Ottava di Pasqua

periodo di otto giorni che va da Pasqua alla domenica in albis

L'Ottava di Pasqua, celebrata come solennità del Signore nel calendario liturgico della Chiesa cattolica, corrisponde ai primi otto giorni del tempo pasquale[1].

Questo tempo ha inizio con la domenica di Pasqua e termina con la successiva domenica in albis, tradizionalmente nota come domenica I post Pascha, in albis, dominica quasi modo o dominica de Thomas.

«Il mistero della Pasqua è così vasto e profondo che non saranno troppi i sette giorni di questa settimana per meditarlo e approfondirlo»

(P. Guéranger, L’anno liturgico. Volume terzo. Tempo Pasquale - Tempo dopo la Pentecoste, Fede e Cultura, Verona 2017, p.47.)

Liturgia dell'Ottava pasqualeModifica

Fondamento biblicoModifica

Già la Pasqua ebraica era seguita dalla settimana detta "degli Azzimi" (Es 12,15.19 ecc.), originariamente una festa indipendente che poi fu gradualmente unita in modo stretto alla celebrazione pasquale.

L'apparizione pasquale di Cristo all'ottavo giorno dalla risurrezione (Gv 20,26) ha certamente contribuito alla formazione dell'Ottava di Pasqua.

Prima del Concilio Vaticano IIModifica

Seguendo l'uso ebraico, la Chiesa ha sempre considerato la settimana pasquale come un unico giorno di festa.

La celebrazione della Domenica di Pasqua (primo giorno dell'Ottava) iniziò quando la veglia pasquale iniziò a terminare più presto, verso mezzanotte o poco dopo[2]. L'antica veglia si concludeva invece poco prima dell'alba: fino al tempo di papa Siricio (384-399) a Roma non si celebrava altra eucaristia pasquale che quella che chiudeva la vigilia.

Sant'Agostino definisce la celebrazione dell'Ottava di Pasqua Ecclesiae consuetudo ("consuetudine della Chiesa").

L'Itinerarium di Egeria precisa in quali giorni i fedeli di Gerusalemme si radunavano nelle diverse chiese in questi giorni.

In riferimento al battesimo amministrato nella veglia pasquale, il settenario pasquale era dedicato soprattutto alla catechesi mistagogica rivolta ai nuovi battezzati. Le catechesi di sant'Ambrogio ne sono una testimonianza.

Il Sacramentario gelasiano (V secolo) testimonia una celebrazione eucaristica In dominico Paschae ("nella domenica di Pasqua"), della quale pone i formulari dopo quelli della messa della notte. Tale messa assunse forme sempre più solenni e, fino al 1952[cos'è successo in questa data?], costituì il vertice dell'anno liturgico.

Nel VII secolo, a Roma, si cantavano i vespri pasquali, caratterizzati da molteplici Alleluia. Le orazioni sono conservate nel Sacramentario gregoriano; esse vengono descritte in maniera particolareggiata nell'Ordo XXVII dell'VIII secolo.

Il Sacramentario gelasiano attesta che l'Ottava di Pasqua terminava con il sabato. Fu all'epoca di san Gregorio Magno che si trasferì la sua conclusione alla domenica, e il Sacramentario gregoriano intitola questa domenica: Dominica post albas. La denominazione Dominica in albis è posteriore.

Il messale precedente alla riforma liturgica indicava le stazioni giornaliere delle celebrazioni.

Dopo il Concilio Vaticano IIModifica

I criteri che orientano l'attuale ordinamento delle celebrazioni dell'Ottava di Pasqua nella forma ordinaria della liturgia si trovano in Norme generali per l'ordinamento dell'anno liturgico e del calendario nn. 22-24:

«22. I cinquanta giorni che succedono dalla domenica di Risurrezione alla domenica di Pentecoste si celebrano nell'esultanza e nella gioia come un solo giorno di festa, anzi come « la Grande Domenica ».

Sono giorni nei quali, in modo del tutto speciale, si canta l'Alleluia.

23. Le domeniche di questo tempo vengono considerate come domeniche di Pasqua e, dopo la domenica di Risurrezione, si chiamano domeniche II, III, IV, V, VI, VII di Pasqua. Questo sacro tempo dei cinquanta giorni si conclude con la domenica di Pentecoste.

