via Foria, vicino al Real Albergo dei Poveri.

StoriaModifica

Dalla fondazione al secondo dopoguerraModifica

Fondato il 28 dicembre 1807 con decreto di Giuseppe Bonaparte[1], l'orto botanico fu costruito su alcuni terreni precedentemente appartenuti ai Religiosi di Santa Maria della Pace e all'Ospedale della Cava. In realtà il progetto fu inizialmente avallato dal re Ferdinando IV, attraverso l'intercessione di Giuseppe Beccadelli di Bologna che nel 1776 ottenne dal sovrano un finanziamento[2]; la Rivoluzione Napoletana del 1799 tuttavia ne rese impossibile la realizzazione[3].

Il progetto venne portato avanti da due architetti. Il primo, Giuliano de Fazio, è autore della facciata monumentale e del viale a essa perpendicolare, della stufa temperata, e del viale che porta al Castello. La parte inferiore è invece opera di Gaspare Maria Paoletti.

 
Busto di Michele Tenore all'interno dell'orto

Il primo direttore dell'Orto, che aprì i battenti nel 1811, fu Michele Tenore (nominato l'anno precedente[1]). Tenore si occupò sia dell'attività scientifica, che delle relazioni esterne. Per quel che riguarda la prima, grande importanza fu data alla ricerca e alla didattica. Furono messe a coltivazione molte specie di uso e interesse in campo medico, ma anche piante esotiche. Le seconde furono portate avanti presso le maggiori istituzioni botaniche d'Europa. Alla fine della sua esperienza come direttore della struttura, nel 1860, le specie coltivate giunsero quasi a toccare il numero di 9000.

Guglielmo Gasparrini, entrato in carica nel 1861[4], proseguì nel miglioramento dell'Orto, risistemando alcune aree che versavano in cattive condizioni e creando un'area destinata ad accogliere piante alpine. Durante la sua gestione fu costruita anche una nuova serra riscaldata (che andava a sostituire la precedente, costruita nel 1818, detta Stufa calda). Egli diede molta importanza anche al Museo botanico.

Nel 1868, due anni dopo la morte di Gasparrini, gli subentrò Vincenzo de Cesati, in carica fino all'anno della sua morte, il 1883. A succedergli fu Giuseppe Antonio Pasquale, che era già stato direttore ad interim dopo il 1866 e che rimase in carica per dieci anni fino alla sua morte.[5] Il suo successore, Federico Delpino[6], ebbe molte difficoltà a mantenere intatto il prestigio dell'Orto. Infatti, il suo mandato (1893-1905), fu caratterizzato da notevoli difficoltà economiche.

 
Visuale dell'orto con busto di Domenico Cirillo

Il rilancio doveva essere, quindi, l'obiettivo di Fridiano Cavara, succedutogli nel 1906[6]. Non solo restaurò alcune strutture e aumentò l'entità delle collezioni ma, soprattutto, istituì la Stazione sperimentale per le piante officinali (in seguito diventata Sezione, inizialmente non facente parte della struttura in senso istituzionale, aggregata ad esso solo negli anni settanta) e diede il via alla costruzione di una struttura destinata a diventare la nuova sede dell'Istituto. Nel 1930 fu sostituito da Biagio Longo[7], che ne continuò l'opera di riqualificazione. Sotto la sua direzione, sede dell'Istituto divenne la struttura voluta da Cavara. Nel 1940 vi fu un appuntamento importante, cioè una riunione della Società Botanica Italiana alla Mostra d'Oltremare.

Devastazioni dovute ai bombardamenti, sottrazione di ferro per uso militare, l'arrivo di parte della popolazione in fuga e la decisione di mettere a coltura porzioni dell'Orto per coltivare beni di prima necessità, la conversione di alcune aree della struttura a scopi militari, oltre la trasformazione di una parte della struttura in campo sportivo da calcio[8], ospitante le partite del Napoli[9]: queste furono le conseguenze della Seconda guerra mondiale sulla vita dell'Orto botanico di Napoli.

Dal secondo dopoguerraModifica

Giuseppe Catalano, successore di Longo, fu il primo direttore nominato nel secondo dopoguerra[7]. L'incarico, affidatogli nel 1948[7], si incentrava in particolar modo sulla ristrutturazione dell'Orto, accompagnata ad un arricchimento per quel che riguarda gli strumenti a disposizione dei botanici e dalla trasformazione della "valletta", voluta da Gasparrini, in quello che nel XXI° secolo è il filicetum. Sulla stessa falsariga si mosse Valerio Giacomini, entrato in carica nel 1959[10].