24. I primi otto giorni del tempo pasquale costituiscono l'ottava di Pasqua e si celebrano come solennità del Signore.[3]»

La riforma conservò questa ottava, nonostante il desiderio di recuperare l'unità della Cinquantina pasquale, proprio poiché la sua storia ne rivela la natura di "settimana mistagogica": "gli otto giorni sono uniti alla domenica di Pasqua e vengono celebrati come solennità del Signore"[4].

L'Ottava: eucologia e organizzazione delle lettureModifica

I - Dominica ResurrectionisModifica
 Lo stesso argomento in dettaglio: Domenica di Pasqua.

Introito: Resurrexi.

II - Feria secunda (infra octava Paschae)Modifica
 Lo stesso argomento in dettaglio: Lunedì dell'Angelo.

Introito: Introduxi vos.

Vengono presentati i testimoni della risurrezione (At 2,14-32), e si descrive l'incontro del Risorto con le pie donne, cui è affidato il compito di annunciare ai discepoli lo straordinario evento della risurrezione di Gesù (Mt 28,8-15).

III - Feria tertia (infra octava Paschae)Modifica

Introito: Acqua sapientiae.

Martedì: Pietro esorta tutti alla conversione e al battesimo nella fede in Cristo risorto (At 2,36-41), e si narra l'apparizione di Gesù alla Maddalena (Gv 20,11-18).

IV - Feria quarta (infra octava Paschae)Modifica

Introito:Venite benediciti.

Mercoledì: Pietro guarisce lo storpio alla porta del tempio di Gerusalemme (At 3,1-10), e Gesù si fa riconoscere dai discepoli di Emmaus (Lc 24,13-35).

V - Feria quinta (infra octava Paschae)Modifica

Introito: Victricem manum tuam.

Giovedì: Pietro parla dell'uccisione dell'autore della vita per sottolineare che Dio l'ha risuscitato dai morti (At 3,11-26), e il Vangelo attesta che l'annuncio dei profeti si è realizzato nella risurrezione di Cristo al terzo giorno (Lc 24,35-48).

VI - Feria sexta (infra octava Paschae)Modifica

Introito: Eduxit eos.

Venerdì: Pietro annuncia che solo in Gesù c'è salvezza (At 4,1-12), e si narra l'apparizione di Gesù risorto sulle rive del lago di Tiberiade (Gv 21,1-14).

VII - Sabbato (infra octava Paschae)Modifica

Introito: Eduxit Dominus.

Sabato: di fronte alla violenza del sinedrio gli apostoli affermano il dovere dell'annuncio pasquale (At 4,13-21), e Gesù invia i suoi discepoli in tutto il mondo (Mc 16,9-15).

VIII - Dominica Secunda PaschaeModifica

Introito: Quasi modo.

L'ultimo giorno dell'OttavaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Domenica in albis e Domenica della divina misericordia.

L'espressione "Ottava di Pasqua" indica anche l'ultimo giorno dell'ottava. Questo viene chiamato in modi differenti secondo i periodi storici e secondo le varie tradizioni cristiane:

NoteModifica

  1. ^ Cf. Norme generali per l'ordinamento dell'Anno liturgico e del Calendario romano, n.24..
  2. ^ Adrien Nocent (1988), p. 131.
  3. ^ Titolo II. Il ciclo dell'anno liturgico. Tempo pasquale., su unionecatechisti.it.
  4. ^ M. Augè, L'anno liturgico. E' Cristo stesso presente nella sua Chiesa, Libreria Editrice Vaticana, Città del Vaticano 2011, p.153.

BibliografiaModifica

  • M. Augè, L'anno liturgico. E' Cristo stesso presente nella sua Chiesa, Libreria Editrice Vaticana, Città del Vaticano 2011.
  • P. Guéranger, L’anno liturgico. Volume terzo. Tempo Pasquale - Tempo dopo la Pentecoste, Fede e Cultura, Verona 2017.
  • Paolo VI , Lettera apostolica Motu proprio, LETTERA APOSTOLICA MOTU PROPRIO: Mysterii Paschalis, 14 febbraio 1969.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

  Portale Cattolicesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cattolicesimo