 
Interno dell'orto

Nel 1963 inizia un periodo considerato molto importante per la storia dell'Orto. Diviene infatti direttore Aldo Merola[10]. Sotto la sua direzione, l'Orto acquisì, nel 1967, l'autonomia economica ed amministrativa, il che rese possibile ottenere finanziamenti straordinari per migliorare la struttura: vennero realizzate varie serre (per un totale di 5000 m2), un impianto di riscaldamento e una rete di distribuzione idrica. Grande importanza ebbe l'opera "politica" di Merola, che cercò di ottenere aiuti a livello legislativo (come la creazione di un ruolo professionale specifico ad alta specializzazione: il giardiniere degli orti botanici). Le coltivazioni furono molto arricchite, soprattutto grazie all'opera di Luigi Califano. Furono nuovamente riattivati i rapporti con i principali Orti europei e grande importanza fu data al ruolo didattico della struttura. Uno dei segni più visibili, comunque, dell'opera meroliana è la ridisposizione delle aree secondo due criteri: quello sistematico e quello ecologico.

Il terremoto del 23 novembre 1980 colpì fortemente l'orto botanico, durante il periodo di direzione ad interim di Giuseppe Caputo. Ancora una volta la struttura divenne rifugio per la popolazione. Nel 1981 divenne direttore Paolo De Luca[11], al quale toccò iniziare l'opera di ricostruzione.

Cronologia dei PrefettiModifica

AreeModifica

 
Mappa dell'orto

Le aree espositive sono disposte secondo tre criteri. Quello sistematico, quello ecologico e quello etnobotanico.

Fanno parte dell'area disposta secondo il criterio sistematico le seguenti zone:

  • l'area delle Pinophyta;
  • il filiceto, destinato alla coltivazione di felci e piante affini;
  • il palmeto;
  • l'area delle Magnoliophyta
  • l'agrumeto;

e altre piccole zone dedicate a singole specie.

Secondo il criterio ecologico, troviamo le aree denominate:

  • deserto, area destinata ad accogliere le piante succulente;
  • spiaggia, che vede coltivate le piante più diffuse, appunto, sulle spiagge italiane;
  • torbiera, nella quale vengono coltivate le Cyperaceae;
  • roccaglia, destinata all'esposizione di specie tipiche delle zone calcaree degli Appennini;
  • macchia mediterranea

oltre alle vasche per la coltivazione delle idrofite.

Nella serra tropicale ubicata accanto alla serra Merola è stato riprodotto un mangrovieto con esemplari delle specie Rhizophora mangle, Avicennia nitida, Laguncularia racemosa e Conocarpus erectus.[14]

Infine, l'area etnobotanica è la Sezione sperimentale delle piante officinali

Castello ed altre struttureModifica

  • Il Castello, edificio creato tra il XVI e il XVII secolo. Per molto tempo ha ospitato l'Istituto di botanica, il laboratorio, la biblioteca, l'erbario e il museo; in seguito è diventata la sede delle attività amministrative e tecniche, oltre che del museo di paleobotanica ed etnobotanica.
  • L'edificio della Sezione sperimentale delle piante officinali, nel quale sono custoditi semi di molte piante utili e vengono riconosciuti, essiccati e conservati altri tipi di esemplari vegetali.
  • Il C.I.S.M.E. (Centro Interdipartimentale di Servizio per la Microscopia Elettronica).
  • Dipartimento di Biologia Vegetale della Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali dell'Università di Napoli.

SerreModifica

Le serre dell'Orto sono le seguenti:

  • la Serra Merola, inizialmente conosciuta come Stufa temperata;
  • le Serre Califano;
  • le serre di riproduzione e moltiplicazione.

NoteModifica

  1. ^ a b Ascione, pp. 39
  2. ^ Guarino, pp. 15
  3. ^ Guarino, pp. 17
  4. ^ a b c Ottieri, pp. 60
  5. ^ Per gravi problemi di salute del Pasquale, la direzione del R. Orto Botanico fu affidata a Francesco Balsamo, che fu direttore supplente negli anni 1889-90 e 1890-91 e direttore incaricato negli anni 1891-92 e 1892-93. Cfr. Fridiano Cavara, Francesco Balsamo. Commemorazione, Napoli, Off. cromo tip. Aldina, 1924.
  6. ^ a b c d e Ottieri, pp. 62
  7. ^ a b c d e Ottieri, pp. 63
  8. ^ F. Zecchino, La realizzazione e l'evoluzione dell'Orto Botanico di Napoli (PDF), su Unina.it. URL consultato il 20 novembre 2019.
  9. ^ Pasquale Pezzullo, 70 anni di storia della Frattese Calcio 1928-2004, pag. non visibile books.google.it
  10. ^ a b c d Ottieri, pp. 64
  11. ^ a b c Ottieri, pp. 64
  12. ^ Ottieri, pp. 59
  13. ^ a b c Ottieri, pp. 61
  14. ^ Mangrovieto, in Orto botanico di Napoli.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

BibliografiaModifica

  • L'Orto Botanico di Napoli "1807 - 1992", edito a cura del Ministero per i Beni Culturali ed Ambientali, Soprintendenza per i beni ambientali ed architettonici di Napoli e provincia, a cura di Tommaso Russo, con interventi di Angela Ottieri, Giusi Ascione e Carmine Guarino

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN149000431 · ISNI (EN0000 0001 2181 6541 · LCCN (ENn85348114 · WorldCat Identities (ENn85-348114